Il Consigliere Giacomo Zara richiama il Sindaco ai doveri istituzionali, democratici e di educazione. Chiede risposte per le sue sacrosante interrogazioni.

Pubblicato il da Totoi Fadda

g zara

 E' davvero odiosamente antipatico, credetemi, dover costatare che non vi sia più, da parte di chi rappresenta le istituzioni locali, il rispetto di una volta. Non solo  nei confronti di un Consigliere Comunale, democraticamente eletto anche se è di opposizione,  ma soprattutto nei confronti di quelle centinaia di cittadini, adulti e bambini, ed elettori che hanno riposto la propria fiducia in quel Consigliere che cerca, dedicando  il proprio tempo a disposizione ( e sacrificando la famiglia senza avere in cambio alcun "obolo" così come invece accade ad altri ben noti...) al suo mandato elettorale per  rappresentare al meglio la cittadinanza.

E' il caso del Consigliere Giacomo Zara che aveva posto, alcuni mesi fa, dei quesiti o, per meglio dire,  interrogazioni,  indirizzate al Sindaco di questo nostro povero comune. Interrogazioni che sollevavano problemi di non poco conto e tutti nell' interesse esclusivo della popolazione. Ad oggi non ha ricevuto alcuna risposta.  Pubblichiamo di seguito, dandovene pronta informazione, l' ennesimo invito al Sindaco a dare le dovute ed attese risposte. Speriamo che da quest' orecchio, passata la festa, ci senta.



      Ittiri,  23 Luglio 2012

    AL SINDACO DEL COMUNE DI ITTIRI

 OGGETTO:  Sollecito mancate risposte precedenti Interrogazioni del Consigliere Comunale Giacomo Zara.

 


Signor Sindaco,

 il sottoscritto Consigliere Comunale dell’Opposizione Giacomo Zara, ha preso atto che a tutt’oggi non risultano pervenute  risposte scritte di alcune  Interrogazioni presentate all’ufficio protocollo del Comune nelle seguenti date:

19/03/2012 inerente presenza Falde rete fognaria Loc. Funtana Noa Ittiri;

12/04/2012 inerente Strada comunale di Ittiri, Loc. IRVENTI;

11/06/2012 inerente Interventi urgenti anti crisi;

19/06/2012 inerente Rete fognaria prolungamento Via San Giovanni;

02/07/2012 inerente la presenza dell’acqua giallastra nella rete idrica;

 Premesso che l’assenza delle Sue risposte alle sopracitate Interrogazioni secondo i tempi previsti dall’art. 47    comma 4, del T.U.E.L.   non è certo sinonimo né di trasparenza né di legalità, ma è solo una manifestazione di indifferenza nei confronti di  colui che  cerca di fare chiarezza per poter dare risposte concrete ai cittadini di Ittiri, che segnalano le problematiche che interessano la Città.

E’ gravemente scorretto che un Sindaco non risponda alle Interrogazioni di un Consigliere Comunale, a qualsiasi gruppo esso appartenga, sia da un punto strettamente personale, sia nell’ottica del rispetto delle funzioni proprie di un Consigliere, oltre alla mancanza di rispetto verso chi rappresentiamo, aggiungiamo anche una negligenza, che ha portato il rappresentante dell’Amministrazione Comunale ad infrangere un Decreto Legislativo, poiché determina un sostanziale atto ostativo alle normali attività che un Consigliere svolge per la  propria collettività, impedendo di fatto, di conoscere le intenzioni dell’amministrazione, le decisioni assunte a fronte di alcuni problemi o la sensibilizzazione dell’opinione pubblica riguardo ai problemi irrisolti della città.

 Questi scivoloni tecnici sarebbero appena scusabili solo se commesse da principianti, ma non da chi amministra la città di Ittiri da vari anni, come Lei!

Considerato che quando ha assunto l’incarico, ha giurato ai sensi dell’art. 54 della Costituzione,  impegnandosi  ad  adempiere con disciplina ed onore la funzione pubblica a lei affidata.

 Concludo sollecitando  le risposte scritte in merito alle sopracitate interrogazioni, con l’auspicio di un riscontro positivo per le stesse,   soprattutto per  la rete fognaria che interessa il prolungamento della Via San Giovanni.

