Molti si domandano : ma l' Informazione locale è Corretta? Il Popolo ittirese è bene informato di quanto accade veramente in Consiglio Comunale? Ecco una prima critica all' informazione locale.

Pubblicato il da Ghigno nel Sacco

pastori-sardi-copia-1.jpg

 

E' un problema di Libertà di Stampa ?

Manca davvero lo spazio nelle paginone di De Benedetti?

E' il solito caso dei Poteri Forti che controllano l' Informazione in quel di Cannedu ?

____________________________________________________________________________________________

L' articolo mai pubblicato.

di

Ghigno nel Sacco

=============================================================================================

PREMESSA

 

A cura di Sinistra identitaria


Il brano seguente è stato inviato via e-mail direttamente al
corrispondente della Nuova Sardegna, a sua precisa richiesta, appena 
due giorni dopo la seduta del consiglio comunale del 30 Novembre u.s.
Come è gia successo altre volte, sia per le sedute del Consiglio
Comunale come per altre questioni di fondamentale importanza, tipo i
gravosi problemi dell’ospedale Alivesi, i relativi articoli
misteriosamente  non escono, mentre nel frattempo si possono leggere,
quasi quotidianamente, un’infinita di notiziole su Ittiri, sicuramente
gradite al sindaco soprattutto quando ne esaltano la sua magnificenza.
Le opposizioni, rappresentate per lo più da neofiti, in parte con
scarsa  esperienza di politica e soprattutto di  assemblee consiliari,
vengono puntualmente escluse da un’informazione puntuale sugli
argomenti all’ordine del giorno del consiglio comunale, con un’
informazione in parte  occultata e con documentazione a corredo dell’
argomento in discussione spesso incompleta, e per consuetudine ormai
consolidata, fornita in extremis 24 ore prima della convocazione delle
sedute stesse. Questo succede anche quando si tratta di argomenti di
fondamentale importanza come la discussione sui piani
particolareggiati. A tutto questo aggiungiamo il fatto che non vengo
pubblicate le notizie sulla stampa, forse perche non gradite a
qualcuno. Qui si pone ovviamente un problema gravissimo di trasparenza
e di democrazia. A questo punto è necessario utilizzare tutti gli
strumenti a disposizione per poter denunciare questo stato di cose. I
rappresentanti istituzionali delle opposizioni devono protestare
ufficialmente presso la direzione della Nuova Sardegna, che si reputa
una voce libera e democratica, ma che almeno  per quanto riguarda
Ittiri cosi non è.

Questo è il tenore del documento inviato dalle opposizioni Sinistra
Identiria e Ittiri può cambiare al corrispondente della nuova, il quale
non avendo seguito i lavori del consiglio aveva chiesto a Sinistra
identitaria un reseconto del dibattito, che puntualmente gli è stato
fatto pervenire e che puntualmente non è stato pubblicato.

censura.jpg
Il dibattito sui punti all’ordine del giorno del  consiglio comunale
fissato per il 30 Novembre u.s., iniziato alle 17 ha proseguito
ininterrottamente superando abbondantemente la mezzanotte. Gli
argomenti  in discussione erano molto appetibili. Superati agevolmente
i punti riguardanti gli assestamenti di bilancio di previsione 2010, l’
approvazione dei verbali di precedenti sedute e modifiche di
regolamenti varie, il dibattito ha cominciato a prendere consistenza, 
animandosi con la discussione sulle interpellanze presentate dal
consigliere zampa Marras , e in  particolare sulle vicende dei pastori
e della  crisi economica che sta interessando il comparto Agro-
pastorale della Sardegna, in cui, dopo un serrato confronto e una
interruzione della seduta consiliare per trovare una intesa sul
documento presentato dal rappresentante della Lista Sinistra
Identitaria , la seduta è ripresa subito dopo per affrontare i punti
più salienti  posti all’ordine del giorno e che stavano più a cuore all’
amministrazione comunale e cioè l’esame al piano particolareggiato
della zona A- centro storico e la sua approvazione. Detto piano in
gestazione da circa 3 anni, ereditato dalla precedente amministrazione,
è stato considerato da quanti hanno avuto la possibilità di conoscerlo,
ma soprattutto dai tecnici, che sono i giudici migliori, troppo
restrittivo e penalizzante per i cittadini che decidono di fare
interventi di recupero nelle abitazioni ubicate nella zona A. Inoltre,
l’opinione dei gruppi delle opposizione: sinistra identitaria e Ittiri
può cambiare è stato quello di chiedere un rinvio dell’argomento con la
motivazione che il Piano Particolareggiato non era stato
sufficientemente pubblicizzato, e che pertanto solo alcuni fortunati
cittadini (un centinaio circa) ha avuto la possibilità di presentare le
opportune osservazioni, in gran parte, tra l’altro, accolte. I gruppi
dell’opposizione nell’intento di tutelare i cittadini  ignari che non
hanno ancora potuto visionare  il piano, (considerato che il centro
storico si compone di oltre 1500 case) hanno abbandonato l’aula.
Successivamente rientrati in aula, hanno più volte incastrato ll
sindaco, presidente dell’assemblea, con domande puntuali e precise
sulla filosofia del piano, sulle schede visionate e approvate,
rilevando la totale assenza delle mappe e in generale della
cartografia, indispensabile per l’individuazione  degli stessi edifici
in discussione. Il piano naturalmente è stato votato dalla sola
maggioranza. I capi gruppo dell’opposizione hanno potuto constatare e
sottolineare  il pressappochismo e la superficialità dimostrata dalla
maggioranza su una materia così importante con atteggiamenti  spesso
arroganti e presuntuosi che hanno fatto emergere gravi omissioni e
molta incompetenza su tutta una serie di argomenti trattati.


