Davide Casu replica ai cittadini che commentano su facebook sul fattaccio AION. Ecco la sequenza delle risposte.

Pubblicato il da Totoi Fadda

Ittiri_ScuolaElementare.jpg

Ittiri,4 settembre.

Erano da poco passate le 13.00.

Sento il trillo del cellulare dalla stanza delle fotocopie, corro (si fa per dire) verso il mio ufficio per rispondere e, dall' altro capo, sento una voce ben distinta, pacata, che riconosco subito.

Il tono è gentile ma nel contempo deciso, disponibile alla discussione quanto basta ma leggermente, solo leggermente, incazzato. La richiesta è abbastanza inusuale. Di norma quando si vuole dire qualcosa all' interno di un blog ci si collega ad esso e, attraverso le istruzioni che vengono date dal sistema a video, ci si firma e si interviene.

Ma chi è, vi domanderete voi, che a tutti i costi vuole replicare solo per telefono alle "accuse" mosse su facebook da postatori, magari anonimi, o semplici curiosi ? 

E' Davide Casu. Si proprio Lui, il "supertestimone" del "fattaccio AION" di Ittiri. E' infatti Lui il Grande Accusatore di Giuseppe Dore, il neurologo ittirese, prima incarcerato ed ora agli arresti domiciliari. Anche Davide, come tantissimi concittadini e naviganti, ha letto questo blog nel quale, proprio a partire da ieri, avevamo pubblicato la discussione avviata su facebook in cui alcuni si erano posti delle domande e quesiti. E proprio a queste domande e quesiti vuole rispondere per fare chiarezza e perchè ha l' impressione che lo si voglia far apparire come un "mostro", come un "ingrato", come un "mercenario" che denuncia il suo (ex) migliore amico. Ho cercato di trascrivere fedelmente quanto veniva detto per telefono, spero di aver colto il senso delle cose dette e di aver ben interpretato l' esigenza di Casu nel comunicare la sua totale genuinità delle testimonianze rese al magistrato e che è costata la galera, è bene ricordarlo, a ben 15 persone oggi tutte agli arresti domiciliari e alcuni, è il caso dell' On. Antonello Peru, in piena libertà.


TESTO RIASSUNTIVO DELLA TELEFONATA:

"Vorrei replicare - chiede Davide Casu - alle tante bugie dette che mi presentano come un nullafacente ed un profittatore o chissà cos' altro. Preciso che io vivo del mio onesto lavoro sin dalla dipartita di mio padre (deceduto giovanissimo), così anche i miei fratelli e non dipendiamo, sotto il profilo economico, da nessuno. Sono stato accusato ingiustamente di circolare a bordo di un' auto del valore di 30mila euro. E' assolutamente un falso perchè l' auto non è di mia proprietà bensì della signora Ornella Bombardieri, moglie del sig. Giancarlo Di Carlo, disabile, che trasportavo, su indicazione del Dr. Dore, verso il suo ambulatorio dove veniva curato.

Non è corrisponedente al vero quando si sostiene che avrei "prelevato" dal porto di  Porto Torres la badante rumena, che si dice appartenente ai servizi segreti di quella nazione nonchè segretaria dell' ex dittatore Ceausescu, e con la quale sarei stato in intimità. E' un falso. Infatti la Sig.ra Tresca, che era la badante  del sig. Di Carlo, l'ho conosciuta in Via Quarto nello studio di Dore. La sig.ra Tresca è stata successivamente assunta come badante dal sig. Sarra.

Ho nella mia disponibilità un' auto normalissima, di media cilindrata, di mia esclusiva proprietà che mi trasporta con comodità ed affidabilità.

Non credo di infrangere nessuna limitazione impostemi da parte del magistrato che indaga sul caso, nel dire che sono uscito dall' AION perchè non condividevo le azioni e le pratiche violente. Ultima cosa, non sono il "Sosia" di nessuno, ho la mia personalità e, non essendo medico, non mi sono mai sognato di sostituirmi al Dr. Dore per impartire lezioni e cure."

Ecco questo è il contenuto della telefonata che Davide Casu ha chiesto espressamente di pubblicare, come replica alle accuse e alle insinuazioni che gli sono state mosse. Da parte nostra, come abbiamo sempre avuto modo di dire, c'è ampia disponibilità ad ospitare le varie  posizioni in campo con lo scopo esclusivo di contribuire a fare un pò più di chiarezza in questa intricata vicenda.

Ripetiamo che i processi si fanno nelle sedi opportune, non in piazza nè tantomeno nei media, e le condanne devono essere considerate giuste e appropriate sino al completamento di tutti i gradi di giudizio previsti dalla legge. Abbiamo richiesto a Davide Casu la sua eventuale disponibilità ad essere intervistato da noi per consentire a chi ci legge e ci segue  un più ampio ventaglio di notizie al fine di capirne davvero di più.