                                                                                   Il Consigliere Comunale

                                                                                         Giacomo Zara

Con tag Prima Pagina

Commenta il post

Non Vedo Non Sento Non Parlo 07/25/2012 21:46

A me pare che fare l' opposizione con queste piccolezze sia estremamente facile ed anche gustoso perchè ti danno un pò di visibilità e di pubblicità. Ma si tratta sempre di picolezze. Le cose
importanti, quelle che contano, quelle che incidono fortemente sul bilancio delle casse comunali sono altre. E non vengono mai sollevate.
E' stato accennato al dramma dell' amianto ed alle tantissime malattie che sta causando ad Ittiri: è calato un velo davvero pietoso ed omertoso. Si sono citati gli appalti della nettezza urbana e
del come sono stati gestiti : è bastata una piccola festicciola e l' aumento dell' accise sulla energia elettrica per zittire tutti. Si è parlato di legalità, di cultura, di integrazione sociale e
tante altre menate varie: perchè non si va alle delibere del consorzio di legalità - di cui è presidente qualcuno di vostra conoscenza - e vi controllate in che modo sono state distribuite le
risorse a disposizione ? Quanto è andato veramente a favore dei disoccupati,di quelli che hanno frequentato i cosiddetti corsi della legalità ? Ecco su questi argomenti è interessante fare
opposizione. Tutto l' altro è folklore, come quello che da circa un trentennio siamo costretti a subirci a suon di migliaia di euro che avrebbero dovuto essere impiegati, almeno in questo
bruttissimo periodo, a cose più nobili ed interessanti. E' bello scopare con il sedere degli altri ! Vi è una pubblicità che dice : "ti piace facile, vero ?" come l' opposizione di Ittiri che si
concentra sulle piccolezze anzichè sui problemi gravi. Anzi gravissimi. Scusate lo sfogo, non ho nulla contro Zara che è uno degli unici che solleva problemi, ma credo sia bene andare a fondo dei
problemi, quelli reali, quelli dove sono nascoste tutte le insidie a danno del cittadino che non si rende conto di quanto accade.

Don Abbondio 07/24/2012 10:54

Calmaaaa, calmaaa, non siate così permalosi fratelli cari. Lasciate che le feste vadano a loro, come i pargoletti fessacchiotti di cui amano circondarsi. Non abbiate paura ! Manifestate pure il
vostro dolore ma sappiate sin da ora che non accadrà nulla, proprio nulla! Io proporrei una bella notte bianca, anzi color merda, per festeggiare quest' evento dell' acqua puzzolente. Tutti insieme
per una notte intera tra arrosti, zimini, bevute, passeggiate e poi, per avere un bel finale, una bella inaugurazione con tanto di fascia tricolore ed un premio per il cittadino che ha l' acqua più
gialla e più puzzolente ! Che ne dite ? Poveri noi che non vogliamo credere a quello che vediamo.

PD due 07/24/2012 00:48

Ma al mercato con quale acqua lavorano ? I pescivendoli, i macellai, le frutte e verdure, le botteghe di alimentari. Insomma che acqua utilizzano ? I baristi ed i circoli e tutti quelli che hanno
rapporti con il pubblico. Credo sia meglio chiamare l' intervento degli Ufficiali Sanitari della ASL di Alghero. Datemi retta.

Don Cariga 07/24/2012 00:32

Non c'è problemaaaa, tra non molto con un' altra bella festa paesana, con balli, tavoli imbanditi, gioco alla morra, ubriacature, fotografie e filmati, inviti di gente che conta per farsi belli,
cori e ziminatte, pranzi per tutti gli amici degli amici, si risolve tutto ! Anche quel problemaccio dell' acqua giallastra. Sarebbe stato bello chiedere con quale acqua abbiano cucinato le
prelibatezze per far mangiare le personalità accudite e tutti i ragazzi dei gruppi folk. Con l' acqua color merda ? oppure visto che hanno tutto il paese in mano l' acqua gliel' hanno portata sino
alla cucina ? Che gli importa a loro se una parte di cittadini soffre questa situazione da alcuni mesi e che sono costretti a viaggi con i bidoni, le bottiglie e altro padellame per avere l' acqua
normale ? Se ci chiama a raccolta Zara noi siamo pronti a manifestare in piazza del comune.

Marianna 07/24/2012 00:13

Dal mio rubinetto scende ancora l' acqua gialla, o sporca. Non posso cucinare (me la porta mio marito da coros) nè farmi - scusate la volgarità - il bidè. Di lavarsi, intendo la doccia o il bagno
in vasca, neanche a parlane! Che cosa dovrei dire al sindaco ? come dovrei comportarmi secondo lui ? Dobbiamo andare tutti insieme in comune e fargli lo scandalo facendolo restare male ? dobbiamo
chiamare i pompieri ? gli ufficiali sanitari da alghero ? Bene ha fatto Zara a presentare l ' interrogazione, ma se la maleducazione di chi deve rispondere è a questi livelli costringe la gente ad
andare a trovarlo in comune. Vuole proprio questo ? Lui l' acqua c'è l' ha normale ? Allora pensi pure a noi poveri elettori e cittadini come e quanto lui !
Grazie.

Renato Burcio 07/23/2012 20:57

Questo sindachino, festaiolo e pranzaiuolo su invito di altri naturalamente (eh, si ha il braccino corto quando si tratta di invitare...), prima dice pomposamente alla presenza di autorità civili e
militari e giudici di rinomato lignaggio che è utile combattere la illegalità e tutte quelle azioni che ad essa portano, dall' altra, e la dimostrazione è data proprio dal mancato rispetto della
popolazione che rappresentano i consiglieri di opposizione, si comporta come un teppistello arrogante intellettuale qualunque, pieno di se stesso e non da risposte. Ma quando è che gli ittiresi
capiranno con chi hanno a che fare ? E' questo il modo di amministrare Ittiri - paesone di ignorantoni e sprovveduti a quanto pare - ed i suoi cittadini ? Bene ha fatto Zara a dirgliene quattro e a
chiedere notizie e soddisfazione. Almeno per educazione.