===========================================================================================


Con tag Prima Pagina

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Fabrizio S. 12/21/2010 09:20


L' errore sta nella incapacità assoluta della opposizione intera a contrapporsi ai ragionamenti, alle decisioni ed alle deliberazioni della maggioranza di governo ittirese. Non si spiega in diverso
modo questa opposizione silenziosa, morbida, con pochissimo mordente, male organizzata, incapace appunto di contrastare con argomentazioni e documentazione valida le decisioni assunte dalla
maggioranza. Credo che abbia ragione per certi versi roberto quando dice che i voti sono stati espressi e la gente di ittiri ha scelto i suoi amministratori. Io aggiungo che almeno chi oggi siede
sugli scranni più alti di ittiri è ricco di una esperienza plurideccennale. Quindi questo è già una garanzia di preparazione e di esperienza.
Sulla stampa libera e corretta do pienamente ragione a sinistra identitaria, c'è uno sbilanciamento a favore del potere. Ma è caratteristico, anzi rientra quasi nella normalità, che il
corrispondente abbia dei buoni rapporti con gli amministratori. Mica deve fare il Donchisciotte. Per chi poi, per una cittadina che si è già espressa abbondantemente riversando voti, a larga
maggioranza, a favore degli attuali governanti ?


Sandro 12/20/2010 16:37


Intanto Auguroni a tutti.
La discussione sollevata dal movimento sinistra identitaria non è di poco conto. Qui qualcuno cerca di sminuirne l' importanza e soprattutto la gravità. Se da una parte il governante ha tutto l'
interesse a nascondere, celare, occultare le azioni che andrebbero contro gli interessi del popolo o, perlomeno, solo a suo favore o di qualche suo protetto, dall' altra la vera stampa libera,
democratica, equilibrata, onesta ha il compito di scrivere e denunciarne gli sbagli volutamente non coerenti con la morale corrente. Ora subito dopo la pubblicazione del documento si è cercato di
intimidire i frequentatori del blog attaccandosi al fatto che quelle scritte sono solo sciocchezze e che ci sono cose più importanti da fare. L' invito di roberto, se ricordo bene, era quello di
presentarsi alle elezioni, prendere i voti e poi provare ad amministrare. Il fatto è che la popolazione ha scelto liberamente questa maggioranza, questi candidati, questi partiti, queste persone
per essere amministrati. Ora questo non vuol dire necessariamente che chi siede in quelle sedie debba fare il buono ed il cattivo tempo. Deve semplicemente programmare tutte quelle azioni e
delibere che siano di esclusivo interesse della cittadinanza. Quando questo non succede il compito della minoranza, delegata a questo scopo sempre dal popolo, è quello di contestare e di fare delle
proposte alternative. Il ruolo della stampa è, in questo, molto importante perchè deve mettere in campo queste due posizioni discordanti e divergenti e poi sarà il popolo a farsi un' idea su chi
abbia torto o ragione.
E' il cosiddetto gioco delle parti. Quando l' opposizione per svariati motivi non è in grado di ribattere questo ruolo è demandato alle organizzazioni politiche e sociali presenti che si fanno
carico di richiamare l' amministratore alle sue prerogative e doveri.
Dove stà l' errore ?
Roberto che cosa ne pensi ?


