Le accuse di Giacomo Zara : il Sindaco infrange la Legalità e non rispetta i cittadini ! Il Prefetto saprà cosa fare.

Pubblicato il da Totoi Fadda

 

g zara

 

 

 

 

 


Riceviamo dal Cosigliere Comunale di Opposizione Giacomo Zara la seguente lettera, indirizzata alla Nuova Sardegna, al fine di chiarire alcuni aspetti delle dichiarazioni rilasciate dal Sindaco di Ittiri Dott. Tonino Orani, in merito alle interrogazioni presentate dallo stesso consigliere su fatti di interesse pubblico ed ai quali non ha mai ricevuto educata risposta.

Il rappresentante dei Riformatori Sardi con questa lettera di rettifica accusa, senza mezzi termini o tentennamenti, il comportamento mendace del Sindaco ed ha inteso chiarire la sua posizione al fine di ristabilire quella che è la verità.

Nella lettera, che pubblicchiamo integralmente appena sotto, muove nei confronti del Sindaco Dott. Tonino Orani alcuni rilievi di carattere comportamentale e di rispetto verso le opposizioni a partire dall' applicazione dei regolamenti comunali in materia di interrogazioni. A questo si aggiunge, è questo uno dei rilievi maggiori, il rispetto della verità che è da fondamento nell' impostazione dei rapporti corretti tra maggioranza ed opposizione. Un richiamo forte che mette a nudo la straffottenza di chi detiene il cosiddetto "potere" e che, cosa assai più grave, non rispetta quella parte di cittadinanza che ha riacquistato voce attraverso le azioni del consigliere Zara. 


Ittiri, 31 agosto 2012

Al Corrispondente locale di Ittiri della Nuova Sardegna Sig. Vincenzo Masia

E p.c.

Al Capo Redattore della Nuova Sardegna - SASSARI

 

OGGETTO: Richiesta Diritto di Replica urgente dello scrivente Consigliere Comunale dell’opposizione di Ittiri, Giacomo Zara, per l’art. apparso sul quotidiano La Nuova Sardegna del 29 Agosto 2012 – pag. 25 – avente per titolo “ITTIRI – LE MISSIVE TRA ZARA E IL SINDACO.

 

Gentile Direttore,

il sottoscritto ZARA GIACOMO, in qualità di Consigliere Comunale all’opposizione di Ittiri (dei Riformatori Sardi), chiede cortesemente il Diritto di Replica in tempi immediati, in merito all’articolo pubblicato sul Vs. quotidiano della Nuova Sardegna del giorno 29 Agosto 2012, come da oggetto.

Mi preme rettificare e dare delucidazioni alla cittadinanza di Ittiri che ha letto le dichiarazioni non vere, rilasciate dal Sindaco di Ittiri al corrispondente locale, Sig. Vincenzo Masia, con preghiera che questo comunicato di risposta venga pubblicato integralmente.

PREMETTO ,

che le dichiarazioni rilasciate dal Sindaco di Ittiri, non corrispondono alla verità, poichè ha dichiarato di aver risposto sempre alle mie Interrogazioni.

Su questo punto devo ricordare al primo Cittadino di Ittiri che ha dei vuoti di memoria, poichè non ha assolutamente risposto alle ultime Interrogazioni, con mia specifica richiesta di RISPOSTA SCRITTA, relative ai periodi:

19 Marzo 2012 – Interrogazione inerente la presenza della Falde nella rete fognaria della Località Funtana Noa di Ittiri;

12 Aprile 2012 – Interrogazione inerente la Strada Comunale di Ittiri – Località IRVENTI;

19 Giugno 2012 – riguardante la rete fognaria del prolungamento della Via San Giovanni;

2 Luglio 2012 – riguardante la presenza dell’acqua giallastra della rete idrica di Ittiri, segnalata da varie zone della città di Ittiri.

Inoltre vorrei ricordare ancora che in data 23 Luglio 2012 con protocollo del Comune n. 8915, ho inviato un’altra lettera di sollecito di risposta alle mie Interrogazioni sempre con richiesta di risposta scritta, a cui ancora non mi ha dato riscontro!!!!

La risposta dell’Interrogazione cui si riferisce il Sindaco nel comunicato stampa, riguarda solo quella del 11 Giugno 2012, inerente gli interventi urgenti anticrisi, la quale risposta non scritta, (ma io chiesi risposta scritta) è avvenuta nella seduta del Consiglio Comunale del 1° Agosto 2012, naturalmente sempre fuori termine dei 30 giorni così come previsto dal Regolamento Comunale cui prevede che il Sindaco, dia una risposta scritta, quando richiesto, (come nel mio caso che chiedo sempre la risposta scritta), alle INTERROGAZIONI DEI CONSIGLIERI, ricordando che riguardano solo ed esclusivamente le problematiche della Città di Ittiri.

