L' Ittiricidio e le Oranate. Ecco perchè non è da votare !

Pubblicato il da Antonio Fadda

Caricatura s3 di t orani

Ittiri, 10 maggio 2010.

Cercheremo di dare una informazione il più possibile precisa e compiuta per dimostrare, se mai ce ne fosse bisogno,  perchè è preferibile mandare a casa, all' opposizione per cinque lunghi anni, gli amministratori uscenti. Riproponiamo alcuni post pervenuti su un argomenti di interesse generale quale quello relativo al "fattaccio" delle scuole elemnetari.

A tutti voi, liberi cittadini, la facoltà del giudizio.

==============================================================================================

Da Edi.

"Dr. Orani che coraggio che ha si ripropone agli elettori Ittiresi per altri 5 anni dopo aver non amministrato già per cinque anni.
L’unica cosa di coerente nel suo programma di mandato è il titolo “Progmmma di mandato 2005 – 2010”, scritto male e mantenuto tale nella forma e nella sostanza.
Tra le sue promesse vane al punto 1B salta all’occhio del cieco la prima riga “messa a norma e manutenzione degli uffici scolastici”.
Segno evidente della sua negligenza ed incapacità a governare è il risultato di quanto accaduto il 23 maggio scorso alle scuole elementari di Via Marini.
E nonostante si sia sfiorata la tragedia, nonostante la relazione del tecnico incaricato dal Comune che dichiarava inagibile la struttura in quasi tutte le aule, lei ha ben pensato che almeno tre classi potevano restare nel plesso, fregandosene altamente dello stato d’ansia di quei genitori che avrebbero dovuto mandare i propri figli non a scuola ma al patibolo per la sua incuria.
Già ma a lei cosa le interessa i suoi due figli le elementari li hanno finiti da anni, ormai sono da università quindi a lei che gliene importa di quelli degli altri?
Certo che dopo l’inaugurazione di un teatro vecchio di vent’anni, che ha ben pensato di ristrutturare al solo fine di presentarcela come nuova struttura su cui tagliare il nastro perché fatiscente per ospitare opere e quant’altro, non ha trovato utile ristrutturare un edificio vecchio di cent’anni frequentato giornalmente da bambini ed insegnanti forse perché le sarebbe vento male in questo caso tagliare il nastro, e poi dopotutto sua maglie è un’insegnante ma tanto insegna in via Turatti quindi a lei il tetto in testa non gli sarebbe cascato.
A pensarci bene anche chi opera all’interno della mensa ha la vita sana perché è in via Turati quindi tornando al punto tutti i suoi parenti sono salvi e lei può dormire sogni tranquilli, fino a che persone come me non le ricorderanno, richiamandolo ai suoi doveri, che il sindaco deve essere a servizio di tutti e deve tutelare tutti non solo i suoi cari congiunti.
Per capire che stava sbagliando per l’ennesima volta c’è voluto il coraggio di tutte le madri che si sono rifiutate di mandare alla forca i propri figli, se solo lei avesse avuto la cura per le strutture pubbliche al pari delle attenzioni rivolte ai palchi delle numerose sagre manifestazioni ed inaugurazioni da lei organizzate con tanto di taglio del nastro la quasi tragedia non si sarebbe neanche sfiorata.
Si rende conto che quello che hanno fatto sapientemente e coscientemente quei genitori lo avrebbe dovuto fare lei senza porsi il minimo dubbio nell’immediatezza dei fatti, anzi avrebbe potuto fare di più, avrebbe potuto mantenere fede al programma di mandato ed avrebbe potuto ristrutturare quegli edifici prima che si presentassero i crolli, ma come sempre ha saputo mostrare solo la sua superba incapacità, ed oggi ha anche il coraggio di riproporsi per altri cinque anni, ma ci faccia il piacere, si faccia un bel esame di coscienza e si ritiri in sordina, e si vergogni pensando a tutto quello che avrebbe potuto fare e non ha fatto."

==============================================================================================

Da Edi.

