Disfatta del PD ittirese accerchiato dal Movimento 5 Stelle. Al Feudatario, il vero sconfitto, non glienepuòfregardemeno

Pubblicato il da Aldebrando Fabrizi

  Ittiri, 26 febbraio 2013

 

La giornata del 25 febbraio, nonostante i goffi tentativi di nascondere le proprie vergogne elettorali da parte di coloro che sono “nati per vincere”, resterà impressa nella memoria di tutti gli ittiresi come un evento di importanza storica e politica.

Dopo circa due mesi di sfottò, risolini sotto i baffi ricciuti, ammiccamenti vari in tono canzonatorio, il “piccolo M5S” di Ittiri ha dimostrato, senza avere dalla sua parte neanche la cosiddetta consistente truppa cammellata del Partito Madre, di avere due Palle così, con la “P” maiuscola. Ha dato una sonora lezione ai tromboni che governano questo nostro paesone mettendosi in saccoccia ben 1.694 voti raggiungendo la percentuale, mai vista per un partito “NON Partito”, del 32,7 %. A differenza invece di quel grosso, grasso e adiposo Partito Democratico, che da ben 60 anni circa sgoverna questa cittadina, che ha ottenuto, come suo solito e con un apparato organizzativo di tutto rispetto, 1.655 voti ed una percentuale del 31,9. Se ricordiamo bene, ma anche la memoria degli anziani che non sbagliano mai ci viene in soccorso, quel partito incassava dagli ittiresi ben oltre 2.700 voti e mandava in parlamento o nelle assise importanti, ad eccezione della parentesi di Salvatore Lorelli alla Regione, i propri candidati, indicati dai vertici del Centralismo Democratico, rigorosamente foranei, mai ittiresi perchè altrimenti si sfasciava tutto perchè accecati dalla gelosia politica. I sorrisini e gli sfottò si sono sciolti come neve al sole di fronte ai caldissimi risultati sfornati freschi freschi dai seggi elettorali.

Per facilitare un raffronto convincente vi diamo di seguito i dati del 2008 che davano questi interessanti numeri :

PD (allora diversa sigla con Weltroni)..2.764 voti con una percentuale del 49,10 %;

PDL …..................................................1.739 voti con una percentuale del 30,89 %;

UDC.........................................................378 voti con una percentuale del 6,7 %.

Nella giornata del 25 febbraio 2013 si sono appalesati i seguenti risultati:

 

1) MoVimento 5 Stelle - beppegrillo.it

1.694

32,7

2) Partito Democratico (Pd)

1.655

31,9

3) Il Popolo della libertà (Pdl)

573

11,1

4) Scelta Civica con Monti per l'Italia

325

6,3

5) Unione di centro (Udc)

239

4,6

 

Cosa è accaduto dunque ? Come mai questa diminuzione così evidente dei tre maggiori partiti ittiresi ? Eppure il PD e l' UDC governano la nostra città, certo in malo modo secondo il nostro punto di vista; sono costantemente a contatto con la gente, con il Popolo ed i loro continui bisogni ed emergenze quotidiane. Tre partiti che vantano contatti eccellenti non solo in giunta regionale a sostegno del presidente Cappellacci ma anche all' opposizione. Non è forse un segnale di grave disaffezione e di delusione nei loro confronti ? La gente, il Popolo Sovrano si stà disamorando ? Gli elettori sono fortemente delusi e così profondamente indignati tanto da infliggere una sonora sconfitta ai maggiorenti politici nostrani ?

Credo che questo sia un segnale forte, che viene direttamente dal Popolo ed in particolare dai nostri giovani, e che vuole una sola cosa : che Ittiri sia amministrato in modo corretto, senza arroganze, e prevaricazioni, senza cretinaggini inutili e dannose, senza azioni tese a scuoiare vivo l' elettore-cittadino per dissanguarlo di tutti i suoi diritti.

