L' On. Prato controreplica al Sindaco Orani

Pubblicato il da Antonio Fadda

Andrea-Prato.jpg

 

10 settembre 2010

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la replica, da parte dell' Assessore Regionale all' Agricoltura On. Andrea Prato, al comunicato del Sindaco di Ittiri Dott. Tonino Orani, pubblicato nella giornata di ieri, sulla polemica inerente l' utilizzo o meno del pecorino romano nelle mense della ristorazione pubblica.


pastori-in-ovile.jpg
“Sull’utilizzo del pecorino nei bandi della ristorazione pubblica non ho mai voluto innescare inutili polemiche, quanto richiedere, al sindaco di Orotelli prima, a quello di Ittiri poi, ma soprattutto a tutti i sindaci della Sardegna,
la massima collaborazione per superare la grave crisi del comparto ovi-caprino con atti concreti e non con proclami”. Lo precisa l’assessore  regionale dell’Agricoltura, Andrea Prato, in merito alle dichiarazioni del sindaco di Ittiri. “Stupisce che il sindaco Orani mi richiami  all'approfondimento della normativa sugli appalti pubblici ricordando che sarebbe vietato dalla  legge prevedere specifici prodotti di una marca o di una ditta.

Ci spieghi allora  anche lui perché nel capitolato del bando indichi a scanso di  equivoci il Dolce Sardo e il Dolce di Macomer, prodotti entrambi da solo due aziende in Sardegna. E spieghi ancora la sua scelta di favorire il monopolio di tre caseifici che in Sardegna, a suo dire, producono formaggi vaccini stagionati da un  anno”.  “Detto questo – aggiunge Prato - mi fa piacere che anche lui, come il  sindaco di Orotelli, si sia reso conto dell'errore commesso e abbia deciso di modificare il bando includendo il pecorino, finora mai citato. Questo, e non altri, era l’unico obiettivo del mio richiamo: contribuire a risvegliare la sensibilità di  tutti, enti locali compresi, a una maggiore attenzione verso l’ utilizzo dei formaggi ovini in un momento drammatico come quello che stiamo vivendo.

 

felice floris

Infine: il sindaco di Ittiri ha tutto il diritto di manifestare per una giusta causa, alla cui soluzione tutti noi siamo chiamati a contribuire con grande senso di responsabilità e soprattutto con atti concreti”.

Con tag Prima Pagina

Commenta il post

Maco 09/11/2010 17:12


Sul discorso del Magna Magna ha ragione il cittadino di Ittiri. Ormai ci siamo talmente abituati a questo andare delle cose che ci sembre un fatto normale che, chi viene mandato ad amministrare sia
in paese sia a cagliari sia a roma, debba per forza di cose arraffare tutto quello che gli capita a tiro di mano. Per tutto il tempo che dura il suo mandato o incarico. E' un vizio tutto nostro.
Questa abitudine alla ruberia costante ed all' intrallazzo perenne ci fa dire:" sono tutti uguali, tanto se ci vai tu farai altrettanto". Una vera e propria rassegnazione. Vergognoso.
Rileggendo sin dall' inizio questo blog, come altri ad esempio quello di Grillo e di tantissimi altri ancora, che affrontano problemi politici e sociali e di costume e di etica politica si è potuto
notare che da parte del potere politico preso di mira c'è una sorta di fastidio. Sembra che chi è stato chiamato dal popolo ad amministrare le proprie risorse non debba dare conto a nessuno,
neanche al popolo parrebbe. Ora i blog sono nati e si sono sviluppati per colmare quel grandissimo vuoto creato da una certa stampa. Ora la stampa di sinistra ora la stampa di destra. Qui in
sardegna di destra pare ci sia solo l' Unione Sarda, qualche piccolo insignificante ed ininfluente blog come questo e basta. A sinistra c'è tutta la stampa che si collega al gruppo l' espresso di
De Benedetti, quindi anche la nuova sardegna di rovelliana memoria. Questi danno addosso di volta in volta l' aggregazione che si alterna al governo regionale. Ora coprendo ora denunciando
malefatte. In mezzo a tutto questo ci stiamo noi, il popolino, che in base alle nostre letture decidiamo da quale parte stare.
Sino ad oggi è prevalsa la grande forza di sinistra che, comunque viene amministrata questa nostra isola, ha sempre torto l' amministrazione che viene connotata a destra. Naturalmente qui ad
Ittiri, da noi, ha sempre ragione la giunta di sinistra. Sin dal 1945. Mai un errore.
Se viene detto che c'è un magna magna si diventa bugiardi, prevenuti, falsi, delinquenti ecc. ecc.
Non vi viene voglia di riflettere un pò cari ittiresi ? Vi rendete conto che vi e ci hanno sempre ingannato ? Così è anche sul mistero del capitolato delle mense delle scuole dove verrà dato da
mangiare ai nostri figli quello che proporrà una cifra bassa. Se è bassissima va ancora meglio. La qualità vada a farsi fottere !
Ecco perchè stò dalla parte di Andrea Prato che almeno ha posto il problema in difesa (fenomeno strano direte voi visto che è di destra...) dei pastori e delle produzioni locali.
Vogliamo parlarne seriamente ?


