Ittiri svegliati !

Pubblicato il da Ischizzaoso

Ma che cosa è successo agli ittiresi.
Dove è andata a finire la acuta intelligenza, la capacità di reinventare dal nulla situazioni, momenti, modi, azioni e argomenti che possano coinvolgere i paesani e "trasportarli", in senso figurato,  verso una rinascita ed una ricrescita positiva ?
Molti si chiedereanno: chi sarà mai questo poveraccio che scrive e afferma tali sciocchezze ? Non si accorge che Ittiri è sempre stato vitale, e lo è tuttora ? Ma dove ha vissuto negli ultimi 25/30 anni  ? Non vede che la gente è positiva, vitalissima, le pregiate produzioni locali ed i produttori  hanno avuto riconoscimenti  in tutto il mondo; che le piccole realtà artigianali vanno a gonfie vele in barba alla crisi mondiale; gli stilisti più importanti della nazione sono dovuti ricorrere alle nostre sarte-ricamatrici, eccellenti maestre, per dare lancio ed importanza ai loro lavori;  che  la città pulsa e ribolle  offrendo una vasta gamma di prodotti, culturalmente elevati, che mirano alla promozione della ittiresità e del territorio ? 


Ed infine che mai come in questo momento, particolarmente importante per la storia della nostra cittadina, ha avuto una amministrazione attiva, giovane, disinteressata e festaiola che sa fare davvero e che realizza concretamente i sogni ed i bisogni della popolazione ?
Ma come si permette ?
Ecco, potrebbe essere questa la risposta che molti nostri concittadini avrebbero intenzione di dare, e probabilmente darebbero. Ma chi sono questi cittadini ? Sapete in che  modo è frazionata e da quale tipologia di cittadini è composto il tessuto socio-politico di Ittiri ?
Mi fermo qui. Dopo la provocazione, incompleta per necessità filosofica, sono attese risposte.
 
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Vincenzo Casiddu 06/22/2013 07:38


grande plauso al blogher  per aver stimolato le coscenze degli imprenditori di ITTIRI,dopo i primi articoli apparsi sul blog molto si è fatto ,è nato il movimento artigiani e commercianti
liberi ,si è costituito il comitato pro zona franca si stanno risvegliando le coscenze .Però vorrei vedere nuovi articoli vorrei capire come la gente ha recepito questo attivismo,vorrei capire
cosa pensa la gente sulle ultime prese di posizione del sindaco,vorrei capire cosa pensa l'opposizione in consiglio comunale ,comunque vorrei invitare tutti a partecipare attivamente al
cambiamento,svegliatevi Ittiresi svegliatevi. 

John 08/16/2012 21:09

Caro Antonio, volevo farti i miei complimenti per quanto riguarda la nuova veste del tuo interessante FORUM O BLOG, dove vedo scritti argomenti vari di natura abbastanza interessante, se questi
argomenti verrebbero aggiornati ovvero discussi a fondo ed in modo continuativo con nuovi post ed ovviamente rispettando i vari temi, sarebbe assai bello partecipare(tempo permettendo) onde poter
dare anche io il mio contributo di idee, a modo di poter migliorare il carattere generale del blog, o perlomeno cercare di animare o movimentare i vari post, con queste due righe ti saluto caro
Antonio, con la speranza di risentirci sempre in ottime condizioni BYE!!

Totoi Fadda 08/23/2012 21:08



Sei troppo forte !



democratico 10/20/2011 12:15


Straniero e fu fundicu hanno toccato un tema(moralità)

Io la definirei (falsa moralità), perchè include la propria frustrazione per risolvere i suoi, e i loro problemi.

Questo si e visto durante le trattative per formare le liste scorse in quanto si sa , chè alcuni eletti oggi in maggioranza, ieri andavano trattando con più chiese ( f.i e G.Deriu)pur di sconfigere
Tonino, per poi tornare indietro per un posto al sole.
Credo chè, Daniele questo lo sappia.
haiò Daniè, perchè non ci fai partecipi.


straniero 07/28/2011 10:32


Vero!i tempi cambiano...e i figli crescono:bei tempi quando vittorio,contestava i dirigenti D.S di mancanza di democrazia,ora non a tempo di contestarsi e impegnato ha portare bombole,da buon
pensionato.
Belli i tempidi democrazia é progresso, quando Tonino,gianni(lat)GianniSenes facevano le guerre democratiche e trasparenti ai mulini a vento.
I tempi cambiano:ora gianlat non acusa più Pepin di essere scudiero della Soro perchè ora è il suo scudiero,bene fecce la Soro ha rifiutare la candidatura con certa gente.


Fabrizio de Andrè 10/06/2010 12:47


Tanto per fare uno stachetto!!

Naturalmente questo fuorionda può non piacere!!

Gli scalmanati della candidatura!!

Pare che ultimamente la febbre del; mi candido io (e ti fatto idere deo chie soe!!)abbia preso piede, dilagando a macchia d'olio!! la risposta del popolo a tali azzardi, viene tradotta in una (ti
lu fatto a bide deo cantu sese o sezzisi simpaticoso!!)risposta popolare che mette in risalto tutta la simpatia espressa nei confronti dei candidati, io la vedo così; se io so che sono antipatico o
antipatica, neanche ci provo a; dare l'opportunità all'altro ad esprimere il proprio parere nei miei confronti, almenochè io non sia inconsapevole di essere antipatico, allora mi candido e cerco di
guadagnare il terreno perduto facendomi vedere in pubblica piazza in veci di "PSEUDOPOLITICANTE" come mi diverto!! Un po come dire; fui in missa ma comente soe essidu dai sa missa appo mandadu
innoramala ai cussu cane, ma DEUSU (in questo caso il popolo!!) già mi perdonas ca poite deo a missa bi ando pro no che finire in s'iferru!! Eccoci qui!! proprio qui che il popolo esprime sovrano
la propria opinione votando verso una persona o gruppi di persone!! Il prolisso pseudopoliticante viene stroncato nella sua carriera ancor prima di nascere!! come mi diverto!! Pro fachere mazza bi
cherede ferru!! Mi dispiace per gli antipatici, anche perchè per poter far parte dei simpatici bisogna avere un minimo di condizione in merito!! non sbucare fuori dal nulla ficcandosi in testa
sogni ibridi!! a volte si rimane delusi!! a volte siamo convinti di sapere tutto e di essere simpatici a tutti invece non è così!! ES; io sono un antipatico, ed appunto so di esserlo quindi il mio
punto di forza lo ho scoperto!! non mi candiderò mai!! per non dare l'opportunità all'altro di farmi a fette, quindi ho già vinto!! sono consapevole!! ☺☺☺ mi piacciono le sfide alla Don Camillo e
Peppone ma si sa che la politica è una dote innata!! Tentare di far crescere il giardino dell'Eden da un fico secco, non funziona!! Puntualizzo una cosa; non sto criticando chi si è candidato, ma
metto in chiaro ciò che il popolo esprime nei confronti dei cantinari politici, i quali come ho detto vogliono sfondare con Mezzucoli creando dei Team che nascono da una serata in pizzeria o peggio
ancora da un crocchio di comari caffèpettegolo !! Bravo Ittiri!! Qui sei sempre stato sovrano nel rispondere!! ammiro comunque l'iniziativa di tali persone, che hanno veramente un'arduo coraggio di
buttare a capofitto il loro intento nel miscuglio degli intenti da migliorare!! Per carità!! Ricandidatevi!! IN EFFETTI Azione e Reazione non mancheranno mai!! Presumo che qualcuno si irerà nel
leggere questo post, con la conseguenza che sappiamo, ma metto in chiaro già da ora che potreste solo aumentare il vostro livello di simpatia nei confronti di un popolo che vi ha valutato!! il mio
è solo un personale appunto tratto da fatti avvenuti, reali, veritieri, quindi non mi si può dire che è sbagliato o NO!! Caro Antonio; il mio non vuole essere il post solitario di un duellante
WESTERN ma serve per mettere a posto le sinapsi intermittenti di persone che ancora sono convinte che hanno ragione!! anche se come ho detto non hanno seminato prima per raccogliere dopo!! ovvero
hanno raccolto le loro simpatie!! naturalmente la reazione di questi sconfitti è dura!! e la pensano così; ma cussoso chi ana votadu itte cumprendene in piusu de noisi!? di nuovo; si bi fui istadu
deo bi l'aia fattu a bidere!! a scanso di qualcuno del TEAM che si è dato pace quindi da saggio accetta la sconfitta sportivamente e questo è da ammirare!! ognuno è libero di fare quello che vuole
e nel mio caso; di scrivere quello che vuole!! naturalmente esponendo la verità a riguardo di vinti e vincitori!! Saluti fabrizio de Andrè (E cantu cantaias bene cussu Fabrizio de Andrè; La
chiamavano Bocca di rosa metteva l'amore metteva L'amore la chiamavano bocca di Rosa metteva L'amore sopra ogni cosa etc...)


