La Fsi di Mariangela Campus "adotta" l' Ospedale Alivesi e ne sostiene il rilancio. La presenza del Dott. Uccio Sanna, uomo-ombra del Dott. Marcello Giannico, incoraggia gli addetti ai lavori.

Pubblicato il da Totoi Fadda

 

mariangela campusUno degli impegni, precisi e non rinviabili, assunti da Mariangela Campus, segretaria territoriale della FSI (Federazione Sindacale Indipendente) settore Sanità, durante l' ultimo congresso provinciale tenutosi all' Hotel Grazia Deledda che l' ha riconfermata al vertice, non si è fatto attendere.

E' di stamattina infatti la sua visita, come aveva promesso in sede congressuale, alla struttura Ospedaliera dell' Alivesi di Ittiri, accompagnata dal sempre presente e instancabile Loreto Ciappeddu, ricco della sua esperienza nel settore sanità, per sentire i dipendenti e per rendersi conto di quale sia realmente lo stato generale dell' intera struttura nosocomiale.

La determinazione e la volontà nel voler garantire una adeguata assistenza sanitaria all' utenza e affrontare le problematiche dell' Ospedale ha determinato il positivo coinvolgimento, in prima persona, del Direttore Generale dell' ASL. Infatti, a dimostrazione della sua sensibilità e vicinanza alla struttura ittirese, il dott. Marcello Giannico ha inviato un proprio alto dirigente, il dott. Uccio Sanna, al fine di visionare e raccogliere tutte le informazioni utili per predisporre eventualmente dei piani di intervento, mirati almeno per quelli più impellenti, e risolvere nell' immediato le criticità urgenti riscontrate.

Ad accoglierli nella struttura ittirese, presso l' ala storica ottocentesca dell' Alivesi, e ad illustrare la situazione riscontrata sin dal suo insediamento è stato il Responsabile del Coordinamento Sanitario dei Presidi di Ittiri e Thiesi, afferente al Distretto Sanitario di Alghero, il Dott. Gianfranco Cesarani.

Nella sua esposizione il Dirigente Sanitario ha posto l' accento sulle gravi condizioni in cui ha trovato l' intero nosocomio e sulla necessità di operare con tempestività al fine di salvaguardare le storiche strutture murarie e di rilanciarne l' operatività attraverso l' attivazione e messa a regime di tutti gli ambulatori specialistici previsti in aggiunta a quelli già ad oggi in piena attività.

Il Dott. Uccio Sanna si è detto possibilista per alcuni interventi per la difesa e la tutela della struttura ed ha garantito la piena disponibilità del Direttore Generale Dott. Giannico al quale, una volta rientrato in sede, avrebbe relazionato la situazione riscontrata.

<< Crediamo sia prioritario, per alleviare il carico di lavoro attuale – ha esordito Mariangela Campus - la urgente necessità di predisporre interventi risolutori ed immediati con il rafforzamento del personale operante nella divisione di Lungodegenza, dotandola di almeno altri due o tre infermieri professionali e chiamando in servizio – continua la dirigente della FSI territoriale - attraverso la selezione di personale OSS da attingere dalla graduatoria in vigore. Non è più tollerabile che l' assistenza sanitaria sia carente ed inadeguata proprio nelle divisioni dove vengono curate persone anziane con particolari patologie altamente invalidanti.>>

<< E' anche nostra prioritaria preoccupazione, e di questo ne informeremo con forza e determinazione il Direttore Generale attraverso l' azione del Dott. Uccio Sanna – aggiunge Loreto Ciappeddu – e l' ufficio Tecnico e Logistica nella persona del suo responsabile Ing. Caria, al fine di accelerare i tempi per far sì che la struttura sia messa in condizioni di operare in totale sicurezza e di ritrovare gli sfarzi degli anni passati>>

Si è inoltre sottolineata la necessità di dare supporto non solo ai degenti, con il coinvolgimento delle associazioni di volontariato presenti ad Ittiri, in particolare quelle che operano per dare sollievo ai sofferenti con maggiore attenzione verso i degenti allettati, quale può essere l' AVO, che potrebbero alleviare il carico di lavoro oggi davvero pesante e ricadente totalmente sui dipendenti abbondantemente sotto pressione.

Crediamo che questa visita odierna, arricchita da un confronto schietto con il personale dipendente e con i dirigenti del presidio possa portare, unitamente al sostegno dei consiglieri di opposizione, tra i quali spicca Giacomo Zara, che del problema dell' ospedale ne ha quasi fatto una sua battaglia personale e politica e che già alcune settimane fa aveva sollecitato l' intervento del Dott. Giannico, si possa giungere ad una, seppur flebile ma comunque possibile soluzione, per la salvaguardia, la difesa ed il rilancio della struttura dell' ospedale Alivesi, così come era stato chiesto, sognato e disegnato dalla mai dimenticata “Pasionaria” di Ittiri Toiedda Meloni. Una sindacalista, anche lei come Mariangela Campus, con le “palle”. Mentre tutto questo accade chi dovrebbe essere in prima linea per difendere l' ospedale, come sempre, sonnecchia per poi basirsi.

Con tag Prima Pagina

Commenta il post