Altro fenomeno da sottolineare e che dovrà far discutere e riflettere è il fatto che il partito dei cosiddetti moderati non ha tenuto, nei limiti della degenza politica, e questo ex mastodontico fantasma del PDL ittirese, orfano di Beppe Pisanu, ha incassato un risultato che a considerare fallimentare è già un complimento.

Del resto era questo quello che si voleva raggiungere ( a detta di vecchi elettori affezionati e già passati ad altro...), e ci sono riusciti in pieno, vista la totale inerzia di un gruppo dirigente disattento e menefreghistamente distante dalle esigenze del proprio elettorato e della intera cittadinanza.

I nostri concittadini che coordinano il M5S hanno dunque realizzato quel sogno mai raggiunto dagli schieramenti dei partitici affacciatisi nell' agone politico ittirese e che hanno cercato, in tutti i modi, di “sorpassare” l’ aggregazione di sinistra, oggi di centro sinistra. Invano.

Ci sono riusciti, ed alla grande, un manipolo di giovani con le idee chiare. Abbiamo avuto modo di conoscerli alla manifestazione in difesa della piazza Umberto, e dobbiamo dire che sono dei giovani che hanno saputo interpretare e rappresentare l' esigenza dei loro coetanei, rifiutati e snobbati da una certa politica familistica e affamata di potere e visibilità trascurando le esigenze della gioventù ittirese sempre di più isolata e abbandonata a se stessa.

E’ un risultato sorprendente, che lascia davvero basiti (per dirla con qualcuno di nostra conoscenza), senza fiato, senza respiro, senza parole. Un risultato inaspettato, ma atteso dai più, che ha vari significati. Non solo sotto il profilo politico che dovrebbe indurre chi ci amministra a fare una seria valutazione e autocritica costruttiva, che dovrebbe sfociare nelle immediate dimissioni per incapacità; ma anche sotto il profilo strategico e di messaggistica subliminale in quanto il risultato lancia un segnale chiaro e forte alla politica nostrana, non solo a quella regionale e nazionale.

Una politica gestita in modo casereccio, lontana dai bisogni della gente, distante da quelle che sono le aspirazioni del Popolo, tanto amato a parole ma disprezzato nei fatti e nelle azioni.

La doccia fredda inferta dal M5S ittirese dovrebbe insegnare qualcosa a questi scellerati che credono ancora che la “Cosa Pubblica” sia di esclusiva proprietà privata di coloro che sono stati chiamati a gestirla in Vece e per Conto Terzi, cioè del Popolo. E’ dunque un messaggio ben preciso inviato all’ aggregazione del centro sinistra ma anche un segnale forte lanciato al centro destra locale, gestito da manovali della politica, che credono che basti una telefonata calata dall’ alto per risolvere tutti i problemi e per facilitare la raccolta del consenso. E’ proprio a causa di questa dirigenza improvvisata e non all’ altezza della situazione che si è verificato questo massiccio spostamento di elettori verso il M5S svuotando di fatto il contenitore dello schieramento di destra che era composto non solo da anime democristiane ma anche da piccoli pezzi importanti del socialismo ittirese rimasti fermamente anticomunisti.

Devono quindi fare una riflessione un po’ tutti i partiti grossi e soprattutto gli “Onorevoli” di questo territorio, ferito a morte proprio da quel candidato presidente sostenuto da alcuni partiti che hanno avuto una sonora lezione, e abituati da sempre a prendere i voti ed a scappare dimenticandosi per tantissimi anni di Ittiri e degli ittiresi.

Devono anche riflettere quei politici che si sono affidati a degli improvvisati Capi-Voto e Raccoglitori Questuanti che a nulla portano e porteranno nel futuro.

Le cose pare stiano cambiando e si prevedono, se il M5S mantiene la sua purezza, degli stravolgimenti futuri in previsione delle prossime elezioni regionali e per quelle Comunali.

Vedremo i soliti noti saltare sul carro del vincitore ? Troveranno asilo politico e conforto oppure saranno abbandonati al proprio destino ?