Babbo Natale 12/19/2010 18:09


@ Roberto: ottima squadra quella che hai disegnato. Ben qualificata, fantasiosamente originale, ironicamente accettabile, comicamente divertente. Il dramma è che resta sempre il problema di fondo,
quello sollevato dal post in prima pagina: L' Informazione sui fatti politici di Ittiri, è corretta ?
Ecco, su questo si deve discutere, se ne abbiamo voglia e se siamo, tutti noi col "vizio" dei forum di discussione, disponibili a dire quello che realmente accade nella nostra città. Certo, per
evitare il confronto su un tema così spinoso, possiamo buttarla sull' ironico, sulla facile accusa, sul nulla.
Vedo che sul sito di Boiki la consigliera Piras, puntigliosamente e credo con precisione, fornisce un resoconto dettagliatissimo sui lavori che avvengono in consiglio. Una ricostruzione quella
della Piras che contrasta con quella pubblicata da totoi fadda su questo blog e ricostruita dagli esponenti dell' opposizione.
Quale è la verità consiliare ?
Ecco, Roberto, se hai la capacità esprimiti su questo tema che, se ben sviluppato, può portare alla costruzione di un nuovo modo di dicustere e confrontarsi, di un nuovo modo,certamete più onesto,
di fornire le giuste notizie al Popolo Sovrano, se tale Tu lo riconosci.
Buona Natale.


roberto 12/19/2010 11:46


...gli ittiresi sanno scegliersi bene chi li deve amministrare!!! di sicuro non potevano scegliere le due ridicole proposte alternative all'attuale maggioranza........
perchè, anzichè parlare da fuori, non provate a fare voi una bella lista alle prossime elezioni, visto che siete così bravi a parlare e criticare da fuori!!!!

sarebbe una bella lista...

-Pinocchio
-Geppetto
-Braccio di Ferro
-Zampa
-Paddeu
-Draculino
-Mazinga Z
-Goldrake
-Superman
-Batman
...e chi più ne ha più ne metta


Braccio di Ferro 12/19/2010 11:17


@Pinocchio: che gli ittiresi siano degli ottimi e profiqui lavoratori (ad esclusione di qualche amministratore che ha sempre vissuto a sbafo e che continua a fare carriera grazie al PD) non ci
piove. Che siano però ciechi, politicamente intendo, nessuno deve togliercelo dalla testa. Dico questo perchè non vedono a chi hanno dato in mano la nostra città. Tra i nostri attuali
amministratori, compresi quelli dell' opposizione, vi sono campioni di bugiardi. Ve ne sono alcuni che hanno saputo vendere bene le loro parentele, amicizie, conoscienze per ottenere voti ed essere
così eletti. E tutti noi a stare zitti e a credere a questi bugiardoni. La stampa locale, così come lo era prima che venisse cambiato il corrispondente, ha scritto sempre quello che voleva il
padrone politico del momento. Chi glielofafare a Vincenzo ad andare contro l' attuale maggioranza, cosa ci potrebbe guadagnare ? Il popolo nella sua totalità accetterebbe un giornalista che va
contro la propria cittadinanza scrivendone male tutti i giorni e facendo apparire Ittiri come uno degli ultimi paesi della provincia ?
Io dico che spetta all' opposizione, se ne hanno davvero le capacità, costringere gli amministratori a fare le cose giuste. Devono fare opera di controllo, di aggiornamento continuo, devono essere
più vicini alla popolazione che gli ha eletti e raccoglierne le istanze e le proteste, devono insomma fare gli interessi della città. Il dramma è che sono, non per colpa loro, incapaci ad
individuare i problemi, a sollevarne la discussione ed a proporne la soluzione. Ecco perchè le cose vanno bene così come sono adesso.


