La Psiconeuroanalisi del Dott. Giuseppe Dore, che cosa è ? A cosa può essere utile ? Funziona davvero ?

Pubblicato il da Antonio Fadda

Crediamo di rendere un servizio utile per tutti quei cittadini che purtroppo hanno all' interno delle loro famiglie un diasbile che soffre di alzheimer o di patologie similari. Una delle possibili soluzioni, che danno speranza ed una concreta via d' uscita da questa patologia altamente invalidnte, si troverebbe nella Psiconeuroanalisi il cui scopritore è un nostro illustre concittadino : il Dott. Giuseppe Dore.

Di seguito persentiamo i contenuti, esprapolati dal sito del dott. Dore e del suo entourage, su questo nuovo modo di curare (passateci il termine). Presenteremo nei prossimi giorni anche una discussione avvenuta in un forum specialistico, curato e moderato dal dott. Roberto Mastrantonio, che è molto scettico su questa sensazionale scoperta. Buona lettura.

===================================================================================

   Dal sito www.psiconeuroanalisi.it

 La Psiconeuroanalisi trova i propri antecedenti storici nella biografia stessa del proprio fondatore. Sarebbe la peculiare forma mentis di quest'ultimo, con il possente e incessante desiderio di legare la Coscienza Umana alle leggi della fisica universale, ad aver scorto uno speciale sentiero conoscitivo, che attraversandolo sempre più in ascensione concettuale, genera un raccordo unico con il fatto di realtà, tanto da far captare alla nostra mente cosciente la segreta forza vitale della natura e del tempo, profondamente imperativa e rigenerante per il cervello umano.

===================================================================================

08/06/2011

la psiconeuroanalisi arriva in Germania
In questo giorno è stato trasmesso un ampio servizio sulla radio ufficiale tedesca che ha dato ampio risalto ai risultati ottenuti con la Psiconeuroanalisi dando finalmente voce a chi ha avuto la fortuna di poter affrontare questo percorso terapeutico.
La speranza è quella che anche in Italia finisca questo stato di apatia e che tutto sia più celere per far fruire la Psiconeuroanalisi.

Un nuovo modo di indagare la mente cosciente

Con la Psiconeuroanalisi abbiamo finalmente raggiunto l'agognato sogno di poter cambiare il cervello umano, sia sano che patologico, come mai è stato possibile fare prima. Il tutto agendo semanticamente e unicamente sul mentale e lo stile di pensiero del paziente, mediante l'inesorabile azione esercitata dalla specifica forma di conoscenza, basata su di una logica-astratta del fatto di realtà, insita nella Psiconeuroanalisi stessa.

===================================================================================

TUTTO INIZIA NEL 2007

Le immagini degli esami strumentali (qui riportate), eseguite nel 2007 (seconda osservazione), paragonate alle prime eseguite nel 2004 (prima osservazione), mettono in evidenza l' incremento del 90-95 % della perfusione cerebrale, dimostrando una radicale ripresa corticale e una netta restitutio ad integrum del paziente.
Quindi stante il netto "decalage" informativo-energetico sussistente tra la psiche e l' organo cerebrale, risulta ora comprensibile lo straordinario potere curativo che la speciale Metessi Conoscenza-Coscienza-Realtà dimostra di possedere ad alto grado.

Perché la denominazione di
PSICONEUROANALISI?

Nel termine risultano presenti i seguenti tre elementi costitutivi; ossia:

1) PSICHE,

2) NEURO,

3) ANALISI.
Quindi, oltre alla generica ed intuibile interpretazione che il pubblico lettore potrebbe attribuire alla parola, non errando, come analisi della mente mediante la considerazione dei propri correlati neurologici, in verità il nome per intero vuole esprimere, soprattutto, la seguente idea:
PSICHE come Coscienza, cioè elemento primo della vita mentale e concreta dimora in cui l’essenza logica-astratta della Realtà può essere, non solo ricreata, ma resa veramente operativa.
NEURO come Corteccia Cerebrale in particolare, capace di indurre, mediante la propria più alta posizione gerarchica (onto-filogenetica) nella vita mentale Cosciente, un ripristino ed una Rivitalizzazione del restante encefalo….. e non solo.
ANALISI come rinvenimento di un Principio immanente presente analiticamente, quindi ovunque, nella complessiva manifestazione della sostanza naturale esistente; tale principio, che si offre come l’essenza citata al punto primo anzidetto, sarà reso sempre più chiaro e comprensibile al lettore man mano la conoscenza insita nella psiconeuroanalisi stessa diverrà sempre più di pubblico dominio.