Come dice sempre Beppe Grillo :” Arrendetevi ! Siete circondati dal Popolo ! Arrendetevi e non vi sarà torto un capello (politico si intende) !”

Una vera Rivoluzione ittirese che è anche una Rivoluzione italiana.

Con tag Prima Pagina

Commenta il post

Margherita 03/02/2013 18:30


Credo che anche l' opposizione abbia qualcosa da nascondere. Ecco perchè non si faranno mai promotori di una proposta del genere. Non ci resta che Zampa. Magari lui propone sul serio qualcosa del
genere (che se non ricordo male ha già proposto alcuni mesi fa) ma pensate che i governanti vogliano farsi vedere in rete e vogliano far sentire i loro discorsi in Itaglianardo meglio noto come
italiano porcheddino ?

strano 03/01/2013 11:58


Basta un semplice Webcam ed un computer, magari se l'opposizione facesse una proposta in tal senso si potrebbe organizzare con i potente mezzi comunali

strano 03/01/2013 08:28


Le persone che ha citato Roberto sono tutte persone per bene che hanno il diritto di candidarsi per amministrare il comune. Sta ai cittadini decidere se votarli o no, come sta ai cittadini
fornire un'alternativa a queste persone. Come ho detto spero che il M5S di Ittiri, o chi per loro, possa proporsi in maniera forte nel territorio. Comunque ormai i cittadini hanno iniziato ad
interessarsi della cosa pubblica e hanno i mezzi per informarsi ed informare, quindi tutti gli amministratori sono avvisati.


Un tempo proponevo di mettere in rete le sedute dei consigli comunali, e magari anche quelli di giunta. Credo sia arrivato il momento 

Totoi Fadda 03/01/2013 11:08



Ottima idea. Cerchiamo collaboratori e corrispondenti volontari dal palazzaccio per raccontare quanto accade nelle sedute del consiglio. Sarebbe interessante sapere come si svolgono le riunioni,
quali interventi vengono fatti, quali toni vengono usati e le facce che fanno mentre esprimono le loro idee per tutelare, difendere, far grande il nostro paesone. Chi ha del coraggio si faccia
sentire.


 



Roberto 02/28/2013 16:49


Si votava per il parlamento e non per le Comunali!!!!!!! ...lo avete capito? Quando ci saranno le elezioni per il Comune, in campo a contenderselo ci saranno sempre gli stessi. Orani, Senes, Soro
e Deriu. 

Danilo 02/28/2013 15:48


 


Comunque vada Grillo è un genio. E' forse troppo avanti, è un sognatore, uno che guarda avanti, una persona onesta. Ciò che ha fatto deve essere un esempio per tutti noi, per seguire le sue orme.
Mi ha regalato ancora una volta la voglia di ricredere in un paese dominato dalla truffa, dall'egoismo.
I suoi ideali sono degni di un essere umano, la sua solidarietà deve essere di esempio per tutti. Poteva fregarsene, ma la sua coscienza lo ha spinto a reagire ad uno scempio senza precedenti.
Vorrei ringraziarlo nuovamente, anche perché l'ho già fatto a Monza stringendogli la mano, e per me è stato un momento di grande portata. Dobbiamo tutti metterci in gioco, dobbiamo puntare
all'onestà, dobbiamo sradicare il marciume che ha distrutto la vita delle migliori menti italiane. Tutti gli italiani all'estero che ho sentito in questo giorni convergono verso l'unica cosa,
ossia quella di votare M5S, proprio loro che hanno lasciato un paese che non premia i migliori, ma sempre i parassiti, i vari figli di papà inutili e gli esempi nella nostra cittadina sono
tantissimi. Deve finire, deve vincere la meritocrazia. Smettiamola di dire destra, sinistra e cose varie, questi concetti non esistono più, esiste un principio di democrazia dove ogni cittadino
deve essere difeso. Allo stato attuale solo i vermi vengono protetti, mentre i cittadini per bene si devono suicidare perché hanno perso il lavoro.