Pinocchio 12/18/2010 12:04


Vorrei rispondere a Geppetto: non credo che gli ittiresi siano grulli, anzi tutt' altro, sono persone che conoscono molto bene i loro interessi, le loro capacità in materia di agricoltura
artigianato e varie attività. Ecco perchè sono molto ricchi ed hanno le case più belle della provincia di sassari. Hanno anche il dono del gusto perchè se noti le loro facciate e gli internio delle
loro case, puoi trovare dei veri e propri monumenti ed opere d' arte. Infine la valorizzazione della trachite rossa, quella che non vuole valorizzare il nostro sindaco, fa bella mostra di se in
quasi tutte le case degli ittiresi.
Altro che grulli !
La politica ?
Credo che se ne strafottano di questi poveracci, nullafacenti nella loro vita professionale, che si arricchiscono facilmente ricorrendo alla militanza politica sedendosi per 5 oppure 10 anni sui
banchi del consiglio e giunta. I veri grulli sono proprio questi.
Gli ittiresi sono persone laboriose e lavoratori, è riconosciuto da tutti, fuorchè proprio dagli stessi ittiresi dove impera l' invidia e la gelosia. Ecco perchè non si va mai avanti.


Geppetto 12/17/2010 17:26


Ittiri merita il governo che ha.
Ittiri resterà sempre un paesone di grulli e citrulli.
Ittiri pensa solo ai soldi, ai carciofi, alle facciate belle, alle credenze dell' 800 (senza pagarle...).
Ittiri è bello così.
Adesso tutti al botteghino a berci su.


Scalfari 12/15/2010 18:29


Di tutto state parlando fuorchè sulla domanda iniziale del titolo di questo resoconto: la libertà di stampa ad Ittiri c'è o non c'è ?
Come mai le notizie più importanti, che poi sono sempre quelle negative per l' amministrazione, non vengono pubblicate ? La Nuova Sardegna sa come lavora il proprio corrispondente ? Come mai noi
ittiresi ogni mattina, puntuali, incolonnati come pecore, andiamo a comprare quel giornale ?
Se avete coraggio iniziate a comprare l' Unione Sarda e vedrete che quando calano le vendite ( i soldi )il direttore del giornale interviene.
Sino ad allora ce l'aabbiamo sempre tutto ndentro al cul !


Battistino 12/15/2010 16:59


Sarei curioso di sapere chi è davvero quell' asinaccio che si firma roberto.
Se è un amministratore, come penso, so già chi è.


Giommaria 12/15/2010 12:40


Davvero credete che interessi a qualcuno quello che avviene in comune ?
Si è sempre detto che gli ittiresi quando votano vanno a fare il loro dovere, aiutano i parenti che sono in lista, sostengono quelli che gli hanno promesso qualcosina, danno retta ai politici che
vengono da fuori e con i quali hanno contratto debiti morali ed elettorali, poi, dimenticano tutto e si dedicano al lavoro e alle loro attività. Non è più come prima quando la sezione ed i
tesserati partecipavano alle sedute del consiglio richiamando o sostenendo, di volta in volta, il capetto di turno, il dirigente del partito dal quale dipendevano le loro chiamate a questo o a quel
cantiere, oppure la permanenza nell' ormai famoso e dimenticato "elenco dei poveri" che dall' ECA (Ente Comunale Assistenza) ricevevano gli aiutini economici e altro.
Cosa volete che gli importi agli ittiresi se il corrispondente non pubblica la verità o le notizie per intero. Tanto sanno già come funziona: oggi c'è questo, domani c'è nè un' altro, e tutto
rimane sempre uguale. Mangia il primo e anche il secondo.
Ne vale davvero la pena di arrabbattarsi tanto ?


Giuseppe S. 12/15/2010 11:35


Ho letto il resoconto che ha pubblicato l' altro blog, Boiki-PD, e di quello che è scritto qui non vi è traccia. A chi devo credere ?
Alla maggioranza (la "giornalista" è una consigliera di maggioranza...) oppure alla opposizione ?
Quale è la verità, chi è che ha raccontato le cose giuste e quello che veramente è accaduto quel giorno?
Siamo alle solite. Confusione, confusione, confusione.


Serefino 12/15/2010 09:22


Eccolo ! Sempre all' erta il killer istituzionale, alias Roberto che se la prende con totoi per aver dato spazio al documento stilato da "sinistra identitaria" e "ittiri può cambiare".
Quando impareranno che la libertà di parola e di scrittura è ancora vigente in Italia e che, sino a quando i comunisti non andranno al potere, è possibile esprimere la propria opinione ?


roberto 12/14/2010 19:57


...o totooo!!! ma non hai altro di meglio da fare che perdere tempo con queste cazzate??????????? VAI A LAVORAREEEEEEEEE!!!!!!!


Antonio Fadda 12/15/2010 08:06



Urca la peppa ! E ite asa mandigadu oe, puntzittasa !