Elezioni Comunali ad Ittiri: movimentismi continui alla ricerca del programma e del candidato a sindaco ideale.

Pubblicato il da Ittiri Notte

Elezioni Comunali ad Ittiri: movimentismi continui alla ricerca del programma e del candidato a sindaco ideale.

Ormai ci siamo, o quasi. Le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale di Ittiri sono già alle porte. Anche se in queste lunghe e noisissime sere, preludio di notti insonni ittiresi (in bianco naturalmente ), non si notano "movimenti" strani, "avvicinamenti", "annusamenti", "sondaggi" davanti ad un buon bicchiere di birra, "tastamenti" del terreno umorale politico, richieste di incontri "preventivi" per analizzare la situazione complessiva, "azzardamenti" e proposte politiche oscene. Il "mondo sotterraneo" della politica nostrana è invece riccamente composto e animato da perenni e continue "auscultazioni" (di giorno e di notte), di fibrillazioni atriali che, se le analizziamo per bene ci riportano, checchè ne dicano i falsi soloni e nuovi moralizzatori, indietro agli anni '70 e '80 . Anni che segnarono, fortunatamente per la nostra città in quel particolare momento storico, una svolta epocale nel panorama politico-partitico ittirese. Svolta che venne banalmente rovinata dalla instaurazione di uno strano e curioso "Sistema Ittiri" ( i cosiddetti poteri dell' ideologia affettiva e parentale) che vanificò puntualmente tutti i tentativi di modernizzazione e di un reale rilancio della nostra cittadina di cui oggi se ne pagano amaramente e dolorosamente le conseguenze. Una visione forse troppo riduttiva, con tratti caratteristicamente ideologici, un modo di vedere le cose di sghimbescio, a testa in giù, e quindi penalizzanti nei confronti dei pochi e confusi piani di sviluppo locale; la applicazione di terorie basate tutte sulla filosofia del compromesso storico alla necessaria politica di rilancio, quella creativa e di espansione intendo, della tanto agognata e strombazzata edilizia economica e popolare (a beneficio questa volta dei proprietari terrieri); una arrogante visione, troppo ideologizzata e fondata sul niet, sul diniego ad ogni iniziativa tendente alla proposta per la progressiva valorizzazione del nostro ricchissimo e variegatissimo centro storico; la testarda convinzione che una strada a scorrimento veloce, concepita così come oggi appare, fine solo a se stessa, priva di quei servizi secondari e basilari ad essa connessi, servizi che potevano essere legati a doppio filo al trasporto pubblico attraverso la realizzazione di una linea ferroviaria, collegata al metrò sassarese, ha causato il progressivo spopolamento della cittadina ittirese; questa assenza di servizi, che avrebbero consentito costi accessibilissimi e a tariffe popolari a beneficio degli studenti e della popolazione, ha dato il colpo di grazia alla nostra economia; la mancata individuazione di spiragli sicuri attraverso la stipula di eventuali e necesssarie convenzioni con gli istituti bancari, convenzioni orientate alla individuazione ed al recupero delle vecchie abitazioni abbandonate del centro storico, mantenendone la caratteristica costruttiva, ha determinato una impegnativa espansione dell' agglomerato urbano che va a incidere sul costo dei servizi in generale. E tante altre piccole cose che hanno letteralmente messo in ginocchio Ittiri. Questa visione riduttiva ha generato malessere, povertà, fallimenti di storiche aziende artigianali, emigrazione verso il capoluogo di provincia, disamore verso la politica in generale che non ci ha più consentito di eleggere, in seno al consiglio regionale, un nostro concittadino aldilà della colorazione partitica. Molti militanti politici o presunti tali, responsabili o referenti di movimenti, di gruppi spontanei, di aderenti ad associazioni di categoria e professionali, di artigiani e commercianti, sono impegnati in una sorta di "caccia al candidato ideale" per la carica di sindaco di questa nostra sfortunata città. I nomi sono tanti, tutti degni di nota e di rispetto, ma ancora (è troppo presto per decidere...) nessuno ha preso il coraggio a due mani ed ha annunciato una propria "discesa in campo". Molti concittadini affidano, in particolare i giovani, i loro giudizi e le loro aspettative al network più in voga del momento che è facebook. E' di questi giorni una benevola curiosa e ironica candidatura di un nostro concittadino che, seppur sottolineando la scherzosità del gesto, ha consentito di effettuare una sorta di “sondaggio di Opinione” dal quale è scaturita, tra uno scherzo e l' altro, la volontà dell' ittirese ad eleggere, non ha importanza il colore o l' idea di appartenenza, delle persone per bene. Si è ampiamente manifestato il desiderio di mandare in comune degli amministratori che curino di più gli interessi generali della popolazione e delle sue imprese, e lascino indietro le ambizioni personali e carrierismi. Tutti noi cittadini attendiamo , con quell' ansia e quella trepidazione che caratterizzano le persone incinte, di conoscere e sapere quando vedrà la luce il nostro prossimo massimo rappresentante in seno al consiglio comunale. Vi è anche grande attesa per conoscere a fondo soprattutto, le idee, i programmi, le visioni e le azioni che dovranno essere intraprese nel futuro per rilanciare questa città affaticata e svogliata. Pubblicchiamo il documento che Obiettivo Comune ha postato su facebook nella giornata del 10 gennaio nel quale analizza la situazione in cui versa la nostra città esortando chi ne ha la capacità, a formulare proposte per contribuire a salvare Ittiri dalla gravissima crisi attuale.