Fabrizio de Andrè 10/04/2010 22:43


ITTIRI UNA CITTA IN VIA DI SVILUPPO

Caro Antonio ti rispondo volentieri!!

Ittiri si basa principalmente sull'agricoltura, edilizia pastorizia etc... come abbiamo detto, rimane un problema, trovare nuovi siti e nuovi mondi!! cosa vuol dire!? semplice; vuol dire aggiornare
e competere!! Mi hai fatto una bella domanda Antonio, quello che è brutto è la gatta da depilare, dico depilare, pelare sarebbe troppo lunga, tentare almeno di togliere sradicare in modo veloce,
ovviamente non proprio indolore, quello che fa da mantello ad un corpo, ma in questo caso un mantello inutile!! anche se sono amareggiato dal comportamento dannoso dei miei compaesani cioè Ittiri
contro Ittiri, provo a proporre delle possibilità per migliorare il prodotto ed il modo di produrre di ittiri con conseguente rivoluzione del lavoro, oramai è chiaro che a quanto pare bisognorebbe
fare così; La valorizzazione di un prodotto locale inizia con una rampa di lancio che si chiama rampa "mia" ovvero la mia città mi deve gradire!! Iniziamo dal formaggio, tanto per dare man forte e
carica positiva ai pastori!! Il prodotto LAIT affatto trascurabile, dovrebbe essere presente in varie mense pubbliche, negozi alimentari, anche nei bar ogni intanto non guasterebbe offrire una
sottile fettina di formaggio locale all'avventore, al posto di quei dannati galletti che l'unica cosa che stimolano sono il membro del mio cane!! Un difficile accordo da raggiungere sarebbe quello
di incaricare una persona capace e vendere ai centri di spaccio militari il nostro formaggio, come se non bastasse abbiamo i grandi centri commerciali che del formaggio LAIT non ne conoscono la
benchè minima esistenza ( o se è presente non fa testo!!)!! oltre al fatto che per poter presentare il nostro prodotto bisognerebbe bypassare ogni sorta e forma di tribuna antica dove i domatori di
fantasmi della mente credeno che il formaggio ittirese sia il n°1 al mondo!! SBAGLIATOOO!! Bisogna ridimensionarsi e proporre il proprio prodotto a prezzi concorrenziali facendo si che tale
prodotto venga commercializzato di continuo, esaltandone si le doti con forme di pubblicità appropriata ma mantenendo il contegno Ittirese del vanto a freno!! dopo questa premessa, va tenuto
presente che l'incontro tra acquirente e produttore/venditore nel mercato Locale poi nazionale e se collima estero va curato con dosi di sapiente rispetto per il MARKETING bestia difficile da
domare, purtroppo il confronto compratore e venditore non trova confronto se visto come frutto di compromesso qualità mia così non ti do via!! Giocare una partita a carte con i grandi geni del
Marketing (ovvero ramo dell'economia che si occupa di studiare e analizzare l'interazione del mercato e degli utilizzatori con l'impresa finale)porta ai risultati che spesso e volentieri vediamo;
su casu meu si balede o lu cherese o lu lassasa; please go ahead my fryend to feed you worms!! Così ti rispondono in sintesi i geni del marketing chi ha occhi traduca e chi ha testa intenda!!
seguendo una filosofia costruttiva di competizione ci si prepara ovviamente ad una gavetta rigida ma sopraffina, gavetta che porta ad un impegno costante e spesso non molto remunerativo, ma si sa
che questo è un momento storico da lupi!! è un commerciare per vivere, è inutile portare il prete in caseificio per benedire il formaggio!! con tutto il rispetto verso Dio e i Santi che credo siano
molto impegnati, mi chiedo; ma cosa è caccia alle streghe!! SVEGLIA!! SVEGLIA!! Piantiamola di cercare una spalla su cui piangere!! Ricapitolando; Ipermercati, supermercati, mense militari, piccoli
negozi, mense scolastiche, agriturismi, in provincia e perchè no anche fuori provincia!! Come dicevo; rispettando la rampa di lancio locale, si venderebbe continuamente tutto il formaggio!! adesso
esce fuori qualcuno che mi dice; già fatto! si ma non funziona!! Te la do io L'AMERICA!! Quando si vuole competere con gli altri già forti, si diversifica il proprio lavoro, in pratica basterebbe
fare nuovi tipi di formaggio, dolce, piccante, stracchino tipo philadelfia ed indotto di produzione varia o diversificata!! ora, se uno presenta una serie di prodotti di qualità ed in quantità in
un sito ES; AMERICANO ovvero in una fiera o quant'altro, troverà modo di poter rappresentare il proprio prodotto con il punto di forza della diversificazione che lo porterà spesso e volentieri a
vendere in quantità, purtroppo la qualità che vorremmo pagata a peso d'oro si chiamerà accompagnatore della quantità!! Normalmente questi metodi funzionano!! naturalmente devono essere messi in
atto da parte di persone competenti, non mandare lo stesso operatore agricolo o quant'altro con la pura convinzione che è nato intelligente e sa tutto lui, quindi si è distinto dai colleghi, ma...
in mezzo a dei figli di puttana del marketing tale giovine va a morì ammazzato!! l'integrazione al "computo" cooperativa, va accompagnato dal sistema che io chiamerei AFTER DAY Il giorno dopo, in
pratica tutti i soci dovrebbero togliere il luchetto dalla cabina (la testa)ed aprirsi ad un nuovo sistema, la condivisione!! cosa è; intanto bisogna condividere il macello animali che dovrebbe
appartenere esclusivamente alla cooperativa quindi brandizzare il macello ai fini di non permettere ai gentili sgraffignatori dalle unghie lunghe di infilare lo zampino nella torta!! Altro punto
molto importante; Il mangime non bisogna comprarlo da dottor meneghini o da anselmo ti lucido, semplicemente la macchina organizzativa della cooperativa stessa dovrebbe agire di conseguenza facendo
in modo che sia una sola azienda produttrice di mangimi a fornire il mangime a tutti i soci e a fare i conti a tavolino magari in modo mensile, sarebbe tutto più semplice!! idem per i carburanti e
medicinali, così anche l'assistenza animali (quella vera) in tutto questo andamento si avrebbe un ritorno in danaro non indifferente, danaro che in cassa non starebbe male!! chie giughede pane in
saccu non este ne istupidu e non este maccu!! Dura da digerire hee!! L'acqua cava il sasso; oggi è una proposta domani potrebbe essere realtà!! se si continua a dare caccia alla streghe andando per
binari sbagliati, già mi sento DIO; eittebbada in cue haaa!? ma sezzis tontos e puru con tottu sa beneisciones mia!! di nuovo; OGNUNO E' COME SI VUOLE!! Per adesso mi fermo al prossimo post
cercherò di dare dei consigli che possono servire di aiuto per migliorare sia i fasti dei giovani, ed anche per migliorare l'informazione, che pare sia troppo trascurata!? mezzusu su bar beruuu!!
haaa!! ed anche la nostra bella CITTA' ITTIRI!! che sinceramente più la guardo e più mi viene la tristezza!! che tristezza!! Soe dipiachidu deabberu!!