"Sig. ahahah, lascio volentieri il gusto della prova della sua virilità a sua moglie, e la informo che non sono un’androloga per poterle diagnosticare eventuali suoi problemi, le mie erano supposizioni esattamente come le sue che ha fatto nei miei confronti senza neanche conoscermi.
Però, mi dispiace per lei, ma se anche non sono laureata in medicina lo sono in legge e posso vantare di conoscere e saper interpretare le norme in maniera più consona e completa di come riesce a fare lei che se dovesse piovere si limiterebbe ad affermare governo ladro mentre della negligenza amministrativa locale riuscirebbe ad incolpare il povero Silvio Berlusconi, perché non riesce ad ammettere che la colpa è del sindaco che amministra il Comune.
Quindi, con norme alla mano la inviterei a consultare la legge 11 gennaio 1996 n. 23 intitolata “norme per l’edilizia scolastica”.
Si renderà conto da se che l’art. 1 comma 2 lettera b) incalza perfettamente lo status dell’edificio a cui è crollata la volta, infatti, dice che la programmazione degli interventi deve garantire la riqualificazione del patrimonio esistente, in particolare di quello avente valore storico monumentale.
Il punto c) specifica che gli interventi devono garantire l’adeguamento alle norme vigenti in materia di agibilità sicurezza ed igiene infine, il punto g) che non è quello che la sua perversione potrebbe farle immaginare, ma è l’ultimo punto dell’art. 1 dice che la programmazione deve garantire la piena utilizzazione (e non solo tre aule) delle strutture scolastiche da parte della collettività.
L’art. 2 citata norma sottolinea poi al punto b) cosa possono essere finanziati , vale a dire le ristrutturazioni e le manutenzioni straordinarie dirette ad adeguare gli edifici alle norme vigenti in materia di agibilità, sicurezza, igiene ed eliminazione delle barriere architettoniche, attento bene perché al comma 3 specifica che sono ricompresi fra gli oneri per la realizzazione degli interventi di cui al comma 1 l’acquisizione delle aree, la progettazione, la direzione dei lavori ed il collaudo nonché le eventuali indagini.
Continuiamo con l’art. 3 per capire quali sono le competenze degli enti locali e per capire meglio quindi quale importanza ha dato il sig. Sindaco uscente dr. Tonino Orani alla scuola Comunale di via Marini.
Essendo detta legge risalente al 1996 richiama ancora la legge 142/1992 art. 14 c. 1 lett. i) (oggi inglobata nel T.U. degli enti locali) e dice che provvedono, per competenza, alla realizzazione, alla fornitura ed alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici: indovina chi? I Comuni, per quelli da destinare alla sede di scuole materne, elementari e medie. Le università da lei tanto decantate, che subiranno i tagli nelle forme previste per quelle facoltà che non rispettano le loro funzioni, attingono si ai finanziamenti dello Stato ma le loro risorse, essendo autogestite, sono principalmente date dalle tasse che pagano gli iscritti.
Ma ora domandiamoci come il sig. Sindaco avrebbe dovuto provvedere alle ristrutturazioni degli edifici scolastici? La risposta viene da se attraverso la programmazione di cui all’art. 4 comma 2, infatti, la programmazione dell’edilizia scolastica si realizza mediante piani generali triennali e piani annuali di attuazione predisposti ed approvati dalla regione, sentiti gli uffici scolastici regionali sulla base delle proposte formulati sa da chi??? DAGLI ENTI TERRITORIALI COMPETENTI.
Non le devo spiegare chi è l’ente territoriale competente in questione vero? Lo ha capito che la gestione fallimentare viene dall’amministrazione? Per chiarire meglio la posizione del suo adorato sindaco pro tempore dr. Tonino Orani le faccio presente che la norma statale demanda alle Regioni, per via dei novellati art. 117 e 118 della Costituzione che danno l’indirizzo di federalismo fiscale regionale, nel rispetto delle normative nazionali la facoltà di emanare le norme legislative per la realizzazione di opere di edilizia scolastica e a sua volta sulla base del principio di leale collaborazione la Regione affida la programmazione delle opere da realizzare all’ente locale territoriale perché è quello a più stretto contatto con la collettività e che quindi si presuppone sia il più indicato a raccogliere dagli utenti il loro fabbisogno e le loro esigenze.
Il problema reale è che il comune di Ittiri, nella scelta programmatica presentata dall’amministrazione e capeggiata dal dr. Tonino Orani , che dovevano presentare entro il 20 novembre 2007, anno in cui ancora potevano amministrare senza badare a spese perché rientrante nel primo triennio post commissariamento, ha dato priorità solo alle scuole di via Porcheddu e di via Turatti fregandosene altamente delle scuole di Via Marini.
Come può vedere la colpa non è da ricercare in Silvio Berlusconi ma in Tonino Orani il quale a suo modo di pensare ha preferito salvaguardare e consolidare la scuola dove insegna sua moglie e che ospita la mensa gestita dalla cugina di sua moglie così la sacra famiglia è salva e degli altri chi se ne frega … bella mentalità complimenti per il pensiero democratico e soprattutto rispettoso dell’uguaglianza dei cittadini.
Ora pero, lei che reputa le mio opinioni solo belle castronerie e che quindi pensa di avere risposte encomiabili per tutto, egregio sig. ahahah risponda a questa domanda:  quando il dr. Tonino Orani assieme alla sua giunta ed appoggiato dalla sua maggioranza ha deciso l’installazione di un impianto fotovoltaico ( e mi piacerebbe sapere se per caso è la stessa ditta che ha “finanziato” la festa del fotovoltaico) su un edificio storico di oltre cento anni oltre alle opportune perizie che sarebbero servite per sincerarsi se i travi marcescenti potevano sopportare il peso dell’impianto è stato messo a conoscenza ed è stato richiesto il nulla osta per detta installazione, dato che stava avvenendo su un edificio a valenza storica, alla sovrintendenza ai beni culturali?"