Cosa rappresenta la PSICONEUROANALISI?
La Psiconeuroanalisi esprime l’importante scoperta di quanto il sapere veramente Consapevole della ubiquitaria essenza logico-astratta della natura, sia fonte di salute ed evoluzione sia psicologica che organico-cerebrale. Essa sintetizza il momento squisitamente antropologico, di uno alquanto più vasto teorema epistemico, denominato PSICOFISICA, inerente all’intera realtà. Tale momento si concretizza, nel rapporto medico-paziente, con il fare esperire alla Coscienza Umana la progressiva e dilatante concezione di una esistenza che, logicamente, è riconducibile ad uno specifico ed ubertoso assioma naturale unificante.
In questo viaggio di raffinata interazione Mente-Mondo, la Coscienza si ridesta ed espande in maniera sorprendente, inducendo anche in un cervello gravemente leso dalla patologia, come ad esempio nella Demenze, una profonda azione medico-curativa degna di nota.
Infatti in una ricerca effettuata negli ultimi tre anni, in cui sono stati trattati circa dieci casi di Demenza pluriannuale (Alzheimer; Fronto-Temporale; la forma Mista ecc) si è conseguito un saliente risultato clinico-strumentale importante. Quindi ci troviamo inevitabilmente al cospetto di una duplice evidenza:
Il rinvenire necessario nell’intimo dell’Universo fisico, di una Potenza attiva che se ravvisata logicamente permette un nuovo e più elevato stato di Coscienza, sia individuale che collettiva.
La Coscienza Umana come unica sede in cui concepire questa verità logico-astratta della Natura, e la Parola come strumento principe di azione e diffusione per tale verità.
Attraverso la Psiconeuroanalisi, perciò, si è raggiunto il tanto agognato sogno di poter cambiare la Mente ed il Cervello umano, sia nella condizione di salute che di patologia, come mai è stato possibile fare prima.
Concludiamo dando un sommario dei traguardi e postulati offerti dalla PSICONEUROANALISI:
Una nuova visione della Mente, e dei rapporti che essa intesse con il cervello ed il corpo.
La Coscienza Umana come sorgente, quindi poiesi neuro-cerebrale.
Induzione di un importante accrescimento esponenziale della Consapevolezza.
Elettiva azione temprante svolta sull’intera Corteccia Cerebrale.
Specifica conoscenza logico-astratta della Natura.
La malattia mentale come causa e concausa di Demenza.
Abbattimento delle più temute patologie Neuropsichiatriche, come la Demenza di Alzheimer, la Demenza Fronto-temporale, la forma Mista, l’Istero-Demenza ecc.
Il linguaggio della Vera Coscienza come Pura Logica.
La Realtà come intrinseca verità Logica.
La perfetta corrispondenza fra la Logica della Vera Coscienza e quella Fisico-Naturale.
L’astrazione logica della Piena Coscienza sulla Realtà, come fattore terapeutico-evolutivo sullo stato psico-cerebrale, sia individuale che collettivo.
La Parola, densa di schietta semantica senziente della Realtà, come energico induttore di encefalizzazione Mentalizzante.
La matrice fisico-atomica della sostanza pensante, quindi pre-cerebrale.
Il cervello come ultima manifestazione fisica del potenziale informativo-logico dell’ intima natura fisico-quantistica della Coscienza.

Dott. Dore G.
===================================================================================

 Domanda posta da una Psicologa

Salve,
sono una psicologa e da un po' di tempo mi occupo del settore delle demenze, in particolare di Alzheimer. Ho trovato il vostro sito per caso e devo ammettere che la lettura mi ha lasciato con un grande punto interrogativo. Parlate molto della certezza di guarigione, ma in relazione al metodo concreto, sia il sito sia le testimonianze dei partecipanti sono piuttosto ambigue (per intenderci, si capisce che le demenze possono essere curate con le parole, ma non come si svolge passo dopo passo la terapia). Scrivo per un periodico di psicologia online e mi piacerebbe potervi intervistare per approfondire in campo neutro questa cura innovativa che, se realmente funzionante, merita davvero di essere conosciuta.
Se siete interessati vi prego di ripondermi al più presto e vi invierò le domande tramite mail. Poiché ho letto che avete rilasciato diverse interviste che poi sono state "censurate" dai giornalisti, vi rassicuro in anticipo sul fatto che, essendo immersa nella realtà della demenza e conoscendone la drammaticità, non avrei nessun interesse a nascondere possibili soluzioni, vorrei solo fare chiarezza su alcuni punti oscuri. Vi prego di non rispondermi di venire lì da voi per osservare con i miei occhi, sarebbe interessante, ma attualmente non ne avrei la possibilità.