Fabrizio de Andrè 10/03/2010 20:37


Non sono solito a rispondere in certi blog, però ho visto la tua persona ed il tuo modo è ho voluto partecipare, non per darmi un tono, ma è come ti dico di solito guardo e passo!! Sono contento
che ti abbia colpito il mio ordine anarchico nel presentare un etnia, mi piace la libertà nello scrivere e continuo a dire che lo faccio con logica, nonostante L'avanti e indietro post temporale
dei ricordi o descrizioni sia disordinatissimo,(ATTENZIONE PERO'AL LATO IRONICO!!) mi appaga il fatto che molti leggono con piacere, uso l'ordine sequenziale solo in certe descrizioni che nulla
hanno a che vedere con i problemi etnici o socio/culturali, comunque voglio puntualizzare una cosa a riguardo degli studi; (visto che Antonio ha citato le lauree da strada come esso si marchia!!) a
volte a certi laureati le lauree ovvero il titolo di studio maturato serve come aggravante!! quindi che io dialoghi con una persona laureata o una persona con licenza media o da quinta elementare a
me non importa affatto!! concas chenza oscios; Una testa può essere senza occhi anche se giovane e colta!! torniamo a noi; Il problema/i di Ittiri ( a mio personalissimo parere)è principalmente
legato alle abitudini ETNICHE che si dividono in branche; gia nos arrangiamus, prima branca, seconda branca, in caminu s'acconzas barrios, terza branca gia si podet fachere!! Prendo in mano una
patata bollente, premetto che espongo la verità anche se avevo affermato di fare il Ponzio Pilato ora espongo la mia e per un'attimo mando Ponzio a lavarsi le mani!! (ma se vengo urtato richiamo
ponzio e chiudo la baracca!!) Da tenere presente che non metto punti ma solo virgole durante un discorso scritto finchè non lo chiudo!! Problema agricoltura, carciofai; Si è sempre eclatato il
prodotto ittirese come un prodotto top!! Ma stranamente a livello del mercato comune europeo non ha tenuto testa all'andamento generale, se dovessi presentare un grafico inerente tale attività
risulterebbe che da circa quattro anni fa, l'ascesa è oramai commutata in un declino con inabissamento totale e senza freno perchè!? credo che ognuno è come si vuole!! Quando il tempo era fiorente
i cari carciofai più addanarati e sfiziosi, si radunavano in corso Vittorio Emanuele all'altezza del comune formavano dei crocchi e chiacchieravano, ad un certo punto dal mezzo di questi crocchi si
udiva una voce che si rivolgeva ad un collega carciofaio che stava passeggiando (allora la gente andava su e giù per il corso ma si conosceva adesso il corso è vuoto E LA GENTE POCO SI CONOSCE!!)
li d'avanti e gli chiedeva urlando; A BATTAGLINI ENDIDA BI LASA SA ISCARZOFFA!! rispondeva il passante EMMO!! ribatteva La voce dal crocchio domandando; E A CANTU TI LAS DADA!? Il passante di
nuovo; A MILLI E CHENTU FRANCOS E A TIE A CANTU TI L'ANA PAGADA!! Di nuovo la voce dal crocchio; A MILLI FRANCOS MALASOSTE LI RUADA AI CUSSU CANE DE BATTAGLINI ARRAZZA DE OMINE LADRU A CHIET
CHEREDE ISSU BI LA PAGADA BENE!! ora cosa vuol dire tutto questo riporto di un'apparente ed insignificante torpiloquio in pubblica piazza!? attenzione, questo riporto la sa lunga nei confronti
della rovina dei carciofai!! infatti i carciofai non si sono mai adeguati al mercato comune europeo creando una cooperativa scudo che potesse incentivare la vendita e la proposta del prodotto
proprio in fiere nazionali ed estere!! quando un'idea utopica di creare una cooperativa tra carciofai fù messa in ballo, venne immediatamente sopressa da accuse e scuse senza ritorno, addittando
gli addetti selezionati per la vendita e la ricerca di mercati addirittura come ladri!! Ecco perchè ognuno è come si vuole!! sono le scelte a caratterizzare un'andamento aziendale, con la variante
che pochi sanno che in un'azienda conta molto di più il lato gestionale che quello produttivo, non rispettando questa canonica regola il carciofaio Ittirese si è inabbissato nel più profondo degli
oceani scuri, senza punto di ritorno!! il detto gia l'isco deo!! è caratteristico dell'ittirese, il che lo porta a disintegrare varie attività con le proprie mani!! A sa pedra tosta bi cherede
ferramenta (lo diceva Antonio Sassu al Mariuolo Scorzabecco quale BAINZU OZANU Ricordi Antò!?) infatti ad ittiri verranno a mancare parecchi servizi andandoci ad inciucciare in servizi male accorti
e pagati a caro prezzo da parte dei volgarissimi sassaresi!! o algheresi!! (anche se questo non fa parte dell'agricoltura) Non voglio poi commentare la gelosia fra attività Ittiresi, e itte a fattu
cussu maccu in piusu de a mie!? ma si èste unu culazzu de ampulla un'isfoschiddu ma itte ha fattu!! ecco un'altra sfacettatura ittirese assai distruttiva!! Sarebbe ora di piantarla ed in primis
creare un'associazione dedicata ai problemi della disocuppazione giovanile, sede ove poter discutere delle problematiche odierne e relativo indotto, credo proprio che l'unione faccia la forza,
considerando il detto chentu concas e chentu berrittas, sarebbe opportuno incaricare personale adeguato per la ricerca di lavoro anche temporaneo ed ovviamente la relativa collocazione,
naturalmente tutto dovrebbe essere aggiornato con altri punti di riferimento simili ES; Uffici di collocamento etc... il tutto con rete telematica dedicata, basterebbe un po di impegno e molti
giovani di quelli che scartabrasivano il piazzale antistante il comune, sarebbero al lavoro!! prego si accomodi!! Sento un mormorio e così finisce prima di iniziare!! invece basta alimentare questa
piccola fiammella e forse facendo girare il lavoro ricercandolo come ho detto anche con interventi immediati in tutti i settori autorizzati dal sistema come ho descritto, darebbe un senso materiale
e vita a nuovi lavori!! ES;quante volte una persona cerca il muratore per una piccola riparazione del tetto!? quante volte una persona cerca un'idraulico per la sostituzione del rubinetto e
l'idraulico non ci va proprio!! etc... ecco che codeste persone recandosi in apposito loco avrebbero supporto tecnico con assistenza immediata!! sarebbe più semplice che andare a cercare per tutto
Ittiri il muratore o l'idraulico disocuppato!! questo comunque fa capo ad un'esempio di coerenza e riprende il mio discorso dall'inizio legato alle problematiche del lavoro, che a quanto pare
dipendono da abitudini mai sgrezzate e formate oramai a membro di segugio!! purtroppo è sempre colpa delle scelte!! Riprendendo il discorso che ho lasciato con i carciofai; Pastorizia; Tema
infuocato, acceso, incasinato, pasticciato, deriso, calpestato,maltrattato e frustrato!! che volete che mi alzi in piedi e vi applauda!! non applaudo neanche i parlamenladri!! però.. esiste un
però!! vi ricordate quando si urlava alla pecora pensionata!? Vi ricordate gli anni d'oro!? non voglio ricordare gli anni D'oro dei carciofai quando non fatturavano la merce venduta!! che business
ragazzi!! il pastore allora era pagato in lire, usufruiva di contributi alieni dorati, molti allora parlo di un bel po di anni fa, si sono fatti gli appartamenti ad Alghero con il grande vanto; DEO
SOE ITTIRESU!! Il dado è tratto!! Personalmente oggi i giovani pastori( qui mi riallaccio ad un discorso di Antonio Fadda fatto precedentemente in un post!)non meritano quello che succede in
campagna, si tratta purtroppo di un lascito della disordinata cooperazione e della guerra continua contro gli industriali, che strano ma vero; Anni fa non aveva peso, l'industriale oggi è
demonizzato è diventato improvvisamente un ladro!! ♠♠ questo è il mio voto nei confronti di certi presunti ed antichi pastorti in BERRITTAS!! ecco da qui il detto ognuno è come si vuole!! anche se
un'eredità a volte non la si vuole, la si sopporta ma non la si accetta!! poveri i giovani malcapitati!! Che dire, mettere chiarezza è affare assai tosto, in quanto in questo caso anche Muzio
Scevola direbbe; non mi sono bruciato per colpa mia!! non mi fa certo piacere riportare queste verità, non sono incline alle critiche, benchè le proponga in modo produttivo, mai in forma
denigrante!! comunque è di comune amministrazione per tutte le persone dimenticare i tempi produttivi e anche se acqua passata non macina, la casa si fa dalle fondamenta!! quindi quando i tempi
sono propizi ci si prepara per il futuro predisponendo la propria attività ad affrontare il tempo avvenire stando al passo. Antò adesso ti passo la palla ciao!!


