Angolo umoristico. Le ziedde hanno le idee chiare sul come difendere l' Ospedale !

Pubblicato il da Totoi Fadda

 

SATIRA E UMORISMO

 

FotoSketcher---vecchie-con-mitra.jpg

Le gemelle Bainza Antonia e Peppedda sono decise a tutto ! Non vogliono sentire ragioni. Hanno le idee chiare sul come difendere le cose importanti di Ittiri. 

-<< Su Sindèchè (lo pronuncia proprio così) si devede ischidare su sonnu ! No este a istare fattende sas' iffiladasa in su cossizzu comunale cun su cellulamine sempre azzesu e s' auricolare fissu attaccadu a s' orija e faeddende a sa sola comente unu maccu ! Su Sindèchè nò este chi devede sempre iffuttire sò cossizzerisi pro si nde riere cun su cònàto ! >> ci dice in ittirese stretto Bainza Antonia, la gemella più anziana (a sinistra nella foto), una vita trascorsa in campagna a raccogliere olive, a mietere il grano, a vendemmiare e a ispigare ! Una donna, Bainza Antonia, dal carattere forte e rude.

<< Babbu mi naraiada sempre chi giughia sò buttonese chèi s' ainu ! E nò b' aiada omine chi mi podiada tennere ! Osinono tzappende già fui diliga ! Su sulcu e sù manuju nò mi leaiada nisciunu dai manoso !>>

Peppedda è invece più pacata, riflessiva, responsabilmente calma, ma altrettanto decisa.

<< Balla chi lis' ischizze sa conca ! Bruttoso maleducadoso ! Ello e proitte che suni oghende s' ispidale nostru ! Prò faghere unu piaghere a sò peddajoso ? Malaùra, semusu noisi, sò bittiresoso, chi hana sempere truvadu sos' atteroso ! Ei gomo ? Pro cuppa dei custu Sindèchè, chi chissà a itte è pensende, semusu s' ultima roda de su carrittone ! Ajò, ma a nde la finimusu o nono ? Eh, mortu s' ortulanu, mortu s' ortu ! (si riferisce a Toiedda Meloni che stava sempre attenta alle vicende dell' ospedale e interveniva subito...)>>

Ci accolgono nella loro unica stanza, composta da un vecchio divano, unu cardarrobba, sa banca, una cucina a cavoniglia, tre sedie impagliate e un vecchio frigorifero. In un angolino, distante dalla zona pranzo, una porta verniciata di fresco con un verdone scuro ma luminoso ci indica che lì c'è "su cesso pro so bisontzoso". Sono sedute sul divano e imbracciano due "ferri vecchi", trovati nelle campagne della nurra negli anni '50, che mostrano orgogliose. Chiedo di fotografare e loro non si negano.

<< Faghe Totoi, faghe puru e de gai sa tzente ittiresa, forzisi, chi si nde ischidede dai custu bruttu sonnu chi custos nò suni fattende idere ! Devimusu movere tottu su populu, sos' artigianoso, sos' ominese de campagna, sos' impiegadoso e sò buttegajoso, sò cummerciantese e sò pittulerisi, a tottu devimusu narrere a bennere a gherrare pro s' ispidale !>> dice Bainza Antonia accarezzando il ferro vecchio ormai inservibile e totalmente ricoperto di ruggine.

<< Fozza ittiresoso ! torrade a essere amantiososo de su paese ostru ! lassade perdere custos talebanoso de idda nostra chi no hana nudda de nos' imparare a noisi ! Ajò a difendere s' ispidale, nò lassemusu soloso sò de Zampa !>> Conclude Peppedda leggermente arrabbiata.

Usciamo convinti che qualcosa di buono potrà nascere nelle prossime settimane, se non giorni.

Con tag Prima Pagina

Commenta il post