==============================================================================================

Da Tretristitigri.

"Eh si, il normale cittadino si chiederebbe, come mai prima di installare un mega impianto fotovoltaico sul tetto delle scuole di via Marini non hanno dato precedenza hai lavori di ristrutturazione delle aule (cosa molto più importante in quanto potenziale strage di innocenti).

E quindi domando:
Forse gli ultimi casi di cronaca non ci sono serviti a niente?
E' possibile che in seguito a queste installazioni si siano verificati problemi nella struttura dell'edificio scolastico di via Marini?
Altre domande?
Perchè durante la manifestazione di Prendas nelle strade del paese spariscono erbacee, auto carcasse perennemente parcheggiate, escrementi di cani randaggi, vengono sostituite le illuminazioni pubbliche, tagliati alberi ventennali che improvvisamente diventano pericolosi per i cittadini per l'instalazione (la location) delle casette?
Perchè le strade principali del paese con l'arrivo della primavera di notte diventano delle piste da corsa per moto di grossa cilindrata?
Perchè dopo aver avuto un inverno terribilmente piovoso d'estate, lasera dalle 19:00 interrompono l'erogazione dell'acqua potabile per cui i cittadini pagano un servizio che deve essere distribuito 24 ore su 24?
Perchè l'illuminazione pubblica sembra quella di un presepe di betlemme, per far si che si consumi meno e la gente diventi sempre pù miope?
Perchè ad ittiri non sono presenti in tutte le strade i cestini per la spazzattura come in tutte le città del mondo?
E perchè? ....e perchè???"

Commenta il post

Proto 05/22/2010 12:29


Carissimo, vedo che difetti di informazioni; intanto i nuovi Commissari ci sono da meno di un anno, quindi è difficile che la sanità l'abbiano mandata in dissesto loro; casomai molto possono avere
inciso quelli precedenti di csx, che c'erano ben 5 anni (e non avevano compensi inferiori). Appena insediati e visti i bilanci, hanno denunciato di aver trovato un deficit di poco meno di 300 mln
di euro, che comporta il serio rischio di gravi sanzioni da parte dello Stato; questo è il motivo per cui attualmente l'Assesore Liori ha necessità di bloccare gli aumenti di spesa, in attesa di
reperire le risorse per tappare il buco. Per quanto riguarda i soldi, invece (senza i quali no si cantada missa", vogliamo capire se ci sono e quanti sono per Ittiri; ci sembra legittimo, o no? Non
vorremmo che una reazione così stizzita derivi dalla paura che salti fuori che i soldi invece c'erano, ma nessuno li chiedeva... Per quanto riguarda le presunte promesse di posti di lavoro, noi
pensiamo che a Ittiri non ci siano persone con l'anello al naso, nè tra i nostri candidati e neanche tra gli elettori; il Comune non è un ufficio di collocamento, e questo concetto a noi è talmente
caro che lo abbiamo inserito nel Programma (era bene precisarlo...); parlare di possibilità di sviluppo del paese e di conseguente aumento di opportunità di lavoro non può essere scambiato con
promesse di posti di lavoro che purtroppo non esistono;


Giulia 05/22/2010 11:25


Ma quante sciocchezze dicono a sinistra ?
Non si rendono conto che questi li hanno sempre presi in giro e che, se riusciranno a rivincere, continueranno per altri cinque anni ?
Su Liori è bene dire che stà ancora aspettando le proposte da parte della amministrazione comunale. E' questo quello che è emerso da quell' incontro. Ma le proposte questo sindaco non le farà
altrimenti Silvio lo pesta.
Votateli, votateli...