RITENGO

che l’assenza delle risposte del Sindaco, alle sopracitate Interrogazioni secondo i tempi previsti dall’art 47, comma 4, del T.U.E.L., non è certo sinonimo né di trasparenza, né di legalità, ma è solo una manifestazione di indifferenza nei confronti di colui che cerca di fare chiarezza per poter dare risposte concrete ai cittadini di Ittiri, che segnalano le problematiche che investono la nostra città.

E’ gravemente scorretto che un Sindaco non risponda alle Interrogazioni di un Consigliere Comunale, a qualsiasi gruppo esso appartenga, sia da un punto strettamente personale, sia nell’ottica del rispetto delle funzioni proprie di un consigliere, oltre alla mancanza di rispetto verso chi rappresentiamo, oltre alla negligenza che ha portato il rappresentante dell’Amministrazione Comunale ad infrangere un Decreto Legislativo, poiché determina un sostanziale atto ostativo alle normali attività che un consigliere svolge per la propria collettività, impedendo di fatto, di conoscere le intenzioni dell’Amministrazione, le decisioni assunte a fronte di alcuni problemi o la sensibilizzazione dell’opinione pubblica riguardo ai problemi irrisolti della città di Ittiri.

Sorrido dinanzi alle sue dichiarazioni per cui cita di avermi inviato una missiva “fantasiosa” del 24 agosto, poiché non mi è pervenuta alcuna nota, e ancora perplesso rimango di fronte alle sue dichiarazioni che risulta essere oggetto di una persecuzione da parte mia per tutte le Interrogazioni cui lo sottopongo!!!!

Certamente se per Lui ricevere Interrogazioni dal Consigliere, significa “persecuzione”, con questi toni non offende solo me che svolgo il mio ruolo a titolo gratuito e di volontariato, ma soprattutto i cittadini Ittiresi che rappresento per difendere o loro diritti!!

Concludo ribadendo che questi scivoloni tecnici sarebbero appena scusabili solo se commessi da principianti, ma non da chi amministra la città di Ittiri da vari anni come il Dr. Orani e che a questo punto dovrò rivolgermi al PREFETTO per chiedere il suo intervento per far richiamare alla legalità il comportamento del Sindaco di Ittiri, che compromette l’azione del sottoscritto e soprattutto ha leso il diritti dei cittadini Ittiresi che rappresento.

 

Ringrazio e colgo l’occasione per porgere distinti saluti

Con tag Prima Pagina

Commenta il post

omertoso 09/11/2012 16:40


amianto,amianto,amianto:respiratelo vi farà bene cosi non rischiate voti x le prossime comunali.Tutti zitti.

Totoi Fadda 09/13/2012 18:26



Caro amico mio quì da noi il sentire comune dice che l' amianto irrobustisce le membra, aiuta nella digestione, abbronza e ci fa diventare più belli di pria !


Ogni discussione su questo fronte viene prontamente bloccata. Tutti girano la faccia dall' altra parte e nessuno presta attenzione alle patologie gravi causate dalla presenza di questo veleno in
dosi massicce. Non c'è uno coraggioso neanche a cercarlo con la candela. Chi deve e può, non fà nè vuole. Chi vuole, non avendo i mezzi, non può. Beviamoci sopra, è meglio.



Io 09/04/2012 11:45


ciò che dice ex PD,e GIUSEPPE e giusto ciò che non e giusto è, perchè non si schiera con Zara in Cosiglio Comunale.

Mario 09/02/2012 21:50


Credo che se lo volesse la presidente della provincia la Sig.ra Giudici insieme a tutti i consiglieri e assessori e con l' appoggio consistente del Prefetto, possano intervenire ed insegnare al
nostro sindaco le buone prassi. Come si parla in consiglio, come si gestisce una assemblea, come si deve moderare, garantire sempre, senza se e senza ma, l' applicazione del regolamento e dello
statuto comunale, rispettare tutti i consiglieri perchè sono espressione della cittadinanza anche se non hanno votato per lui. Insomma forse è meglio insegnarli le buone maniere del come ci si
comporta in consiglio e, a quanto dicono alcuni dissidenti, anche in giunta dove la fa da padrone altrimenti....licenzia qualche assessore. Ci sono gli estremi per intervenire ? Io credo di si.
Speriamo che la presidente Giudici ci legga e dica la sua. Grazie.