Antonio Fadda 10/04/2010 17:09



"Mamamia ! Ma ite appo fattu ? Urrubbona chi ti pioada, epproitte mi sè trattende goi ?"


Avrei esclamato in questo modo, Fabrizio, se non fossi stato felicissimo di leggerti, di interpretarti nella giusta maniera e di dare voce alla tua lucida rappresentazione di quello che è il vero
tratto caratteriale dell' ittirese.


Una rappresentazione che è dalla parte della ragione.


Che sintetizza in maniera chiara quella che è la vera ittiresità. L' essere di Ittiri. La "pazzosità" (QANTU COSTAS CHI TI COMPORO!).


Altra lucida rappresentazione è il riferimento alle ETNIE divise in BRANCHE, in settori, in gruppi familiari, in greffe affaristico-politiche, in CASTE pseudo industriali (o che tali si
sentono...) che si arrogano il diritto di rappresentare tutto e tutti e di annuire o bocciare dall' alto della loro posizione sociale (su inari deo l' appo...).


Ecco, proprio "su Inari...".


E' questo Dio minore che conta maggiormente in questa nostra povera cittadina. E tutto ruota attorno alla sua continua accumulazione (accumassare). Ogni azione è legata ad un maggiore profitto.
Nel caso, ben rappresentato da te in riferimento ai Gruppi del Corso, dei carciofai si è data più importanza al danaro che alla tutela della salute. Non dico pubblica perchè al momento non vi
sono casi da segnalare, ma privata, di famiglia.


Mi riferisco al mancato controllo (oggi non so come funzioni...) da parte della autorità preposte al grado ed alla quantità di utilizzo di materiali chimici, altamente inquinanti e portatori di
tumori, in agricoltura. Mi riferisco alla esagerazione nell' uso di tali prodotti da parte dei nostri carciofai, in difesa della pianta e quindi "de su inari chi mi produididi...", a scapito di
una tutela della salute. Di quella propria e della famiglia.


Era, e pare anche oggi lo sia, più importante difendere il frutto e accumulare danaro..danaro...danaro....danaro.


Ed era ed è anche oggi una continua guerra tra produttori: si coltivano ettari ed ettari di terreno dove si mettono a dimora "sos tassos", in migliaia e migliaia di numero. In aperta competizione
con il vicino, con l' antagonista-paesano-agricoltore-nuovo ricco. Facendo enormi sacrifici. Levata dal letto all' alba, al buio, caldo o pioggia, neve o grandine, ghiaccio o brina.


Una durissima giornata impiegata ne duro lavoro e azioni meccaniche che richiede la pianta del carciofo.Tutto questo per dimostrare a tutti gli altri quanto si sia bravi e produttivi. Facendo
tutto da soli. Coinvolgendo, male che vada, la famiglia che non risparmia le mogli ed i figli che magari vorrebbero andare a studiare.


Non sarebbe più semplice invece, come giustamente hai sottolineato tu, dare vita ad una organizzazione diversa. Che li veda accomunati in un unico obiettivo che è quello della valorizzazione del
prodotto e la sua corretta commercializzazione ad un prezzo unico ed uguale per tutti. Insomma la cooperazione è sinonimo di innovazione e di crescita. Ed hai perfettamente ragione quando affermi
che "ognuno è ciò che si vuole". Infatti così è.


Ed un ruolo importante c'è l' ha la gelosia e l' invidia tra ittiresi. Infatti qui ad Ittiri "onzi cane furisteri mandigat pane onu". E gli ittiresi devono chiudere le loro attività! E' successo
nel passato e stà accadendo anche oggi, nel presente. Basta dare uno sguardo accurato al settore del commercio e dell' artigianato in genere.


Sulla disoccupazione e sui disoccupati.


La tua idea-proposta era già la mia qualche decennio fa. Il problema è che disoccupati che abbiano davvero voglia di impegnarsi, di responsabilizzarsi, di intrupparsi in una qualsivoglia
organizzazione dove ci sono doveri e regole da rispettare, non se ne vedono !  Preferiscono vivere e dipendere dai "servizi sociali". E' molto più semplice, facile, arriva ogni mese, anche
se è un lavoro saltuario, ma è sicuro. Eppoi posso fare anche qualche giorno di malattia e sono pagato lo stesso !


Non accettano di essere organizzati, creare cooperative di servizi e di lavoro proprio per affrontare le emergenze che tu elencavi (lavori straordinari di manuitenzione in muratura, pitturazione
pareti, servizi di idraulica urgente, servizi di falegnameria ecc. ecc. ) .


Le cooperative alle quali il nostro comune affida gli appalti non sono ittiresi. Ma non per colpa del Sindaco o degli amministratori: non ce ne sono con alcune caratteristiche per cui l' ente
comunaloe deve rivolgersi all' esterno !


Ed è una vergogna per tutti i nostri disoccupati che parlano, parlano, gridano,gridano...ma nulla fanno per cambiare la loro situazione.


Se ne conosci mandamene qualcuno di buona volontà. C'è tanto da fare.


Ti chiedo però, se ne hai volgia e tempo, di affrontare un tema per volta. Ad esempio affrontiamo il tema: quale tipo sviluppo dovrà essere ridisegnato per l' Ittiri del futuro ? Quali le strade
da seguire ?


Ecco, proponi e sprona chi di dovere.


 


 