ahahah 05/22/2010 08:20


Il sig. Proto, afferma che alcuni assessori regionali saranno ad Ittiri con dati concreti e fatti concreti,
seee.. come quelli dell'ass. Liori che alcuni giorni fà ad Ittiri ha promesso di dare uno slancio al nostro nosocomio ,
e solo pochi giorni dopo lo stesso assessore afferma che i conti della sanita sarda sono in rosso e percio verrà bloccato tutto,assunzioni, ristrutturazioni etc. etc.
ovviamnte tranne "i mega stipendi dei commissari da loro nominati".
Ittiri non ha bisogno ne di false promesse ne di dati ne di fatti concreti, ci vogliono i soldi, "senza inari no si canta missa".
Questa amministrazione Regionale è solo capace di fare il gioco delle tre carte spostando fondi destinati a... per destinarli a...
( Vedi in questi giorni i soldi destianti al Sulcis e spostati per un evento sportivo di vela alla maddalena che a sua volta ha subito lo scippo del G8 ).
Come possiamo credere a questa Amministrazione Regionale che ogni mese cambia un assessore ( in un anno ne hanno cabiato 6, e non è finita ).
come possiamo credere ancora a queste persone che in campagna elettorale hanno promesso e promesso e promesso, cosa hanno fatto ?
Quel che credo è che la gente è stanca di subire promesse che poi non verranno mantenute, ripeto Ittiri ha bisogno, come tutti del resto, di soldi
sonanti e non di dati certi, e il lor signori Assessori Regionali che verranno ad Ittiri ci devono spiegare in primis dove prendono i soldi,
e poi possono parlare di fatti concreti, mi dispiace contraddirti caro Proto questa è solo pura e semplice PROPAGANDA ELETTORALE,
e questo gli ittiresi lo capiranno.


Proto 05/22/2010 00:02


Confermiamo una indiscrezione apparsa su un blog ittirese; a Ittiri la settimana prossima diversi (non alcuni) Assessori regionali ospiti della lista di Ittiri può cambiare di Giommaria Pisanu
discuteranno di rilancio e prospettive future della Città di Ittiri; per chi non se ne fosse accorto, da circa un anno e due mesi la Regione è amministrata da una coalizione di centrodestra e
sardista, caratteri a cui è vicina la lista di Ittiri può cambiare. Propaganda elettorale? Certamente, ma su dati concreti, con impegni concreti, con la presenza fisica e l'impegno alla presenza
anche successiva! Sempre per chi fosse distratto, prima di questa maggioranza in Regione c'era il centrosinistra per quasi cinque anni (non cinque esatti per dimissioni anticipate del Presidente,
poi perdente alle elezioni), e non c'è mai stata in quel periodo tanta vicinanza e attenzione per Ittiri. Noi sentiamo la vicinanza della Regione e siamo pronti a pretendere le giuste attenzioni
per questo territorio; c'è qualcuno che ritiene che non dovremmo?


gianfelice 05/19/2010 19:55


La zootecnica o zootecnia è la disciplina che si occupa della produzione, dell'allevamento e dello sfruttamento degli animali domestici.

Per time etc spiegaci la parte del programma elelettorale legato alla zootecnia.

La definizione la trovi su wikipedia cosa significa nel programma amministrattivo dei tuoi amici spiegacelo tu sapientone.


gianfelice 05/19/2010 19:19


Time etc etc alias AT88 alias ataver alias slurp una lingua per campare.


Battista Diez 05/19/2010 18:01


Ho letto un commento "cattivello" di un Signore che ha paura di dire il suo nome e che si firma Timetravel; vedi Timetravel, io mi firmo e mi espongo personalmente, non ho paura delle mie idee; tu
perchè non ti esponi e provochi un pubblico dibattito su quello che non condividi? Io ho l'impressione che a te piaccia stare appostato dietro paraventi e muretti a secco, ma così ululi alla luna;
però mi hai dato la possibilità di chiarire una cosa; vuoi sapere cosa ne pensa il gruppo di Ittiri può cambiare della nostra proposta di dichiarare Ittiri zona denuclearizzata? L'ha inserita con
entusiasmo nel Programma del Gruppo; tu l'hai letta nel Programma del Gruppo, o sbaglio? Ho l'impressione che tu non capisca molto bene quello che leggi; in questo caso, prima di lanciarti in
commenti, rileggi tante volte, fino a capire. Però sarebbe ora di finirla con critiche anonime! Esponiti con nome e cognome e instaura un dibattito alla luce del sole; se è il dibattito che ti
interessa, bene, interessa anche a noi; se è altro che cerchi di dimostrare, invece, beh... Guarda che diventi anche un pò noioso...