Serafina 02/28/2013 15:23


 


Ai seggi allestiti in via Boccaccio sono andati, a gruppetti familiari, da soli, mariti e mogli insieme, giovani e anziani, tutto Ittiri al completo: operai, studenti, impiegati, artigiani,
imprenditori, medici, ingegneri, precari, pensionati, disoccupati, uomini, donne, bambini ed anziani. Tutti ai seggi per urlare la propria rabbia, a far capire alla classe politica locale e
insanamente autoreferenziale che la misura è colma e che il dado è ormai tratto. E' tempo che le cose vadano per il giusto verso. Credo che il tempo sia scaduto. Il palazzo è assediato ed inizia
a tremare e gli inquilini hanno una paura tremenda perché sanno che da oggi in poi nulla sarà come prima.

Silvio 02/27/2013 21:56


Non so voi ma io ho l' impressione che molti non vogliano dare una lettura esatta ai dati elettorali di Ittiri, similari in tutta l' Italia, che ha visto certo vincere il PD ma che ha comunque
perso perchè impossibile dare corso ad una maggioranza di governo. Così è accaduto ad Ittiri dove il PD ha certamente vinto ma ha diminuito in termini di raccolta voti a favore del M5S di Grillo.
Sulla bancarotta del PDL ittirese non ci sono parole per descrivere la soddisfazione che provo perchè, lo ha detto abbastanza bene l' articolista, è gestito da un gruppo dirigente davvero
menefreghista e che applica la politica cosiddetta "pro domo mea". Ma forse è questo l' insegnamento che hanno ricevuto dai loro referenti. Sull' UDC, che ad Ittiri è in giunta con il
centrosinistra e a Cagliari è in giunta con il centrodestra, posso solo dire che sono degli ottimi commercianti e che stanno prendendo per i fondelli il politico di loro riferimento il quale,
ignaro di quanto gli ruota attorno, elargisce ad ampie considerazione e riconoscimenti a persone  che non portano nulla. Il sentimento dei grillini è basato invece sulla pulizia di questo
grandissimo letamaio politico che sta inquinando pericolosamente la società ittirese. Per questo prendono una marea di voti e di consensi che dovrebbero perpetuarsi anche alle prossime regionali
e comunali. Benissimo ha detto Strano che aspetta le iniziative che intenderanno assumere a favore del nostro territorio. 

Margherita 02/27/2013 17:53


Volevo dire a Pasquale che l' articolo ha inquadrato alla perfezione quanto è accaduto. Si tratta davvero di debacle (non si comprende perchè si tende a nasconderlo) perchè la matematica lo dice
a chiare lettere. Purtroppo il PD ha calato nei consensi, dobbiamo riconoscerlo, a favore del M5S che, come giustamente dice Strano, dovranno un giorno o l' altro dimostrare di che cosa sono
capaci. L' enfasi usata da Totoi, ormai lo conosciamo, è una pura e semplice provocazione che tende a sottolineare l'incapacità del "feudatario", come lo chiama lui, a tenere unito un partito ed
un elettorato ormai fidelizzato. Ed è proprio questo il dramma del PD, i propri sodali gli hanno voltato le spalle delusi da chi oggi amministra in modo così pittoresco e cionfraiolo (bè, quando
ci vuole ci vuole).  Ecco perchè si tratta da vera rivoluzione ittirese ! Non si era mai visto un risultato così schiacciante in senso negativo per la sinistra. Dei partiti di centro non
parliamo perchè sarebbe sin troppo facile farne un quadro desolante.


 

strano 02/27/2013 14:47


Volevo puntualizzare che chi ha votato ad Ittiri, cosi come in tutta l'Italia il M5S, conosceva esattamente i candidati ed i Programmi. E devo dire hanno votato con molta piu coscienza di quelle
persone che (hai mè) hanno votato per i vecchi partiti. Il voto dato al M5S non è un voto di protesta ma è un voto dato ad una nuova idea di ammistrazione della cosa Pubblica, cosa che i
dirigenti dei vecchi partiti non hanno ancora capito. Motivo per il quale hanno perso voti in favore del M5S.