Fabrizio de Andrè 10/02/2010 02:41


Carissimo Antonio ho letto con piacere la tua risposta, in quei tempi tutto era adeguato al passo dei tempi stessi!! A parte i "soppressori" degli innovativi paladini che cercavano di migliorare il
"BUS" e che allora avevano poche possibilità concesse dai tempi!!Il problema di oggi da come si evince da ciò che vediamo(Alieni a parte)è che; La situazione è fuori passo con i tempi attuali!!
naturalmente questo è il modesto parere di una persona che alla luce di ciò che è produttivo o potrebbe essere produttivo, vede nascere un fico secco!! Dare le colpe ad un binario passato
mal'parallelato da allora, è cosa che per poterne discutere dovremmo riempire il CUGA di post!! la descrizione che hai fatto dei tempi andati è stupenda!! Un pò anche tu come me sei un nostalgico!!
anche io ho conosciuto Antonio Sassu etc... erano persone attente ed intelligenti, almeno a mio avviso, forse un po troppo di bandiera ma malasorte... ben ferrati in materia politica!! ho avuto
occasione di poter parlare con Antonio Sassu, grande persona di larghe vedute, ironico e preciso!! osserva oggi; come si candidano "certi" il popolo le risponde con tutta la sua simpatia!! Antonio
era una persona che sapeva farsi volere bene ma nel vero e proprio senso della parola!! Tanto è vero che allora lo hanno fatto sindaco, mica è stata la scelta di un solo cittadino!! naturalmente
questa è un mio personale parere quindi opinabile!! attenzione; Rimango con la maschera ma ti parlo un'attimo di me; sono una persona a cui piace il progresso ma quello vero!! sono una persona che
gli piacciono gli uomini che abitano sulla terra e me ne frego se qualcuno abita sulla luna!! guardo i cartoni animati di tom&jerry mi piace WILLY COYOTE E BIP BIP, ho una mia cultura
personale, ho un mio lavoro autonomo, quindi non ho nulla contro il progresso e mi piacciono le persone come te che parlano schiette!! Caro Antonio, gli alieni di Central Park, sono li che grattano
la manna dal cielo, ma questo non mi meraviglia!! altrimenti come si snellisce il superfluo!? o a detta loro ciò che pare superfluo!! In quanto ai binari passati lasciati ai giovani di oggi, debbo
condannare con dura sentenza il loro modo di retrocedere a "gambero" con tutte le possibilità che esistono oggi!! non mi si venga a dire che un ventiquattrenne e invalido per colpa nostra!! oppure
è eunuco a causa dei dischi neri che si giravano allora sui giradischi!! magari lo facessero oggi con tanto di club!! non sanno cosa si perdono!! ma oggi esiste il PAD o nano Pad, che indossatolo
rende l'uomo un automa di quelli che si sbattono ai pali e ritornano indietro, ma l'importante è; ascoltare la cosa dal coso!! Non disprezzo i giovani di oggi ma neanche li critico, espongo la mia
opinione ausiliata da dati di fatto!! Prima noi fumavamo figa adesso i giovani fumano lo spinello!! va bene lo stesso!! de GUSTIBUS!! Ognuno è come si vuole!! trovo sia perfettamente inutile
addittare le colpe a chiunque sia solo perchè si vuole trovare una spalla su cui piangere!! Indovina!? oggi vogliono tutti il posto fisso!! Le sigarette in tasca, il cellulare TOUCH SCREEN
puttanella a bordo di una macchina da trentamila e più euro e addio alla produttivita e creatività!! anche questo è progresso!!! ovviamente per chi soldi ne ha!! bene!! non rispecchia certo un
giovane che si prende le sue responsabilità!! non mi pare!! SU BISONZU FACHEDE SU BEZZU A CURRERE!! Ma cosa ne sanno quanti giri fa una trottola!! Poi si attaccano al dopoguerra!! Dicendo; la gente
ha sofferto, quindi ora svestiamoci ed iniziamo a creare un mondo di sesso diverso ma di sesso!!( RINO GAETANO AVEVA RAGIONE!!) allora!? lo so!! la mia opinione seppur vera è cattiva!! rettifico e
faccio il coglione bravo; Bene il mondo è bello ed è agropinto!! insomma si è arrivati in un mondo che bisogna andare a vento e sopratutto non si può dire quanto fa due più due che ti assaltano!!
Antonio Sassu aveva ragione!! Anche dopo morto ha ragione!! tieni presente che io non porto nessuna bandiera politica!! anzi odio i politici!! ora, ho scritto ciò che pensavo e sempre
ringraziandoti dell'ottima e nostalgica descrizione ti saluto e appena posso rispondo ai tuoi bellissimi giusti e simpaticissimi post ciao Fabrizio de Andrè


Antonio Fadda 10/03/2010 17:42



Eh.....Fabrizio, Fabrizio. Ma quanto mi costi ? Se hai notato a me piace scrivere. Imbrattare un foglio bianco di segni, scarabbocchi, punti, virgolame, esclamativi, interrogativi, frasi
compiute, interi periodi, mi dà piacere.


Dall' alto della mia laurea di strada mi cimento e addentro in cose serie, belle, importanti. Che possono essere utili agli altri, oltre che a me stesso, i quali altri hanno il dovere sacrosanto
di confrontarsi e confrontarle con altri scritti e testimonianze. Le tue lettere-post sono di un disordinatissimo ordine che mi danno una carica, ma una carica,  una carica che sfocia poi in
un continuo effluvio di parole e di ricordi !


Credo che tutto questo faccia bene non solo a me ma a tutti i nostri affezionati blog-lettori.


Porterò tutto in prima pagina. Con la speranza che i giovani, quelli dai quali ci aspettiamo un segnale di vita, possano tra una fumata e l' altra trovare il tempo di accendere il cervello e dire
la loro sul come dovrebbe evolversi Ittiri (partendo dai suoi abitanti prima...).


Ti chiedo dunque di continuare a scrivere, anche severamente, a favore o contro la nostra società nostrana. Solo così, forse, potremmo riuscire a risvegliare alcuni interessi fondamentali e
vitali, io direi, per rilanciare la società ittirese in un futuro che, al momento, è ancora lontano. Quasi irraggiungibile.


 


 



Fabrizio De Andrè 09/30/2010 12:26


Rispondo ad Antonio Fadda; come si evince da quanto ho scritto prendendo uno stralcio della canzone del famoso de Andrè e alla luce di quanto esposto nella tua risposta al mio post, non rimane
altro che condividere il contenuto veritiero del tuo post, in sintesi non posso che darti ragione!! Purtroppo la creatività è finita dentro gli i PAD e dentro SKY oppure dentro un decoder DTT!!
Oggi il compenso reale non esiste più!! esiste quello virtuale!! La grande automazione tecnologica ha portato dei sicuri miglioramenti ma come si sa; AZIONE E REAZIONE!! Oggi i giovani hanno
ammazzatto ogni forma di creatività reale andando ad incrementare forme di creatività virtuale alquanto inutili ma stranamente dispendiose in termini materiali!! Il lucro dei grandi per il sollazzo
dei poveri ignoranti!! Purtroppo è questa la realtà!! culo che non ebbe camicia se la cago!! personalmente vedo il futuro dei giovani di ittiri, assai pesante, in compenso si potranno mangiare un
panino virtuale!! La cosa più bella è che; purtroppo ad Ittiri nessuno riesce a completare un sistema informatico che garantisca un serio approccio tra informazione e divertimento, oltretutto non
esiste capacità e conoscenza a riguardo degli apparati informatici in se e questo da luogo a fumate indiane nel senso che il contenuto di competenza dei vari personaggi è assai medievale!! quindi i
giovani si hanno tirato la zappa sui piedi!! A prescindere dal fatto dei servizi delle compagnie telefoniche; dove è finito il famoso cablaggio a fibre ottiche riguardante la rete internet, il
quale doveva sostituire il doppino telefonico? qui ad Ittiri pare sia andato ad aggiornarsi!! forse è andato a URI!! Il mio disappunto è formalmente peggio del tuo!! nella mia vita ho visto
crescere Ittiri sempre allo stesso modo; Un passo avanti e tre indietro!! ho esperienza dell'andamento di altre città, ma anche di altri paesini che a momenti ci surclassano!! Io amo la mia città!!
ma non amo i pasticci che molti hanno precedentemente fatto!! Allora; informatica!? Si!! Solo per chattare con chissà chi e solo per sparare puttanate del tipo; Hai rasato il pratino!? oppure; ieri
mi sono sballato ed il mondo mi è venuto incontro!! una cosa è sicura; non siamo mica circondati da cervella di ammasso!! oramai è tutto al vento!! Chi ha preso ha preso!! E chi la ha presa la ha
presa!!! Sono letteralmente dispiaciuto che Ittiri non risplenda più come una volta!! Comprendere ciò che manca facendo riferimento a tempi passati non è un affare nostalgico ma è semplicemente un
dato di fatto!! quindi oggi produttività ZERO!! Del resto per quanto riguarda le attività un tempo fiorenti, come pastorizia agricoltura ed edilizia, non posto alcun parere anzi; me ne lavo le mani
come Ponzio Pilato, in quanto fermamente convinto che una colpa da parte dei diretti interessati esiste, ma non solo ad Ittiri il fatto e "REO" in tutta la Sardegna!! Non mi piacciono le polemiche,
ma ognuno è come si vuole!! ti saluto caro Antonio, sperando che nel 2012 arrivino gli alieni ad Ittiri per salvare il non salvabile!! Ciao sempre in gamba!! Fabrizio de Andrè


Antonio Fadda 09/30/2010 16:21



Io direi di tirare un lungo respiro, di metterci seduti, rilassati ed affrontare, scrutandolo da e in tutte le sue angolazioni, il problema.


Anzi i problemi.


Negli anni fine '60 inizio '70, anche se la questione sociale era diversa da quella odierna, iniziavamo a spinellare cacca di cavallo nei nostri Club insieme alle nostre donne-ragazzine, il
problema che ci ponevamo era in che modo bisognava interpretare quel cosidetto fenomeno che, allora, si chiamava progresso !