....................................

==================

Obiettivo Comune Ittiri - 10 gennaio 2015

Meno cinque. Mancano cinque mesi alle elezioni per il futuro sindaco di Ittiri, e i primi bilanci di questa amministrazione PD si possono iniziare già a fare. La prima domanda che tutti gli ittiresi dovranno porsi è la seguente: a Ittiri si vive meglio o peggio rispetto a dieci anni fa? La seconda: cosa ci ricorderemo di questa giunta comunale di quanto realizzato durante il suo mandato? La terza domanda è questa: qualcuno sa indicare qualche aspetto del paese, diciamo ALMENO UNO, che sia migliorato da quando 10 anni fa si è insediato Tonino Orani a sindaco? La risposta è scontata, NIENTE! Dieci anni da dimenticare. Non una sola traccia, nessuna autocritica, solo fallimenti. Un sindaco tutto fumo che ha governato la città seguendo i suoi umori mattutini, senza una programmazione, senza idee, che balbetta frasi senza senso che denota tutta la sua manifesta incapacità politica. Per non parlare di questa giunta imbarazzante, camuffata da persone di sinistra e invece degli zombie imbambolati che hanno fatto poco o nulla per Ittiri se non quella di incassare il bonifico degli ittiresi ogni fine mese. Se qualcuno avesse ancora qualche dubbio provi a guardarsi intorno, a dare un'occhiata alle strade, ai marciapiedi, all'illuminazione, al centro storico, ai servizi pubblici, alla sanità, all'edilizia, al commercio, al decoro, alla viabilità interna, alle tasse, alla qualità della vita. Tutto è peggiorato. Mentre molti paesi cambiano il loro volto in modo tangibile, Ittiri è sempre più irriconoscibile. Prendiamo ad esempio Usini, nostri vicini di casa. In questi ultimi anni ha cambiato volto alla velocità della luce, in modo positivo naturalmente, merito evidentemente di una buona programmazione e da un ottimo sindaco: verde pubblico curato, rotatorie, fontane, strade decenti, piazze ristrutturate e rimodernate, incremento dell’edilizia, aumento degli abitanti, e poi decoro urbano, pulizia, miglioramento della vivibilità generale e molto altro ancora. Ma la cosa più importante fatta della giunta di Usini è stato quello di proporre progetti, quei progetti utili per accedere ai fondi regionali. Li hanno chiesti, ottenuti, e spesi per la collettività. Noi invece siamo fermi al medioevo con gli ultimi anni governati consecutivamente da giunte con il cuore a sinistra e il portafoglio a destra, colpevoli di mille disastri, certamente più interessati alla loro poltrona e ai loro interessi che non a quella dei cittadini che pretenderebbero di dover rappresentare. Facce di culo arrivisti, serviti e riveriti da ruffiani e portaborse, arroganti totalmente incapaci che hanno affossato Ittiri e che pensano solo alla loro carriera politica. Servi per anni di un partito nazionale come il PD, che niente ha che fare con i problemi della nostra cittadina, perché quì non si conclude mai nulla senza l'ordine dall'alto, e quel poco che c’è di buono va in malora. Non si riesce a portare avanti un bel niente, sia in progetti ambiziosi che quelli a basso costo, niente di niente. Che tristezza. E sotto sotto invidiamo anche un po’ Usini, perché ci rode parecchio che una cittadina importante come la nostra sia sprofondata così in basso, con gli usinesi che se la ridacchiano e mai avrebbero potuto immaginare che un giorno il loro piccolo paese sarebbe diventato più bello e appetibile di Ittiri. Eppure "grazie" ai nostri 10 anni buttati nel cesso, ce l'anno fatta. Che rabbia! Ma possiamo cambiare, dobbiamo cambiare. Dai prossimi cinque mesi dipendono i prossimi cinque anni, non perdiamo neanche un minuto, riprendiamoci la nostra città e il nostro orgoglio. Perché Ittiri non ha bisogno di politici arroganti che manipolano tutto a loro vantaggio, compresa la verità, che ridono tra di loro dei loro affari e che pensano all'elettorato come a una massa di coglioni da convincere e subito dopo da dimenticare. Una classe politica da mandare democraticamente a casa, letteralmente da rifondare. Non ce ne facciamo niente di politici ambiziosi che pensano a tutto meno che ai suoi cittadini, abbiamo solo bisogno di persone oneste e di una classe politica nuova che sappia affrontare i problemi e che su tutto abbia solo un'idea: che ogni cittadino possa esprimere le proprie idee e dare il proprio contributo per migliorare il nostro comune attraverso proposte, suggerimenti e critiche. Noi ci saremo. ‪#Ittirimeritadipiù‬.