luisa 05/19/2010 10:45


mi complimento con giommaria perche',come mi aspettavo da

lui,ha cercato di interrompere questa diatriba offensiva

non ci porta da nessuna parte se,responsabilmente abbiamo

unicamente a cuore il bene della nostra citta' e dei suoi

cittadini TUTTI....vorrei suggerire a giommaria di cercare

di far convinti coloro di cui si e' circondato ...di

smetterla con promesse e promessine che arrivano da

"certi amici in regione"....perche' anche questo

atteggiamento non rende,al candidato a sindaco, un buon

servizio...e vinca il migliore!!!!....ma a proposito

della candidatura in provincia giommari???....continuiamo

a non capire


Antonio Fadda 05/22/2010 19:47



Giommaria è ben circondato. Ha al suo fianco persone perbene. Chi scrive in modo stonato non appartiene per nulla a quella corrente di pensiero, posso assicurartelo.


 



umana 05/19/2010 10:38


Salve a tutti,una sola ed unica domanda , vi ricordate della Cooperativa Humanitas solo ora che sono arrivate alla terza sconfitta della gara dell'ASSISTENZA DOMICILIARE? Gli altri due anni eravate
forse fuori Ittiri o per meglio dire NON VE NE FREGAVA NIENTE PERCHE? NON ERAVATE IN CAMPAGNA ELETTORALE?????????????????Un'altra piccola precisazione , se come avete detto Il sindacone ce l'ha con
loro non avrebbero vinto gara della casa di riposo Sa Villa e tantomeno il Servizio Educativo, ma poi scusate ma chi va piu' in galera per una gara d'appalto???????La cooperativa Humanitas forse
farebbe meglio a stare zitta perche' comunque sono tutelate da questa attuale amministrazione in quanto anche in fase di gara e' stato ben precisato il riassorbimento del personale gia'
impiegato.Forse il problema non e' la gara d'appalto ma bensi' il fatto che QUALCUNA (senza fare nomi) e' dovuta andare a lavorare mentre prima PIOVEVANO gli stipendi senza neanche andare a
lavorare.
Care signore dell'Humanitas andate a lavorare e non seccate la pazienza e ringraziate il VOSTRO SINDACONE DOTT ORANI che non vi ha ancora voluto "ROVINARE".


Giommaria Pisanu 05/18/2010 20:03


Mi vedo costretto ad intervenire per deprecare nel modo più assoluto dei precedenti interventi estremamente offensivi per le persone; non condivido questo modo di argomentare, ed ho disposto alle
persone del mio gruppo, fin dall'inizio della campagna elettorale, di discutere solo sulle migliori idee per aiutare Ittiri, mai sulle persone; chiedo scusa a M.A. Scanu qualora ad andare ben oltre
le righe sia stato qualche mio sostenitore, che comunque non mi ha fatto un buon servizio. Invito coloro che pensano di potermi aiutare in questo modo a smettere immediatamente per il bene del
gruppo, e l'Amministratore di questo gruppo a rimuovere ogni commento che vada oltre la normale e civile dialettica tra concittadini che hanno solo modi diversi di interpretare il bene comune. Sono
convinto che vincerà le elezioni chi propone le idee migliori per il paese, non chi urlerà o offenderà di più.
Giommaria Pisanu


Antonio Fadda 05/22/2010 19:43



Ringrazio Giommaria Pisanu per la sua precisazione, che condivido.


Naturalmente mi scuso con  Maria Antonietta Scanu e con la sua famiglia.


Capisco il suo stato d' animo essendo stato anche io oggetto di offese davvero gratuite e personali. Però chi si addentra nella selva oscura della politica deve mettere in conto anche la reazione
scomposta, disordinata e delinquenziale di alcuni "Casalesi" o di tiratori scelti "da dietro il muretto" pronti, in qualsisasi momento, ad impallinarti con falsità ed apprezzamenti poco simpatici
nascondendosi dietro un alias.


Non sono giustificabili, nè perdonabili. Sono solo da combattere.


E questo faremo d'ora in avanti cercando di guardare "a vista" chi interviene cancellando di sana pianta i commenti offensivi. Contro chiunque.


La nostra responsabilità è ovviamente limitata. Staremo più attenti.



elletando 05/18/2010 14:25


annarita ti ricordo che il corso fa parte della 131bis e quindi è di competenza dell'ANAS
caterina se solo avessi una minima conoscenza di maria antonietta ti accorgeresti del fatto che stai dando un giudizio non sbagliati e cattivo ma molto molto di più.