Vestire tipo i Beatles, dinoccolarsi toccandosi le braghe ancora poco sviluppate, aggiustarsi il ciuffo alla Little Tony, fumare quella famosa Cacca di cavallo mista "pidighinzu", indossare i
calzoni lunghi a zampa di elefante, lasciarsi penzolare la sigaretta,rigorosamente nazionale senza filtro!, dal labbro destro, o sinistro, atteggiarsi e recitare parti non rispondenti alla realtà
delle cose, era forse da intendersi come "Progresso"?


Oppure era uno scimmiottare i ragazzi "continentali" e d' oltre manica dai quali dipendevamo ascoltando quel Rock strano, quelle canzoni innovative e rivoluzionarie che ci raccontavano come
andava il mondo, dalla politica imperialista americana a quella dittatoriale Russa a quella "alla Napoletana", tipicamente italiana, dove alcuni focolai di "rivoluzionari", sotto il profilo
culturale, già iniziavano ad ardere e che di li a poco avrebbero incendiato la nostra società.


Anche Ittiri subì questa rivoluzione.


I suoi giovani, almeno quelli più INN, ebbero il coraggio di reagire dando libero sfogo alla creatività in tutte le sue forme. Brulicava Ittiri di Club privati; complessini musicali e canori;
artisti della pittura e della scultura; poeti in erba e cantautori; Radio libere dalle quali si trasmetteva di tutto, su tutto e su tutti, e attraverso le quali si poteva divulgare una
informazione alternativa a quella del cosidetto "potere".


Potere inteso come amministrazione comunale, chiesa, amministrazione centrale.


Insomma Ittiri seguiva il passo.


Ittiri iniziava ad assaporare il dolce del "Progresso"!


Che, come tutte le cose, nascondeva l' amaro.


La droga assassina che dava dipendenza, il tabagismo e l' alcolismo, la prostituzione minorile ed il dilagare della delinquenzialità con una miriade di furtarelli in appartamento. Chi mai potrà
scordarsi quel periodo ?


E sapete chi erano quelli che contrastavano duramente questo evolversi naturale della gioventù nostrana e della sua originale creativita ?


Quelli che ti accusavano di essere "maoista" ?


Quelli che dicevano di "mettere la testa apposto"?


Quelli che cercavano di ingessarti al pensiero unico ?


Sono quelli che hanno partorito alcuni tipini di amministratori, con una mentalità ancora arcaica, padronale, antica, basata ancora sul famosissimo "centralismo democratico" di antichissima
memoria ( ma a quanto pare ancora in auge da queste parti ), sono quelli che cercano di soffocare ogni tentativo di innovazione, anche dal punto di vista culturale e di rapporti personali e di
convivenza civile.


Sono quelli che fanno finta di credere nell' innovazione tecnologica, nella modernità, nell' uguaglianza e nel rispetto, ma fanno di tutto per mantenere le cose come stanno.


All' "Antico", perchè sono emeriti ignoranti. 


Anche noi vecchi giovani leoni, compreso chi scrive per quel poco che ha fatto e detto, abbiamo le nostre responsabilità. Non siamo riusciti attraverso la nostra militanza politica, sociale,
culturale, musicale a dare una svolta ad un modo di pensare, di intendere le cose, di confrontarsi e di costruire.  Non siamo riusciti a far affermare appieno e riconoscerlo entro i recinti
dei partiti quel nuovo modo di pensare, di fare, di intendere le cose. Siamo stati incapaci di imporci ed abbiamo abbandonato il campo. Chi si è omologato, chi si è piegato al sentire comune, ha
fatto strada aprendo una nuova era: quella della Tontologia al potere. In qualsiasi settore. Per curiosità guardiamoci intorno e diamo uno sguardo ai dirigenti, ai funzionari a "quelli che
contano" che hanno posti di potere. Una buona percentuale di questi, oggi 50/60enni, si distinguono per lardagiosità. Scrutiamoli bene, scorriamo i nostri ricordi e pensieri a ritroso. C'è da
ridere e da piangere!


E' vero, hai perfettamente ragione, Ittiri non risplende più come una volta.


Perchè manca un Don Merella ed un Gambella, un Sassu, un Baingio Oggianu, una Toiedda Meloni e, prima ancora un Angelo Dore.


Loro sì che avevano la capacità di risvegliare l' interesse e la creatività degli ittiresi !


Non dobbiamo aspettare gli alieni. Sono già tra di noi.


Li vedi ? Sono in riunione in sala giunta.


 


 



Fabrizio de Andrè 09/26/2010 03:10


Come una freccia dall'arco scocca vola veloce di bocca in bocca, si sa che la gente da buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio si sa che la gente da buoni consigli se non può più dare
cattivo esempio!! C'era un cartello giallo con una scritta nera diceva Ittiri addio è finita las muneras!!


Antonio Fadda 09/28/2010 12:00



Non è solo  finita "las muneras" ma, cosa assai più grave, la capacità intellettuale, la mentalità positiva, le intenzioni propositive, la preparazione in scienze umanitarie, la cultura del
fare.


Oggi assistiamo ( dico oggi ma, per quanto è di mia conoscenza partiamo dagli anni '68/'70) al continuo dissanguamento delle risorse locali. Elargendo, sino all' altro ieri, soldi e risorse ai
soliti, soliti, solitissimi noti, che presentano da circa 30 anni la stessa solfa in cambio dei finanziamenti pubblici. E' così, è sempre stato così, da tantissimi anni. Vengono sottratte risorse
importanti ad altri settori che potrebbero rendere Ittiri una vera cittadina completa di tutti i suoi servizi essenziali. Invece no. Assistiamo alla spendita forsennata di preziosissime risorse
per delle sciocchezze. Dando, ecco questo sì, il cattivo esempio. Cosa che si tramanda di generazione politica in generazione politica. E la gente ? Il popolo ?


A loro, a noi, viene detto : "las muneras è finita!"



ITTIRI è MORTO E NESSUNO SE NE ACCORTO 08/19/2009 12:39

Per Sevadore ex PCI
Buon giorno a tutti,
in merito alla tua del 12/08/09,
Quindi Tonino sta con “er nano” (Silvio Lai) perché sarebbe il meno peggio?... Bene, se il meno peggio è uno che viene considerato dal giornale REPUBBLICA (non proprio una testata Berlusconiana, anzi..) uno che “**fa parte di un comitato d’affari che ha colonizzato il PD nell’isola” Siamo messi davvero MALE! E meno male che era il meno peggio , immaginiamo gli altri!
** Articolo riportato dalla Nuova Sardegna il 25/luglio/2009
Alla tua domanda con chi dovrebbe allearsi, ti sei risposto da solo, con nessuno visto che evidentemente anche tu non trovi persone in grado di creare alleanze serie nel PD di Ittiri e d’intorni! E quindi è lui che per non perdere la poltrona cerca il “meno peggio”, o noh!!?
Poi se vuoi dirmi che per capire che cosa ha fatto la giunta leggi il sito del Comune, beh, e cosa volevi trovarci scritto le cose che non ha fatto?
I risultati della giunta vanno valutati in base alla realizzazione del Programma Elettorale proposto a inizio legislatura, se vuoi puoi compilarlo o farlo compilare sull’articolo presente in questo blog “Chi amministra Ittiri”, e vediamo sui FATTI cosa è stato effettivamente fatto,
perché lo sviluppo non passa dalle feste popolane che poi trovano risalto (giustamente) sulla Nuova, altrimenti potremmo fare amministrare il comune dalla proloco, che ne pensi?
Per quanto riguarda Cappellacci, sta amministrando da 5 mesi circa, come faceva a darle i soldi?
Chi non le ha dato i soldi e L’On. Soru, ma non per demeriti suoi per carità, ma perché i soldi non le sono stati chiesti,(e come cercare di vincere al super enalotto senza giocare la schedina).
L’attuale giunta non ha presentato progetti validi da finanziare, a differenza degli altri comuni (vedi i progetti presentati e finanziati ai comuni sardi sul sito della regione Sardegna e nota la differenza tra Ittiri e gli altri comuni), che migliorano i proprio paese e i loro servizi, vedi Olmedo, Uri, Castelsardo, Usini, Bonorva, ecc ecc
RIPETO L’UNICO PROGETTO REALIZZATTO è IL PALAZZETTO DELLO SPORT FINANZIATO CON I FONDI “PONS” DALL’EX MINISTRO PISANU.
Poi se mi dici che a Ittiri nessuna delle aziende agricole o edili si lamenta, allora io abito in un’altra “città”, parla un po’ con glia agricoltori e gli impresari di Ittiri, che ormai lavorano TUTTI fuori Ittiri e senti un po’…Beato te che non vedi la crisi tanto pubblicizzata dai vertici del TUO partito.
Comunque volevo ricordarti SEMPRE che a Ittiri negli ultimi vent’anni non ha amministrato né BERLUSCONI ne CAPPELLACCI, ma il PARTITO COMUNISTA, quindi al colpa di tutto quello che non si è fatto a chi và data?
PS: e magari se domani a Ittiri piove è colpa di Berlusconi 