Elezioni Comunali ad Ittiri: movimentismi continui alla ricerca del programma e del candidato a sindaco ideale.

Commenta il post

Johnny 05/14/2017 19:21

Grato di come mi aiutano miracolosamente il mio ingrandimento del pene che ho sofferto per così tanto tempo e da allora non ho mai visto alcuna forma di insulto dalla mia donna, prima di allora mi dice sempre tante cattive parole, che non sono Un uomo pieno, ma ora è dopo il sesso ed è arrivato a un punto quando sono stanco come abbiamo sesso dal 12AM fino alle 5AM e ho ancora chiesto di più, ma sono molto felice che dopo aver inteso con DR James la mia vita tornò Intorno, se avete problemi di eiaculazione rapida, problemi di erezione lenta e cumming in tempo. Tutto quello che devi fare è contattare DR James e avere i tuoi problemi risolti per sempre e avere una vita sessuale felice, con il tuo partner o coniuge. Perché oggi sono una testimonianza viva di azione DR James wonder crema. Non perdere più tempo e scrivere a lui nella sua email: enlargementherbs@yahoo.com o il suo numero app: +2349055637784

bingiu 01/14/2015 18:16

questo articolo piaccia o non piaccia dice la sacrosanta verita'.

Giovanni 01/14/2015 12:41

Devo concordare con Biondo. Nessuno si muove per tempo, oppure non te lo lasciano fare, così si arriva all' ultimo giorno e ti ripropongono gli stessi personaggi ! Se ci sono cittadini che hanno le palle e l' intenzione di amministrare bene Ittiri, ebbene le tirino fuori e si facciano vivi.

Biondo 01/14/2015 11:03

Come sempre gli Ittiresi in prossimità delle elezioni per il rinnovo del consiglio comunale, è impegnato a studiare eventuali soluzioni, e strategie per gli apparentamenti.Come sempre le strategie non producono altro, che arrivare all'ultim'ora e fare i soliti pasticci.