Infatti non si spiega cosa sia accaduto di tanto grave da far "rompere" un' amicizia fraterna quale quella tra Giuseppe Dore e Casu che durava sin dal periodo scolastico. Cosa potrà essere mai successo ? Risposte che resteranno, forse, ancora per molto senza risposte.

 

 

 

Con tag Prima Pagina

Commenta il post

Prof. Zuccotti Evaristo Vismara 09/14/2012 08:15


Il caso del Dottor Dore è un esempio lampante di familismo amorale di cui si parla tanto in Italia

Totoi Fadda 09/14/2012 17:23



Vedo che vi siete svegliati presto oggi. Il familismo amorale non è di casa ad Ittiri e lo dimostra l' iperattività sociale.



MARIA 09/09/2012 01:04


una curiosita': ma Antonietta Foddis Fabris e' uno pseudonimo per Arturo Farinelli??    Mi sembra abbia lo stesso modo romanzato di scrivere...........

Totoi Fadda 09/09/2012 11:11



Non guardate il dito che indica la luna. Prestiamo attenzione a quanto viene scritto. E' questa la cosa importante.



Da Facebook 9 09/04/2012 23:05


 


ciao ragazzi sono d'accordo con quanto detto da M........,proprio vero quando si parla di giustizia ci sono molte domande e poche risposte, riguardo Davide Casu se come dice lui è pulito perchè
non esce e parla chiaramente? se ha la coscienza pulita dovrebbe dimostrare con i fatti quello che ha denunciato ma al momento non c'è niente di concreto ma, soprattutto, chi ha la coscienza
pulita " non si nasconde " e fa valere i fatti,nella vita contano i risultati e a mio avviso Davide Casu risultati non ne ha, vi saluto augurandovi una Buona Serata.

Da Facebook 8 09/04/2012 23:03


 


....e nessuno ha palle ad andare a denunciare le sue minacce? è assurdo.


 

Da Facebook 7 09/04/2012 23:02


 


Ciao ........, dire che "i neuroni gli si sono annientati" non è proprio corretto. Quel parassita , per natura ne è stato sempre privo. LUI E' UN ERRORE DELLA NATURA! E' troppo semplice agire
nell'oscurità, alle spalle degli altri. Se non ha niente da temere che si mostri alla luce del sole. VIGLIACCO!!!!!!!!!!!!!!

Da Facebook 6 09/04/2012 23:01


 


Il grande accusatore in questi giorni gira per le strade di Ittiri e fermando conoscenti e (pochi) amici chiede da che parte stiano, in caso di risposta a favore del dott. Dore, li minaccia di
denunciarli ai carabinieri per essere stato da loro aggredito verbalmente cercando di fargli rittrattare l'accusa.... i neuroni gli si sono proprio annientati...

Da Facebook 5 09/04/2012 23:00


 


LE RISPOSTE CI SAREBBERO CARA ........, MA SONO ESCLUSIVAMENTE DI PARTE E NON SI RIESCE A CAPIRE LA MOTIVAZIONE DI TALE INCONGRUENZA, LA GIUSTIZIA NON PUO' USARE 2 PESI E 2 MISURE DIVERSE, CHI HA
SBAGLIATO DEVE PAGARE CAZ..., DEVE PAGARE E BASTA, DEVE MARCIRE IN UNA FOGNA ASSIEME AI SUOI ABITANTI, PRIMA CHE FACCIA UN'ATRA FINE ..

Da Facebook 4 09/04/2012 22:59


 



è che purtroppo quando si parla di giustizia ci sono sempre tante domande e mai nessuna risposta....

Da Facebook 3 09/04/2012 22:54


 


ALCUNI APPROFONDIMENTI SUL CASO ALZHEIMER DI ITTIRI CHE VEDE COME PROTAGONISTA IL GRANDE ACCUSATORE ORMAI NOTO COME "IL MOSTRO DI ITTIRI" DAVIDE CASU, CHE GIRA
LIBERO E INDISTURBATO MENTRE IL MEDICO, GIUSEPPE DORE DOPO UN MESE DI CARCERE INGIUSTO, SI TROVA AGLI ARRESTI DOMICILIARI ISOLATO DAL MONDO INTERO.... MA SE 2 PERSONE SONO ACCUSATE DELLO STESSO
"REATO" , COME MAI A PAGARE E SOLO UNO??????? MA LA LEGGE NON DOVREBBE ESSERE UGUALE PER TUTTI??????? O SBAGLIO??????? COME MAI I GIORNALI NON HANNO MAI PUBBLICATO LE FOTO DEL GRANDE
ACCUSATORE??????? GIUSTIZIA DOVE SEI FINITA........................