 

Giuseppa L. 09/02/2012 21:38


Ma ci sarà qualche controllore in provincia che si occupa di verificare se questo comportamento è giusto ? Oppure è sempre nelle mani delle solite persone, complici e silenziosi, che fanno finta
di interessarsi alle cose d' Ittiri e poi invece se ne fregano ? Spero che intervengano i nostri consiglieri ittiresi, di cui uno è anche assessore, affinchè questa vergogna possa finire ! Adesso
basta ! Qui ogni giorno dell' anno fanno una festa, una manifestazione, un incontro (cosiddetto) culturale, una premiazione, un concorso letterario (ma sarà poi un vero concorso, perchè vedo che
si piazzano sempre quelli d' apparato...). Però non si occupano dell' amianto, delle malattie che esso genera, dell' ospedale, delle strade in dissesto (ad eccezione del corso il salotto
buono...) della grave disoccupazione, dei bisogni delle famiglie. Poi si lamentano che in giro c'è troppa delinquenza, furti e chissà cos' altro ancora. Che intervenga la provincia, il prefetto,
gli assessori. Insomma tutti quelli che possono far cambiare andamento a questo consiglio comunale. Bastaaaa !!

Giovannino G. 09/02/2012 21:18


Ho inviato il link di questo blog sia allo staff della Presidente della Provincia di Sassari, Dott.ssa Giudici sia al Prefetto dimodochè possano leggere e rendersi conto dei comportamenti del
nostro primo concittadino nei confronti dei consiglieri comunali. Sarebbe opportuno anche fare in modo che le riunioni di consiglio vengano registrate per far sentire a tutto il popolo in che
modo si comportano gli assessori della maggioranza. Come si esprimono, quali minacce fanno ai danni dei loro colleghi, quali ricatti cercano di fare per affermare le loro idee e le
malefatte.  Inoltre il segretario comunale dovrebbe o no scrivere quanto accade in consiglio, come si esprimono e cosa dicono tutti. Perchè nelle delibere, quando è possibile leggerle,
mancano tutti i ragionamenti fatti e le cose che si sono dette in sede di consiglio ? Sig. Prefetto intevenga perchè ci sono le condizioni per sciogliere questa amministrazione !


 

Stefano S. 09/02/2012 13:06


Se lo statuto del comune regola tutta l' attività del consiglio e della giunta, scrive anche quali sono i modi per presentare le interrogazioni e come chiedere la risposta, perchè il sindaco non
rispetta lo statuto del suo comune ? come mai i suoi assessori non gli dicono che sta sbagliando ? a che cosa viene pagato il direttore generale del comune se non ricorda al suo datore di lavoro
che le procedure nella presentazione e e nelle risposte alle interrogazioni sono da rispettare ? Si sente forse aldisopra delle leggi e dei regolamenti e degli statuti comunali ? Giacomo vai
avanti la tua è una battaglia anche di civiltà e di legalità quella stessa legalità con la quale si riempie la bocca qualcuno che puntualmente la viola e non la rispetta. Il Prefetto bisognerebbe
informarlo. e presto anche.


 

Giuseppe 09/01/2012 22:05


 


Lo statuto recita anche che : " Ogni Consigliere ha diritto di interrogazione,
di interpellanza e di mozione, da esercitare per iscritto, in relazione alle quali il Sindaco o gli Assessori delegati sono tenuti a rispondere nella forma richiesta dallo stesso Consigliere
entro il termine di trenta giorni."


Che, mi pare, sia quello di cui Zara accennava nel comunicato stampa e di cui il
primo cittadino si sente infastidito. Non è una vergogna ? Il Prefetto perchè non interviene e lo fa dimettere perchè non rispetta i cittadini, la costitutzione e lo statuto comunale che anche
lui ha contribuito a scrivere ?


 


 

Ex PD 09/01/2012 21:43


 


Lo Statuto comunale, che è la legge che regola tutto il buon andamento del
nostro comune recita, a proposito del ruolo del consiglio comunale :


” Il Consiglio comunale è organo di indirizzo e di controllo politico e
amministrativo.” Questo vuol dire che ogni consigliere rappresenta un organo di indirizzo e di controllo. Quello che stà facendo Zara appunto. Perchè il Sindaco lo ostacola in questo modo
rendendosi antipatico ?


 

Armando 09/01/2012 21:23


Che cosa darà tanto fastidio al sindaco se un consigliere di opposizione fa il suo lavoro ? Perchè è così infastidito e scocciato ? Chi crede di essere ? Secondo me è male abituato in giunta dove
evidentemente tutti per paura di perdere il gettone non lo contradiscono per nulla. Lui crede che tutto gli sia permesso.Bene ha fatto Zara a dargli una lezione di educazione politica e di
rispetto dei cittadini.


 

Anna 09/01/2012 15:43


Quello che ha denunciato Zara è davvero grave. Io abito nella zona dove l' acqua è completamente gialla. A nulla sono valse le proteste e le telefonate sia al comune sia a degli assessori che a
parole si sono detti pronti a risolvere e nei fatti non hanno mosso un dito. E' stato il consigliere Zara che ha fatto sapere a tutta la popolazione, con articoli ed interrogazioni, come stavano
le cos. Ringrazio pubblicamente Giacomo Zara per la sua costanza nel difenderci tutti.