I Radioamatori Sardi nel Mondo si ritrovano a Coros per promuovere e festeggiare la Radio. Intervista ad Antonio Solinas storico radioamatore ittirese.

Pubblicato il da Ittiri Notte

I Radioamatori Sardi nel Mondo si ritrovano a Coros per promuovere e festeggiare la Radio. Intervista ad Antonio Solinas storico radioamatore ittirese.

Nelle giornate del 29 e 30 Agosto 2015 avrà luogo ad Ittiri l' annuale appuntamento degli appassionati Radioamatori e dei cultori e collezionisti delle strumentazioni antiche, anche di carattere e fattura artigianale, utilizzate per navigare sulle onde delle trasmissioni radio non solo per fare nuovi incontri personali ma anche, e soprattutto, per salvare delle preziose vite umane. Questo appuntamento sarà, richiamando l' esperienza dello scorso anno, una grande Festa della Radio in Sardegna. Lo scenario è il complesso Monastico di Nostra signora di Coros risalente al secolo XIII (COORDINATE COROS GPS 40.59N 8.59E) posto sull’ altopiano della località Sa Seas ad oltre 500 mt di quota. La manifestazione e’ organizzata dal gruppo Radioamatori Sardi nel Mondo sezione di Alghero che vede l' infaticabile Antonio Solinas, uno dei pionieri del Gruppo Radioamatori Ittiresi, in prima linea nella promozione e nella divulgazione di questa importantissima attività e passione tra i giovani, con il prezioso sostegno e patrocinio del Comune di Ittiri; una strettissima collaborazione della Parrocchia di San Pietro in Vincoli ed il contributo organizzativo e volontario di numerosi appassionati ittiresi. Domandiamo ad Antonio Solinas come è nato il gruppo e l' idea di questa manifestazione:

Risposta: “Il gruppo ha una forte identita’ Sarda – risponde Antonio Solinas - ed e’ nato con lo scopo principale di far conoscere il nome della nostra isola in giro per il mondo attraverso la radio. I suoi associati sono in maggioranza dei cittadini sardi che abitano in varie parti del Pianeta ai quali si sommano anche altri appassionati radioamatori, che noi definiamo di “adozione”, che sono venuti in Sardegna a vivere in pianta stabile”.

Domanda: Avete dei supporti importanti che vi consentono di concretizzare questo appuntamento anche negli anni a venire ?

Risposta: “Oltre al gruppo di lavoro ed ai patrocini, che sono risorse importanti per la realizzazione di questa festa, ci avvaliamo della collaborazione attiva di altre associazioni tra le quali spicca in particolar modo la Pro Loco di Ittiri alla quale si aggiungono i numerosissimi espositori provenienti da varie parti dell’isola. Dopo la bellissima esperienza dello scorso anno – continua Antonio Solinas - con la prima attivazione del Santuario, questo anno si è deciso di trasformare l’ evento in una festa di risalto Nazionale per Radioamatori e non, con attrazioni culturali insolite e originali. (ci sono adesioni da tutta L’isola e dal Continente). Il nominativo utilizzato nella due giorni è speciale: II0FDR , assegnato direttamente dal Ministero dello Sviluppo Economico proprio in occasione della manifestazione”.

Domanda : Come si sviluppa la Festa ?

Risposta: “Oltre alle consuete trasmissioni radio, con ben 5 postazioni trasmittenti diurne e notturne in H24 utilizzando tutte le bande concesse ai Radioamatori, ci saranno numerosi eventi che spaziano dalle mostre di oggetti artigianali di un certo pregio a quelle delle radio d’epoca, amplificatori a valvole, quadri, oggetti d’arte sacra. Le varie associazioni presenti nella Città di Ittiri allestiranno i loro stand, avremo un punto di ristoro e un area riservata ai camper ed alle tende per la notte del 29 agosto. Il gruppo dirigente della Pro Loco avrà cura di organizzare la proiezione di documentari molto interessanti, di una rarità storica, sulla storia della radio ovviamente accompagnati dai commenti ed esposizioni degli esperti del settore. La Notte del 29 – prosegue Antonio Solinas – sarà presente la Società Astronomica Turritana che con i suoi telescopi farà ammirare il plenilunio e alcuni pianeti visibili dalla nostra latitudine. E' a mio parere un grande evento culturale, economico e sociale di cui non solo il nostro territorio, in particolare la nostra cittadina, ha necessità per far sì che alcune micro-economie, ancora sconosciute e annidate in alcuni settori vitali di quell' artigianato creativo locale, possano avere respiro, spazio e riconoscimento. Un evento – aggiunge Antonio - di cui la Sardegna potrà avere bisogno per goderne i frutti attraverso la promozione e la diffusione di quelle mentalità positive legate alla Cultura dell' Informazione. Con questa Manifestazione – si accalora Solinas - si porta a conoscenza della gente il ruolo e la funzione importante che riveste il radioamatore che sia nel passato sia nel Presente, assume una importanza vitale con questo modo di comunicare, che è abbastanza semplice, veloce ed efficace che, in caso di calamità o eventi avversi e’ sempre pronto ad entrare in funzione al servizio delle comunità”.

Ringraziamo Antonio Solinas per la sua disponibilità augurandogli di continuare a coltivare e sviluppare questa sua idea che pone al centro di tutte le cose, aldilà dell' aspetto festaiolo della manifestazione (che non guasta), la fornitura di informazioni in tempo reale a beneficio delle Comunità Locali e dell' intera Sardegna. Per ulteriori delucidazioni e richiesta di informazioni potete contattare Antonio Solinas alla mail is0jxo@libero.it oppure al cellulare 3404141443; Francesco Masia is0aem@gmail.com cell. 3486029074; Filippo Contu is0qqa@alice.it cell.3453439048.

Questo il programma della manifestazione:

Venerdi 28 Agosto: Montaggio apparecchiature e stand

Sabato 29 Agosto: Ore 10:30 Inaugurazione festa ed Inizio trasmissioni radio con nominativo speciale II0FDR; apertura esposizioni: radio militari e d'epoca, mostra di quadri, mostra di manufatti in vetro, mostra e prove amplificatori hi-fi a valvole, esposizione apparecchiature radio moderne, apertura mercatino di scambio apparecchiature radio apertura punto di ristoro.

ore 19:00 . Verranno proiettati dei documentari sull'importanza dei radioamatori nel mondo; su Radio Sardegna e sull'inventore della radio Guglielmo Marconi. Ci saranno anche dei contributi da parte di esperti del settore. Aree di Riposo con camper e Tende.

Ore 20:00 Cena

Ore 21:00 Osservazioni con telescopio

ore 21:30 Ripresa trasmissioni radio in onde medie non stop tutta la notte.

Domenica 30 agosto Ore 7:00 stop trasmissioni per celebrazione Novena e Santa Messa per inizio festeggiamenti della Madonna di Coros.

Ore 9:00 ripresa dei collegamenti radio in vhf, test sulle microonde e riapertura stand espositori ore 11,00 presenza di autorita' e rappresentanza gruppo folk con costume di Ittiri

ore13,00 Pranzo Sardo per tutti i collaboratori

ore 14: 00 Ripresa trasmissioni radio in onde corte e vhf

ore 15:00 Caccia alla Volpe per i ragazzi con trasmettitori radio occultati.

Ore 16:30 estrazione biglietti Lotteria

ore 18:30 chiusura trasmissioni

ore 20:00 fine manifestazione

Commenta il post