Da Facebook 2 09/04/2012 22:52


 


DAVIDE CASU SEI SOLO UN MISERABILE APPROFITTATORE DELLE DISGRAZIE ALTRUI. ED ESSSERE PIU SPREGEVOLE NON C'E'

Da facebook 1 09/04/2012 22:51


 


davide casu sei una merda di uomo io spero vivamente di venir chiamata a testimoniare perchè guarda caso io ti ho visto proprio spacciarti per terapeuta e fare le
tue cure a una paziente....sei una merda ambulante, sotterrati, farai la fine che meriti.

Antonietta Floriani Floris 09/04/2012 22:11


 


Avevo posto alcune domande a me stessa ed a tutti i frequentatori del network più spiato al mondo, interrogativi che tutti i cittadini, che leggono le cronache dei
giornali un giorno si e l' altro pure (altra stranezza da analizzare a fondo...), si pongono per cercare di dare un minimo di risposta credibile a questa assurdissima vicenda.


Ad alcune di queste domande il Sig. Casu risponde vagamente o di sfuggita. Capisco che una intervista telefonica non sia il meglio che si possa pretendere ma ad
alcune domande poteva anche rispondere con più precisione, solo per fare chiarezza.


Le riprogongo sperando che il Sig. Davide Casu possa ripensarci e possa, se la sua condizione di coimputato lo permette senza infrangere la legge, illuminarci
:


1) Perchè tutti, o quasi, i protagonisti di questa vicenda sono stati tratti in arresto (alcuni ai domiciliari), e non è stato incarcerato l' unico ad aver ammesso
i fatti contenuti nei capi di accusa, (essendosi autodenunciato dei maltrattamenti ai malati) ?


2) Esiste o non esiste il pericolo di "inquinamento" delle prove testimoniali, "all' inverso", cioè che l' accusatore abbia tutto il tempo di "prepararsi e
preparare" i testimoni d' accusa ? Magari con minacce ed intimidazioni di vario tipo. Può accadere questo ? Se c'è qualche esperto in materia legale me lo dica.


3) Può essere vera la notizia che circola ormai insistentemente da alcuni mesi che vede come protagoniste alcune badanti, autrici di denunce a carico di familiari
dei malati perchè licenziate dopo appena due mesi di lavoro essendosi dimostrate inadeguate ?


Alla domanda sull' auto ha già risposto e devo dire che è stato abbastanza esauriente e anche convincente. Come ho avuto modo di affermare nel post su facebook
ripeto che abbiamo fiducia negli organi preposti alle indagini e che riusciranno a fare chiarezza su tutte le questioni in campo. Si attendono eventuali risposte e contributi diversi.

Antonietta Foddis Fabris 09/04/2012 21:54


 


 


Credo di essere stata chiamata in causa, giustamente aggiungo io, per quello che ho scritto su facebook. Ho inteso analizzare, nel modo come la vedo io e in base
alle pochissime e frammentate informazioni che circolano, un aspetto che io ritengo ancora nascosto. La mia "sceneggiatura"  fantasiosa, che iniziava come un vecchio romanzo di spionaggio
anni '60.... "In un lontano giorno approda a Porto Torres ....." aveva lo scopo di risvegliare l' orgoglio di uomo del Sig. Casu, cosa peraltro riuscitissima, per "costringerlo" a dire la "sua
verità". Che ha detto rilasciando una intervista, seppur telefonica, al Sig. Fadda il quale ha prontamente pubblicato sul suo blog per darne ampia divulgazione. Il riferimento  e la
definizione di "Sosia" è venuta di istinto perchè sia la capigliatura sia il modo di vestire del Sig. Casu richiama in tutto e per tutto l' abbigliamento e la capigliatura del Dott. Giuseppe
Dore. Qualcosa vorrà pur dire sotto il profilo psicologico e psicoanalitico. Non intendevo con questo arreccare nessuna offesa, ho solo posto l' accento sulla curiosa "Sosietà" ed ho avanzato
ipotesi, certo fantasiose, sulle cause e sui moventi. Resto naturalmente affezionata alle mie tesi, che potrebbero sembrare astruse e prive di fondamento, ma che al momento ritengo siano quelle
più aderenti alla realtà. Preciso il mio ruolo onde evitare accostamenti o alibi strani. Non sono parente di Davide casu, non lo sono neanche di Giuseppe Dore, non sono di Ittiri, non ho
relazioni con gruppi o associazioni legate a questo o a quell' altro gruppo di opinione del pro e del contro. Sono semplicemente una lettrice del blog ed una assidua frequentatrice di facebook.
Mi piace scrivere quello che penso, che potrebbe essere totalmente sbagliato, su argomenti che io ritengo siano importanti. Questo è particolarmente stimolante perchè ci sono vari ingredienti :
Amicizia, Invidia, Gelosia, Morbosità, Avidità e patologie medico-psichiatriche particolarmente accentuate che meritano attenzione. Questo volevo dire e questo sostengo in piena libertà di
espressione. Nulla di ostile contro nessuno. Grazie dell' ospitalità.