Per quanto riguarda il M5S di Ittiri aspetto delle loro iniziative sul territorio.


Grazie a Tutti e speriamo in un futuro migliore

Pasquale 02/27/2013 11:27


Questa analisi lascia il tempo che trova, è totalmente sballata. Non ha senso parlare di disfatta del PD
itttirese, di sconfitte del “feudatario” e tantomeno di meriti del gruppo dei grillini di Ittiri. L’affermazione  del M5S è da considerarsi un
fenomeno diffuso a livello nazionale dove rispetto alle elezioni del 2008, vinte da Berlusconi con una maggioranza bulgara, vedeva il PDL primo partito con 13.628.865 voti, seguito dal PD con 12.092.998 voti. A vedere le percentuali molti si sono stupiti del sostanziale successo di Berlusconi e del
centrodestra. Ottenendo percentuali così alte e così vicine a quelle del centrosinistra in molti hanno certamente dedotto che Berlusconi abbia addirittura guadagnato voti.


Nulla di più errato.
Le elezioni 2013 (forse
dovremmo incominciare a parlare delle prime elezioni del 2013…in attesa del replay fra qualche mese)
sono state un autentico bagno di sangue per i partiti, soprattutto quelli più grandi.


Nel 2013 il PdL ha ottenuto solo 7.332.121 voti, vale a dire oltre 6 milioni di voti in meno ed è diventato il TERZO partito per rappresentanza alla Camera dei
deputati!!!!!!!!!!!!!!!!!!


La debacle del PD non si è manifestata in termini percentuali,
infatti è il secondo partito alla Camera e il Primo al Senato, ma soprattutto in termini numerici. Il PD ha totalizzato 8.642.700 voti, 4.876.772 in meno rispetto alle precedenti elezioni. Stando
a questi dati è evidente che l’effetto Grillo non riguarda solo la realtà di Ittiri ma tutti i territori nazionali. Insomma, a gente si è rotta le balle in tutta Italia, non solo a Ittiri. Ma
giusto per parlare dei dati di Ittiri, nel 2008 il PD ha raccolto 2764
voti rispetto ai 1655 del 2013, ovvero 1109 in meno pari al 40 % circa. Il PDL era accreditato di 1739, mentre alle ultime elezioni ne ha racimolato solamente 537 CON UNA PERDITA DEL
70%!!!!!!!!!!!!!!!!!  Con questi numeri come si fa a parlare di disfatta del PD ittirese e di sconfitta dei suoi più autorevoli esponenti? Si tratta
di semplici calcoli da terza elementare, matematica vulgaris!!! Certo, non si può nascondere l’ottimo risultato del movimento di Beppe Grillo, ma è anche vero che gli elettori hanno votato a
occhi chiusi, senza nemmeno sapere chi erano i candidati grillini in campo e quali sono i loro programmi.  Si tratta di un voto di protesta e va preso
per quello che è. I grillini ittiresi non hano nessun merito, finora non si sa nemmeno chi sono. Per dargli dei meriti bisogna vedere se riusciranno a radicare nel tessuto sociale ittirese il
Grillo-pensiero e se saranno capaci di presentare una lista decente alle prossime elezioni  comunali. Io sinceramente me lo auguro, la politica e la
democrazia ne hanno bisogno.

Totoi Fadda 03/01/2013 11:14



Pasquale, al momento risulta che il PD (la somma dell' ex PCI con la ex DC) ha avuto, rispetto alle precedenti elezioni politiche, un calo pauroso. Questo è al momento il dato importante da
analizzare. Certo può essere un piccolo fuoco di paglia politico, ma resta pur sempre un forte segnale sulla opportunità di rivedere il rapporto tra l' istituzione pubblica nostrana ed il Popolo.
Pensi forse che alcuni comportamenti non abbiano influito negativamente sull' esito del voto finale ? Non pensi che sotto sotto il mondo giovanile ittirese stà cercando di inviare dei messaggi
chiari a chi oggi disamministra Ittiri ?