Il sospettoso 09/11/2010 16:19


Ma non è possibile affrontare un discorso per volta ? Se si discute di agroalimentare dobbiamo stare in tema. Non allontanarcene. Se inneschiamo la discussione sui lavori pubblici, sugli appalti ad
alcune imprese anzichè ad altre, sulle connivenze della politica e di alcuni politi con imprese appaltanti e subappaltanti, non riusciremo mai a chiudere il discorso. Sulla CPL Concordia qualcosa
in questo blog è stato scritto e credo abbondantemente analizzato e le mancate risposte e smentite pare abbiano dato ragione a chi il problema lo ha sollevato. In Corsica ci sono militanti politici
che si confrontano costantemente e costruiscono, tutti insieme, la programmazione per la sua difesa ed il suo rilancio economico. Qui da noi è tutt' altra cosa. Dipendono i nostri amministratori,
sia di destra che di sinistra che di estrema sinistra o di estrema destra, da ROMA.
Credete forse che quelli che si stanno affacciando adesso (i Floris e tanti tanti altri )non siano degli strumenti in mano alla politica nazionale ? Il nostro dramma è quello di sempre : "pocos
locos e disunidos". Il Re spagnolo aveva ragione da vendere ecco perchè ha fatto tutto quello che ha voluto qui, in Sardegna. Nel suo piccolo il Re Orani, forte del grandissimo consenso degli
ittiresi che gli hanno consnetito di aumentare di circa 1300 voti di scarto rispetto alle precedenti, farà quello che vorrà. E tutti zitti !


un cittadino di Ittiri 09/11/2010 10:13


ma xchè non la smettono questi buffoni di politici, sono tutti per il magna-magna, appartengono tutti al partito "P.P.M." (pro panza mea). In Sardegna non bisogna solo salvaguardare i prodotti
agrozootecnici ma anche i lavori pubblici che vengono sempre aggiudicati dalle imprese che arrivano come avvoltoi da oltre il mare , mi fà rabbia che queste imprese vengono incoraggiate dai nostri
politici isolani... si aggiudicano il 90% dei lavori pubblici, pagano le tasse nei loro luoghi di residenza, subappaltano tutto il lavoro alle imprese del luogo (e non lo possono fare vedi a Ittiri
la CPL Concordia con gli impianti del gas) Nella vicina Corsica i politici corsi salvaguardano diversamente la loro economia... intanto gli appalti pubblici vengono assegnati alle imprese con
"discrezionalità" ed a loro piacimento... pertanto in Corsica "non passa lo straniero" mentre in Sardegna è e sarà terra di conquista, almeno sin quando regneranno questi politici che pensano al
partito P.P.M.