L' On. Giommaria Deriu riporta Ittiri sui banchi del Consiglio Regionale. Sarà l' inizio di una nuova rinascita per la nostra città dopo gli anni bui del feudalesimo in motorino e calzoni amaranto

Pubblicato il da Ittiri Notte

Giommaria-Deriu-copia-1.jpeg
Ormai è cosa fatta.
Le ultimissime notizie danno per certa e definitiva la presenza sui banchi del Consiglio Regionale dell' ittirese Giommaria Deriu, anzi iniziamo a mettere i puntini sulle i, dell' Onorevole Deriu, eletto nella lista che raggruppava Rifondazione - Comunisti Italiani - Sinistra Sarda. 
La città di Ittiri dunque torna al vertice della politica regionale, dopo la parentesi ed il vuoto lasciato da Salvatore Lorelli, in un ruolo certamente non marginale tenendo conto che il candidato ittirese, già Assessore Provinciale, è noto per la sua determinazione e del suo essere uno dei protagonisti e fautori di quella buona politica che ha sempre prodotto risultati per le comunità locali dell' intero territorio della provincia di Sassari.
A differenza di altri, in particolare di uno ben noto, l' On. Deriu non è nato "con la camicia già stirata" ma ha dovuto faticare tantissimo per affermarsi e per emergere.
Da ex operaio SIR, sotto la difficile, tragica e controversa gestione di Rovelli, seguendo tutta la trafila sindacale prima e, successivamente, quella politica in parallelo ha sempre avuto la capacità e la forza non solo delle argomentazioni ma del sostegno della gente di farsi largo tra i cavalli di razza dell' epoca.
Prima militante attivo dell' ex PCI, del quale ne diventa in seguito segretario di sezione, poi consigliere ed assessore comunale.
Si scontra ben presto con i "giovani leoni&rampanti" dell'allora PCI, che daranno poi vita a Democrazia e Progresso guidata da Gianni Senes e al suo seguito, in posizione molto anonima e defilata, l' attuale sindaco di Ittiri il Dott. Orani Antonio Luigi noto Tonino.
L' On. Deriu, forte della sua esperienza e del suo saper navigare in acque mosse, non si scompone e abbandona il suo storico partito ormai invaso, così vengono definiti dalla base militante, da "corpi estranei" a quella cultura operaista e di lotta che tante soddisfazioni elettorali ha dato.
Viene eletto in provincia ricoprendo l' incarico di Assessore.
L' On. Giommaria Deriu ha tutte le carte in regola e la capacità intellettuale, la preparazione politica e l' esperienza amministrativa per poter ambire a gestire e rappresentare il nostro territorio attraverso un incarico assessoriale.
Tutti gli ittiresi se lo augurano, anche quelli che non gli hanno accordato il voto per diversità di vedute, perchè lo ritengono all' altezza del ruolo.
Molti compaesani, toccandosi vistosamente il gemellame, fanno voti affinchè venga scongiurata la comparsata di altro personaggio che ha raccolto ben poca cosa rispetto a quanto invece molti di quelle truppe cammellate si aspettavano.


Aggiornamenti da Tiscali News :
     