Sevadore ex PCI 08/12/2009 18:35

Per Ittiri è morto e nessuno....
Tonino Orani è nel gruppo di er nano perchè non può fare diversamente.
Con chi divrebbe allearsi ?
Forse con gli spissini, che poi sono quelli che hanno amministrato Ittiri sotto la gestione di Fiori ?
Forse con quelli del PPI che non aspettano altro che disarcionarlo per sedersi loro ai posti di comando ?
Sulle cose che ha fatto questa giunta leggo sempre il sito del comune su internet e devo dire che informa abbastanza i cittadini ( almeno quelli che possono collegarsi ).
La Nuova sardegna, nella cronaca locale mi dà le notizie e le informazioni che mi servono. Del resto cosa dovrebbe scrivere ? Che tutto funziona male ?
Avete visto la partecipazione popolare alle cose che vengono organizzate ?
La gente qui pare tutta contenta. Perchè siete così critici ?
Che colpa ha il sindaco se il governo di Cappellacci e di Berlusconi non gli dà i soldi ?
Nessuno degli impresari o delle aziende agricole si lamenta. Anzi se abbiamo visto partecipano tutti contenti e felici alle manifestazioni tipo Prendas. Dove stà dunque la crisi ? Nella fantasia di qualcuno !
Perchè dite che Ittiri è morto. Io vedo la gioventù che esce e spende, i bar sono pieni, le pizzerie vanno a gonfie vele. Ma di quale crisi parlate ?
Salute a tutti
Sevadore.

ITTIRI è MORTO E NESSUNO SE NE ACCORTO 08/10/2009 17:55

Continuo.....
A Ittiri L'edilizia non esiste più, l'agricoltura e in forte sofferenza, l'ospedale lo sappiamo, i giovani e gli anziani son abbandonati a loro stessi, e non mi sembra che negli ultimi vent’anni a ITTIRI abbia amministrato Berlusconi , o no?
Ma un unico movimento politico a Lei tanto caro, quello comunista!

PS: può elencarmi quali punti del programma di DEMOCRAZIA E PROGRESSO realizzati durante questi 5 anni???
( da notare un PICCOLO particolare, che Ittiri essendo stato un comune commissariato, i primi 3 anni di amministrazione Orani NON era soggetto A PATTO DI STABILITà!

ITTIRI è MORTO E NESSUNO SE NE ACCORTO 08/10/2009 17:52

In risposta a Sevadore ex PCI,
non voglio stare a discutere sui tuoi ideali comunisti, ma devi anche essere un po’ coerente, come fai ad attaccare Silvio Lai, e poi a dire che Tonino Orani ha amministrato bene visto che Tonino fa il tirapiedi di "er nano" come l'hai chiamato, e hanno, a dir loro, le stesse idee politiche?
In 5 anni anno solo fatto delle cose imposte per legge, vedi raccolta differenziata, e manutenzioni ordinarie come il taglio delle erbacce e il rifacimento delle strisce e segnaletica stradale in generale(cambiando anche alcuni sensi di marcia “ad personam”), e nessuno progetto concreto(apparte il palazzetto finanziato con i fondi PONS dall'ex ministro Pisanu), ora che usciamo dall'obbiettivo uno(europeo) e noi Ittiresi non siamo riusciti a presentare un solo progetto per riqualificazioni urbane , dei centri storici delle aree extraurbane o delle aree verdi, non abbiamo più possibilità di accedere a nulla!
Dove sono i benefici che Ittiri avrebbe dovuto trarre dai DENARI comunitari per le zone sottosviluppate?
NON CI SONO DENARI, SE NON CI SONO PROGETTI!! E PERCHE NON CI SONO PROGETTI?
IL sindaco in una riunione pubblica intervenendo da poco a detto: Noi i soldi li abbiamo chiesti ma non ce li hanno dati, beh che si faccia un’ esame di coscienza e capisca che se glia altri chiedono e hanno, NOI perché non abbiamo? Forse non sappiamo progettare, e quindi chiedere, e di conseguenza non possiamo avere NULLA!
Mentre vediamo Usini, Uri, Olmedo, Castelsardo, Banari, Bonorva ecc che investono, propongono creano economia e incrementano di abitanti, mentre a Ittiri siamo sotto i 9000 compresi 160 extracomunitari residenti.
Guardi il sito della regione sardegna e veda la differenza tra i progetti presentati e finanziati a Ittiri e agli altri paesi, e tragga le conclusioni debite

Dove finito ITTIRI punto di riferimento del territorio?
Ittiri “PAESE” ricco e produttivo?
.
A Ittiri L'edilizia non esiste più, l'agricoltura e in forte sofferenza, l'ospedale lo sappiamo, i giovani e gli anziani son abbandonati a loro stessi, e non mi sembra che negli ultimi vent’anni a ITTIRI abbia

Ittirese stanco 08/10/2009 13:40

I Militanti Attivi dell' ex PCI di Ittiri

Sui Militanti Attivi ittiresi, quelli dell' ex PCI oggi PD, si possono scrivere saggi e tesi di laurea.
Volumi a non finire per dire poche povere cose:
il Militante Attivo è il Militante Attivo.
Né maschio né femmina, né giovane né anziano.
E' un innamorato, il Militante Attivo. Come tale, quando parla di politica, non ragiona col cervello ma col cuore.
Vive di riunioni, congressi, elezioni, attivi di sezione, attivi di cantina e di ziminate, con la faccia puntata sulla brace caldissima, anche in estate.
E non solo il giorno delle votazioni: quello prima e quello dopo e anche quello prima ancora e quello dopo ancora.
La sua passione non è solo passione : è immedesimazione, senso forte di appartenenza, rito, a volte, il più delle volte, tradizione familiare.
Ed è anche una specie dogma delle sezioni di partito: esiste, non si sa perchè ma esiste, non si sa bene da dove venga ma è presente, sempre, non si sa a cosa porterà di concreto, ma c'è e trascina, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese, anno dopo anno.
Il Militante Attivo è un tifoso.
La parola tifoso deriva da “thifos”.
Significa fumo, vapore, ma anche offuscamento dei sensi, febbre alta.
E quando si ha la febbre alta non si fa molta distinzione tra il politico che merita e l' altro.
Stanno lì, i politici, su un piedistallo.
Se potessero, certi Militanti Attivi li porterebbero come Santi in processione.
Ma se il Militante Attivo è Militante Attivo, il politico è politico.
E' uno che fa questo di mestiere, che insegue fama e ovviamente danaro.
E allora il Militante Attivo resta e il politico se ne va perchè altrove guadagna di più o perchè altrove è più distante dal Militante Attivo.
Dura vita quella del Militante Attivo.
Da quando la politica è un affare di soldi la sua vita è sempre una vita da Innamorato Tradito.
Il guaio però è che il Militante Attivo è sempre un Militante Attivo.
Purtroppo.

