Giacomo Zara si dice ottimista sul rilancio dell' Ospedale Alivesi di Ittiri nel breve termine. "E' tempo anche di accelerare le decisioni operative. Ittiri non può aspettare oltre".

Pubblicato il da Totoi Fadda

Il consigliere Giacomo Zara

sollecita maggiore interesse ed attenzione nei confronti dell' Alivesi

 

 

 


 

 g zara

<< Non è mia abitudine, a differenza di altri, strumentalizzare le sofferenze degli ammalati e delle loro famiglie che hanno necessità di un ben preciso punto di riferimento per la loro salute. Io sono abituato a muovermi ed a proporre soluzioni concrete al fine di raggiungere un obiettivo finale, condiviso da tutti possibilmente.>>

Esordisce in questo modo Giacomo Zara, consigliere comunale di opposizione della Città di Ittiri, commentando le ultime “uscite”, che a giudizio di chi scrive si sono rivelati dei veri e propri piagnistei al cospetto dei sodali politici di carattere provinciale, dei due primi cittadini di Ittiri e Thiesi a proposito della funzionalità dei due nosocomi di Ittiri e Thiesi.

<< E' deciso da tempo, come giustamente è stato più volte chiarito in altri articoli su questo blog, e le delibere del Direttore Generale Giannico stanno lì a dimostrarlo, che fra non molto la situazione del nostro ospedale cambierà radicalmente. Credo sia un mio preciso dovere, nella mia qualità di consigliere comunale, sottolineare che alcuni risultati, almeno sul piano della programmazione e della individuazione delle criticità segnalate, siano stati raggiunti anche grazie alle rimostranze ed alle tante manifestazioni di forte preoccupazione espresse dai cittadini ittiresi attraverso i nostri interventi, mirati e convincenti, coinvolgendo i massimi responsabili della ASL.>>

E' un fiume in piena Giacomo Zara. La problematica dell' Alivesi gli sta particolarmente a cuore anche perchè è fortemente convinto che sia fondamentale mantenere, e anzi se possibile aumentare, i livelli occupazionali attuali stante la grave crisi economica.

<<Posso affermare, senza essere smentito, che l’ Ospedale Alivesi di Ittiri sarà trasformato nel breve termine, in un cantiere aperto dimodochè possa finalmente essere messo in condizione, sotto il profilo strutturale, di garantire sicurezza e decoro. Insomma possa rifarsi il trucco. Sono infatti di questi giorni – prosegue Zara - le decisioni da parte della Dirigenza dell’ ASL e delle strutture che devono tradurre nel concreto le esigenze di bonifica del nosocomio ittirese, che segneranno l' inizio dei lavori più urgenti.>>.

Lavori che interesseranno, è contenuto nelle delibere del Direttore Generale, tutta l' area relativa alla viabilità nei giardini dell' ospedale, alcuni spazi interni al fine di renderli più accoglienti ed adeguati alle esigenze dell’ utenza nonché interventi, abbastanza importanti, nell’ area esterna della struttura ospedaliera deturpata, non solo dal tempo ingrato ma anche da anni di totale indifferenza, almeno sette, da parte non solo di una certa politica locale, che probabilmente dal degrado generale avrebbe tratto forse maggiore visibilità - troppo distratta o attratta da altri intendimenti ed obiettivi - ma anche dal pressappochismo complice di alcuni responsabili della sanità a carattere territoriale, che hanno sempre snobbato la struttura ittirese a favore di altri ospedali e realtà territoriali più appetibili sotto il profilo elettorale.

<< Auspico in particolar modo che dopo la doverosa ristrutturazione si dia corso ad una programmazione sanitaria che ponga al centro di tutto l' interesse dell' utenza, sempre più bisognosa di cure e di prestazioni sanitarie di livello eccellente. Credo sia doveroso ringraziare, proprio perchè ha lavorato alacremente per migliorare questo stato di cose, il responsabile della Struttura Sanitaria di Ittiri, Dott. Gianfranco Cesarani, che ha assolto in pieno a tutte le sue prerogative ed alla mission affidatagli dal Direttore Generale Dott. Marcello Giannico – sostiene Giacomo Zara – che aveva come primario obiettivo la rivalorizzazione della struttura sanitaria ittirese. Ma non basta ancora – aggiunge Zara – è necessario accelerare tutti quei processi decisionali che consentano di abbreviare i tempi di progettazione e di esecuzione. Ecco perchè mi farò promotore, sin da subito, di un intervento presso il Direttore Generale Marcello Giannico affinchè la tempistica della ASL sia mantenuta e contenuta in tempi accettabili.>>

Riteniamo che se questa intensità di interventi, attaccamento amorevole e determinazione nella difesa ad oltranza per il mantenimento della funzionalità della struttura sanitaria, l’ avessero avuta a suo tempo gli amministratori le cose oggi sarebbero state certamente diverse. Troppo tempo infatti si è perso nell' immediato passato relegando la problematica dell' Ospedale Alivesi come un qualsiasi problemuccio di ordinaria amministrazione. Ricordiamo che una delle “Industrie” con un discreto tasso occupazionale è proprio l' Ospedale che in certi periodi storici ha superato, per numero di dipendenti e per consistenza di fatturazione, anche il comune.

Ben venga dunque l' intervento di Giacomo Zara che saprà sostenere nelle sedi opportune le ragioni a favore della struttura sanitaria ittirese.

Checchè ne dicano i malpensanti.

Con tag Prima Pagina

Commenta il post