" I conteggi sono ancora in corso, ma una certezza c'è già: il primo partito nel nuovo Consiglio regionale sardo sarà il Pd che avrà tra i 21 e i 23 seggi. Seconda compagine, per numero di seggi, sarà invece Forza Italia. Solo i primi due schieramenti in campo sbarcano in Consiglio regionale.
Il centrosinistra di Francesco Pigliaru - che ottiene il premio di maggioranza avendo ottenuto più del 40 per cento - avrà 36 consiglieri su 60, il centrodestra ne prende 24. Non prendono neanche un seggio e restano fuori dall'assemblea di via Roma sia le coalizioni di Michela Murgia e Mauro Pili (che avrebbero dovuto raggiungere almeno il 10 per cento, e invece si sono fermate rispettivamente al 6,8 e al 5,4) sia le liste di Pier Franco Devias (0,69%) e Gigi Sanna (0,73), ben lontane dalla soglia del 5 per cento.
Il centrosinistra -  Tra i democratici vengono confermati Lorenzo Cozzolino, Cesare Moriconi, Gianpaolo Diana, Franco Sabatini, Pietro Cocco, Gavino Manca, Antonio Solinas. Tra i volti nuovi, oltre alle due donne elette nel Pd, Daniela Forma e Rossella Pinna, entrano il sindaco di Sassari Gianfranco Ganau, l'ex assessore provinciale di Cagliari Piero Comandini, il sindaco di Elmas Valter Piscedda, l'ex sindaco di Quartu Gigi Ruggeri, il sindaco di Sanluri Sandro Collu, il sindaco di Loiri Porto San Paolo Giuseppe Meloni, l'assessore comunale di Sassari Salvatore DemontisMario Tendas, vicesindaco di Solarussa.
Sel avrà quattro consiglieri: dovrebbero essere Daniele Cocco, Francesco Agus, il segretario regionale Luca Pizzuto e il sindaco di Escloca Eugenio Lai. Due seggi ai Rossomori (il nuorese Emilio Usala e Paolo Zedda), le altre forze del centrosinistra eleggono un consigliere: per il Partito dei sardi sarà l'avvocato di Macomer Gianfranco Congiu, per Rifondazione Comunista Giommaria Deriu di Ittiri, per il Centro democratico Roberto Desini, per l'Upc Gaetano Ledda o Pierfranco Zanchetta della Maddalena. Il Psi elegge Mondo Perra.

Il centrodestra - Forza Italia elegge l'ex assessore alla programmazione Alessandra Zedda, Stefano Tunis, ex direttore dell'Agenzia regionale del lavoro e l'uscente Edoardo Tocco. Con i resti potrebbe farcela anche Alberto Randazzo. A Nuoro spicca il risultato di Pietro Pittalis (il più votato in assoluto, tra i consiglieri con oltre 6 mila voti), da Sassari entrano l'ex sindaco di Alghero Marco Tedde e l'uscente Antonello Peru. Entrano anche Ignazio Locci dal Sulcis, il "vulcanico" sindaco di Golfo Aranci Giuseppe Fasolino, l'uscente Angelo Stochino e il sindaco di Furtei Nicola Cau.

Tre i consiglieri per i Riformatori: sono il coordinatore Michele Cossa, l'algherese Pietrino Fois e uno tra Luigi Crisponi, assessore al Turismo uscente, e Franco Mula, sindaco di Orosei. Tra i confermati anche due superveterani del Consiglio: Mario Floris, Uds, e Giorgio Oppi, Udc. Il partito di Casini piazza anche Gigi Rubiu, Andrea Biancareddu e uno tra il sindaco di Mandas Umberto Oppus e Peppino Pinna. Per il Psd'Az entrano Christian Solinas e Pietro Moro, i Fratelli d'Italia eleggono Matteo Sanna."


Con tag Prima Pagina

Commenta il post

Giommaria 02/25/2014 08:43


LECCACULO PINDACCIO MALEFICO

Ittiri Notte 02/25/2014 21:26



Ah,ah,ah ! Caro lettore anonimo che ti firmi come Giommaria e che hai una mail fittizia tipo  ass.gmd@tiscali.it  con un IP :
195.130.213.14ho passato la tua chicca luminosa al direttore del giornale che ha pubblicato la notizia. Io da semplice passacarte, nonchè apprendista leccaculo pindaccio malefico, posso solo
mandarti affanculo augurandoti di passare una buona serata, emorroidi permettendo....




ANTONIO 02/20/2014 10:56


Il solito uccello del malaugurio, aspetta la proclamazione degli eletti prima di leccare così forte, ciao Fadda

Ittiri Notte 02/25/2014 21:28



Figo ! caro sarefran@hotmail.it 



il tuo IP : 88.35.39.73 la dice lunga sulla tua personcina. Giro il tuo strale al direttore del giornale di caratura nazionale che ha pubblicato la notizia.