Caso Aion, su facebook prende il via il confronto, tra sostenitori e scettici, l' analisi accurata dei fatti accaduti.

Pubblicato il da Totoi Fadda

aion logo








Molte volte seguendo i ragionamenti che si sviluppano sul più grande network del mondo, su quello più spiato e controllato da chi ne ha interesse, quale è facebook, si apprendono tante cose e alcuni dubbi vengono appagati. Se non del tutto almeno in parte. Non si vuole dare vita ad un "processo" parallelo, o a delle "indagini" casarecce, non è questo l'obbiettivo. Crediamo invece sia utile dare spazio a delle sensazioni, ragionamenti, modi di intendere, dubbi da dipanare. Quindi applicando la tecnica del "copia-incolla" vi presentiamo quanto si è scritto in questa giornata sul caso ormai noto che ha coinvolto il neurologo di Ittiri, dott. Giuseppe Dore, l' ex presidente dell' AION Davide Casu - primo accusatore - e tutti i protagonisti di questa brutta facenda. Di seguito i post pubblicati.

Primo post:
Alcune domande per fare chiarezza :
 
1) Perchè tutti, o quasi, i protagonisti di questa vicenda sono stati tratti in arresto (alcuni ai domiciliari), e non è stato incarcerato l' unico ad aver ammesso i fatti contenuti nei capi di accusa, (essendosi autodenunciato dei maltrattamenti ai malati) ?
2) Esiste o non esiste il pericolo di "inquinamento" delle prove testimoniali, "all' inverso", cioè che l' accusatore abbia tutto il tempo di "prepararsi e preparare" i testimoni d' accusa ? Può accadere questo ? Se c'è qualche esperto in materia legale me lo dica.

3) Può essere vera la notizia che circola ormai insistentemente da alcuni mesi che vede come protagoniste alcune badanti, autrici di denunce a carico di familiari dei malati perchè licenziate dopo appena due mesi di lavoro essendosi dimostrate inadeguate ?

4) Un perenne disoccupato quale il "Sosia" può permettersi un' auto di circa 30mila euro ? I soldi da dove provengono ?

Insomma cari amici di facebook queste domande troveranno mai risposta ?
Ribadiamo la fiducia, da cittadini, negli organi di indagine che senz' altro si saranno posti anche loro queste domande. Interrogativi che io sento nei bar, in piazza d' Italia, dalla parrucchiera, dal fruttivendolo, dal medico. E' mai possibile che possano essere sfuggite a chi conduce le indagini ?
Cosa costa verificare ?
Voi cosa ne pensate di tutto questo ? E' fantascienza ? E' realtà ?

Secondo Post:
Gli interrogativi che si pone Antonietta sono quelli che tutti noi, cittadini con un pò di sale in zucca, si sono posti sin dall' inizio. Ad esempio il fatto che il cosiddetto "Sosia" viaggi a bordo di auto da 30mila euro la dice lunga sulle motivazioni di un "pentimento" strano. Il fatto che non sia anche lui agli arresti, seppur domiciliari, qualcosa vorrà pur dire. Ha così tanta fiducia in lui il magistrato che conduce le indagini tanto da lasciarlo circolare liberamente ? L' interrogativo se possa "convincere" altri testimoni a schierarsi contro il medico non è poi campato in aria. Ma ha una sua solidità. Avendo fiducia in chi conduce le indagini credo che si possa verificare nei prossimi giorni e settimane qualche aggiornamento.

Terzo Post :
Mammamia ! ma c'è qualcuno che lo paga per accusare i suoi ex amici ? Che cosa ci guadagna oltre ai soldi ? Non ha un minimo di amor proprio e di rispetto per se stesso ? Eppoi perchè questo signore è libero e gli altri sono agli arresti ? Che vergogna.

Quarto Post:
Ci sono interessi dietro che non possiamo nemmeno immaginare..

Quinto Post :
Analizzando, da esterna, i fatti mi appare quanto segue : In un lontano giorno approda a Porto Torres un membro dei servizi segreti di Ceausescu, una donna 35/enne, ancora piacente, con un suo modo di fare esclusivo, decisa, dura, precisa. Incontra al porto, chissà come, il "Sosia" vestito tutto di nero e si mettono insieme. Per quattro mesi è pura passione. Uno si perde nell' altro. Il "Sosia" vestito tutto di nero cede anche alle insistenti richieste di collocarla a lavoro. La inserisce in una organizzazione di volontariato e la manda come badante in casa di un signore che ha una moglie disabile. Tutto regolare. Nel frattempo il progetto dell' "Originale" va avanti speditamente si profila per tutti una nuova vita. La "Cura" è quasi pronta per essere rivelata al mondo intero. Il lavoro, se tutti i tasselli vanno al posto giusto, non mancherà. Si delineano orizzonti nuovi, malati e familiari al seguito che hanno costantemente necessità di accoglienza, di alimentazione, di guide, di servizi, di case. L' Organizzazione assume un ruolo primario nella gestione di tutta questa marea di gente che arriva da tutte le parti dell' europa se non del mondo. Ma qualcosa si rompe. Il "Sosia" crede di essere "L' Originale". Si sotituisce ad esso, dispensa consigli e azzarda terapie. Si presenta ad enti, istituzioni e, forse, anche a case farmaceutiche. Prende troppe iniziative in nome e per conto dell' Organizzazione, si spaccia quasi per il vero ed unico "Originale". La decisione è unanime : ESPULSIONE !
E così fu. A nulla valsero le proteste del "Sosia", disse che per lui è una vitale prospettiva di lavoro, di un futuro certo, della fine di tutti i sacrifici e le privazioni. Fa capire che con questa espulsione si infrange il suo sogno e tutte le sue prospettive di vita futura. Dice chiaramente che senza questo lui è nulla. Insomma lancia segnali subliminali del tipo : "Muoia Sansone con tutti i Filistei"!
Ha perso tutto. E' ipotizzabile una "costruzione delle prove a tavolino" ? La "torturtrice di Ceausescu" ha una sua funzione preminente ?
Il "Sosia" fa crollare tutto quel mondo per cui aveva, sino a qualche settimana prima, lavorato con passione. Che ne dite ? Potrebbe essere andata così ? Oppure è una visione fantasiosa e fantasanitaria ?

Sesto Post:
Da ciò che so io , la tua ricostruzione non è ne fantasiosa, tantomeno fantascientifica ma é fedelissima alla realtà.

Con tag Prima Pagina

Commenta il post

Sebastiano 09/04/2012 08:25


Mi devo autodenunciare. A me dr. Dore mi ha curato una forma gravissima di raffreddore. Non so se devo denunciare il fatto oppure essere omertoso e stare zitto. Non vi pare che, viste le notizie
di stamattina, la questione stia diventando un "Isappidoriu" ? Che cosa si vuol fare, oltre a distruggere professionalmente il medico, lo si vuole mandare al rogo ?  Perchè non si inizia a
fare un controllo sulle parcelle degli altri medici specialisti in tutti i settori della medicina ? Ne vedremmo delle belle.