Salvatore ex PCI 08/10/2009 12:00

Ci risiamo con l' anticomunismo !
Io sono orgoglioso di essere ancora un comunista, anche se ho aderito al PD che è una miscellanea di ex.
Eh si, ex comunisti del PCI, ex comunisti di DemoProletaria, ex comunisti di DemoProgresso di Gianni Senes,ex socialisti Lombardiani ( mamma che appettito hanno gli Spissiani !! ), ex cristiano sociali di lai er nano, ex democristiani di Giagu, di Soddu, di Dettori.
Perchè ogni volta si deve richiamare in negativo il fatto che uno abbia aderito nel passato alla formazione del PCI ed all' affermazione della sua politica nella nostra cittadina ( sì, CITTADINA !!) tutta protesa alla difesa degli interessi dei lavoratori, dei pensionati, dei poveri, degli emarginati e di tutti quelli che avevano bisogno di una rappresentanza valida.
Certo oggi andiamo a braccetto con i nostri nemici storici, I DEMOCRISTIANI, ma ho potuto notare che questi condividono in pieno la nostra politica amministrativa oltre a quella nazionale che li vede impegnati nella lotta per abbattere la destra berlusconicida.
Per noi va bene se riamministra l' attuale sindaco Orani che tanto bene ha fatto per tutta la cittadinanza.
E basta con le provocazioni dello "schiacciauova" antonio fadda ( non è una mia affermazione polemica, questo epiteto gli era stato coniato da nardo calvia ai tempi del PSI).
Sulle donne penso che l' elenco proposto sia tutto da buttare.
Sevadore ex PCI

Antonio Fadda 08/10/2009 13:19


E bravo !
Sei in perfetta linea con la politica suicida di Ciccischini, iniziata da Bentroni e che avrà epilogo con Ghersani, quello delle parafarmacie nelle coop.
Non essendo ancora rimbambito ( schiacciauova sì, rinco... ancora nò ) ho capito che non appartieni al glorioso PCI che certamente tanto bene ha fatto alle masse operaie, ma anche tanto, tanto
danno !
Sei comunque un libero cittadino, certo crudamente critico, all' ittiresaina, e meriti naturalmente una risposta.
Il PD di Ittiri, che è composto dalla somma dei partiti che hai elencato, è l' ultima sigla che raccoglie nel suo interno varie esperienze, culture e idee, certamente diverse tra loro ( ecco perchè
è destinato a fallire il bersaglio a livello  nazionale) ma che si accomunano in un unico ineteresse che è quello, o dovrebbe essere, la gestione della cosa pubblica a favore delle masse,
della popolazione, in difesa delle fasce più deboli ed esposte della nostra comunità locale.
E sin qui possiamo essere anche d' accordo.
Ritengo comunque che ( ecco lo schiacciauova-pensiero che si fa avanti ) questo partito, il PD, o la somma dei partiti che in esso sono confluiti, che nel prossimo futuro dovrà amministrare la Cosa
Pubblica debbano avere le idee chiare su quale dovrà essere la nuova strategia di sviluppo per il rilancio della nostra cittadina nel panorama politico sia provinciale che regionale.
Ci rendiamo conto che Ittiri non esprime un Consigliere Regionale da tantissimo tempo ?
Ci rendiamo conto che su quel fronte l' ex PCI ed i suoi uomini migliori hanno commesso gravissimi errori favorendo  gli uomini imposti dalla segreteria federale ?
Avete memoria storica ?
Allora fatevi mentalmente un elenco di tutti i candidati, sia alle regionali sia al parlamento, che sono stati proposti nel nostro collegio e che poi, una volta eletti, hanno favorito uno sviluppo
economico, sociale, imprenditoriale, sanitario ecc. ecc. alla nostra CITTADINA ?
L' attuale sindaco, che è brava persona per carità, credo non sia stato all' altezza della situazione.
E' bravo solo nell' organizzare, o fare organizzare ad altri, eventi e manifestazioni che danno l' idea sbagliata di quello che è veramente Ittiri, di quale sia la sua Storia, la sua cultura e la
sua particolarità, dovuta all' intraprendenza al coraggio ed alla determinazione che ha consentito, nel secolo scorso e per la metà di questo, di sviluppare intelligenze di alto livello. Anche
politico.
L' elenco proposto da Sonia può essere arricchito.
Grazie Sevadore ex PCI. continua ad intervenire sei ben accetto.
   



Sonia 08/10/2009 09:01

Le donne in politica sono certamente una risorsa. Manuela Soro lo è certamente perchè ha sempre dimostrato di capire i bisogni della gente. Non dimentichiamoci che è stata proprio Lei a sollevare il problema della "104". Infatti sino ad allora i cittadini che avevano in famiglia un disabile grave non erano a conoscienza di quali e quanti diritti avevano a disposizione. Anche per questa sua iniziativa, che doveva essere salutata con toni e atteggiamenti positivi da tutti, compresi gli amministratori del momento che ignoravano ( che è la cosa meno grave ) l' esistenza di questa normativa, Manuela Soro è poco considerata da quei partiti che, tradizionalmente, dovrebbero stare dalla parte dei più deboli !
Io propongo una prima lista, seppur provvisoria, alle prossime elezioni comunali:

Manuela Soro
Chiara Delogu
Luisa Sini
Tetta Lonis
Peppa Fusco.
Chi vuole può aggiornare questa lista.
Auguri per questo blog.
Sonia

Giuseppe 08/09/2009 17:02

Io credo che gli ittiresi abbiano bisogno di una guida capace. Di una persona che possa prendere per i capelli la cittadina e sollevarla dalla melma in cui è finita. Non sono le feste organizzate in continuazione che danno il vero segnale di benessere ( che comunque rimane sempre in mano ai soliti pochi noti ) ma una Politica ( con la P maiuscola ) a favore di chi non ha o non trova lavoro; a difesa e tutela delle numerose ragazze madri ( non vi dice niente questo fatto ?); a favore di chi non ha una casa, probabilmente , mai riuscirà ad averla stante la situazione; a difesa dei più deboli e degli emarginati ( e sono in continuo aumento a causa della piaga dell' alcolismo specialmente nelle giovani generazioni e nelle donne ); a favore delle lavoratrici della "104" che prendono una miseria ed assistono i nostri concittadini disabili.
Tanto altro ancora potrei dire ed elencare. Concordo quindi con quanto affermato in questo bellissimo blog e mi rendo disponibile ad una prossima avventura politica.
Giuseppe

Antonio Fadda 08/09/2009 19:03


Caro Giuseppe condivido in pieno quanto Tu affermi. Ma come fare per individuare una "Guida Capace" come Tu la definisci ? Gli intellettuali si defilano, chi è dotato di buon senso non vuole
sentire ragioni quando gli si propone di rappresentare la comunità e di gestire al meglio la cosa pubblica. Ci sarebbero alcune donne con le palle: Manuela Soro in primis alla quale Ittiri non ha
mai dato la possibilità di dimostrare quanto vale ( devo dire che ha le carte in regola, ma è invisa a quei cittadini che hanno ancora il cuore e la testa nell' ex Partito Comunista ) ed alla quale
non viene perdonata la sua ultima candidatura con una lista civica di colorazione destrosa. Altra grande stupidata di cui non dovrebbero andare fieri gli ittiresi. Per amministrare Ittiri che
importanza ha l' ideologia ? Il senso di appartenenza ?
Questi sono valori che si possono tirare fuori in occasione di elezioni importanti, non per amministrare un povero comune di neanche 10.000 abitanti !
Comunque altre sono le donne che si possono coinvolgere. Il dibattito è comunque aperto. Dateci indicazioni e cercheremo di stilare una lista di papabili.
Sulle lavoratrici del "fenomeno 104" avrei tanto da dire.
Una cosa è certa, se fossi un amministratore avrei favorito la costituzione di una sorta di Cooperativa Socio Sanitaria, con caratteristiche diverse da quelle oggi presenti ad Ittiri, ed avrei
"normalizzato" sia in termini di retribuzione sia in termini di qualità di assistenza sanitaria. Non dimentichiamoci che Ittiri ha circa 400 disabili affetti da Alzaimer !