Cordiali saluti
===================================================================================
Risponde la Neurologa Dott.ssa Marinella D' Onofrio

Salve, la sua e-mail mi arriva con gioia perchè mi
permette di fare il punto su alcune cose che non so perchè sembrano
poco chiare ai più.

Anche Lei, come tutti, obietta che, a fronte di
una affermazione forte di guarigione da questa patologia fatta da un
gruppo di coraggiosi e onesti parenti, non vi sia chiarezza sul come la
metodica si articoli e perchè funziona, nei dettagli.

Ora:
1) Il blog è una iniziativa autonoma di cittadini che liberamente hanno voluto
dare un'informazione con l'intenzione di dire a tutti che c'è qualcosa
di nuovo sotto il sole e che si apre uno spiraglio di Luce nella
comprensione delle demenze.Non è un gruppo di studiosi ma sono
testimoni.

2) con il collega dott. Dore stiamo lavorando zitti zitti
da quattro anni ormai e non ci siamo mai messi in piazza per affermare
quanto i parenti hanno anticipato perchè conosciamo i passi dovuti per
la validazione di ogni scoperta scientifica. E' però vero che i
familiari vedendo le difficoltà nel trovare la corretta dialettica tra
noi ed i colleghi universitari e non, si sono sentiti in dovere di
fare qualcosa e continuano a dare testimonianza come e dove possono
sempre nel rispetto dovuto. Noi medici stiamo cercando di confrontarci
con il ministero della Salute per abbreviare i tempi di validazione.

3) da quanto detto è logico che non è possibile che dal Blog si possa
capire in cosa consista la metodica, e posso dirLe che essa è
semplice all'apparenza ma complessa nella sostanza e nessun libro,
nemmeno se scritto dall'autore potrà spiegarla nei dettagli.

4) Carl Rogers ha scritto che noi siamo un colloquio, ecco, secondo lei si può
comprendere cosa sia un colloquio se non colloquiando? Si può capire
cosa è una tazza di cioccolata senza prendere in mano una tazza di
cioccolata e, attenta a non scottarti le dita e la lingua, iniziare a
berla, con l'aroma che sale su per il naso mentre il denso sapore ti
riempie la bocca e va giu' per la gola? Scusi se uso queste immagini ma
non riesco a trovare altri modi per far capire perchè la
Psiconeuroanalisi vada percepita di persona e non possa essere
esaustivamente descritta sulla carta.
Lo so che siamo lontani, ma
credo che questa straordinaria metodica, che si applica alle patologie
corticali tutte e non solo alle demenze, come per la Psicoanalisi in
passato, debba essere compresa dalla fonte, perciò dall'autore, senza
sconti o mediatori, a 360°, come tutto ciò che è vivo e perciò Vero.
Se al momento non puo' venire per motivi vari, non abbia fretta nella
divulgazione. Meglio aspettare un poco ma crearsi l'occasione per
conoscere tutti noi, parlare con Giuseppe, riparlare e sedimentare e
ancora riparlare. Credo che questo sia il miglior modo per poi
informare con correttezza i suoi Lettori su una metodica che credo sia
destinata a fare quella differenza nella Cura che tutti gli onesti
operatori d'aiuto attendono da tempo.
Sarà un piacere ospitarLa,
quanto crede, Puo unire vacanza e cultura....
Questo ovviamente non esclude la possibilitò di porre domande via e-mail, se possiamo dare
delle risposte esaurienti, le daremo.

Stiamo aspettando domande di addetti ai lavori sul sito www.Psiconeuroanalisi.it aperto
specificamente per aprire un filo diretto e dare maggiori chiarimenti su dubbi e quesiti nati dalla lettura del libro.
Sperando di essere stata utile, La saluto cordialmente.

M.D'Onofrio

Con tag Prima Pagina

Commenta il post