Mario M. 05/18/2010 12:56


A proposito di candidati alle provinciali, propongo di votare Giommaria Deriu a sinistra.L' unico che ha sempre difeso Ittiri e i suoi abitanti. Un uomo di esperienza e saggio.Uno che conosce la
politica per davvero.


Annarita 05/18/2010 12:38


Giommaria Pisanu vincerà le elezioni ad Ittiri. Lo ha annunciato un sondaggio fatto nei negozi ad Ittiri, commissionato dalla società telefonica “Telodic”. Gli intervistati sono stati 750, un
campione mica tanto basso in relazione agli abitanti. Il risultato ha visto Giommaria Pisanu affermarsi con il 36.5% dei voti, al secondo posto Marras (zampa), con il 34%, e terzo Tonino Orani
(29.5).
Il sondaggio ha anche chiesto: “Cosa vorreste facesse come prima cosa il nuovo sindaco?”, le risposte sono state:
1) asfaltare il corso che attualmente sembra una mulattiera,
2) migliorare i servizi comunali, in particolare la pulizia delle periferie,
3) non assumere più vigili, anzi tagliare almeno tre posti.
Annarita


prrrrrrrrr 05/18/2010 11:56


bravi bella campagna elettorale!e poi sarebbero i comunisti che promettono i posti!vergognatevi almeno di dirle certe cose!già 6-7 persone sono state contattate da GZ che promette posti qua e là
vantando amicizie!siete uno schifo ipocriti e portabandiera del clientelismo!prima di accusare gli altri sciacquatevi la bocca!puah!


Antonio Fadda 05/18/2010 12:33



Non credo a questo fatto però, se la notizia fosse vera, e se GZ promette e vanta amicizie sbaglia di grosso e vanifica tutto il lavoro di quella compagine. Credo che Giommaria saprà fermarlo per
tempo. Naturalmente saranno gli elettori che, in definitiva, decideranno se premiarlo o meno. La proposta politica, contenuta nel programma elettorale elaborato, è ottima ed è, al pari dalla
proposta politica della lista Orani, aderentisasima alle esigenze della popolazione. Quelli che tu chiami comunisti i posti e le prebende non li hanno solo promessi, li hanno davvero dati. A chi
hanno voluto loro, per non sbagliare.



3TRISTITIGRI 05/18/2010 11:43


QUESTO BOLG SEMBRA IL FIUME O LE VASCHE DOVE PRIMA LE DONNE ANDAVANO A LAVARE I PANNI SPORCHI, PERò NON A ITTIRI MA IN SICILIA DOVE LA PAROLA MOBILI SI SCRIVE M..... ABBIGLIAMENTO SI SCRIVE
ABB...... VIGILE V.... TR... ETC. ETC. PER NON PARLARE DEL LINGUAGGIO POLITICHESE POST DEMOSCRISTANO DI PAESE CAZZO MA ESISTE ANCORA? QUESTE SEMBRANO LE AVVENTURE DI PINOCCHIO, C'E' MANGIAFUOCO,
GEPPETTO, MOLTI GATTI E MOLTE VOLPI (ALCUNE TALMENTE VECCHIE CHE SONO LI DA QUANDO IO NON ERO ANCORA NATO, SPELACCHIATE MA LI PRESENTI, ANCORA NON LE MANI DENTRO LA MERDA)TANTE FATINE, E UNA
NOTEVOLE QUANTITA' DI BURATTINI DISOCCUPATI, UNA VERA BABELE, INCULATI ALL'ULTIMA ORA, QUAGLIE SALTERINE, FOTOGRAFE LECCACULO, C'E' PERFINO UNA GROSSA PINNA DI SQUALO CHE GIRA SILENZIOSA PER LE VIE
DEL PAESE CON UN RIASSUNTO FOTOGRAFICO DEL MANDATO DEL SIG. SINDACO, OVVIAMETE ANCHE QUI PINOCCHI POVERI E PINOCCHI RICCHI, LA LISTA N°1 NON HA NEANCHE I SOLDI PER METTERE UNA LUCE FUORI DELLA SUA
SEDE E SUCCHIA L'ENERGIA ELETTRICA DI UNA ATTIVITA' COMMERICALE A FIANCO, AHI AHI AHI SE TORNASSERO I "BOMBAROLI"


Antonio Fadda 05/18/2010 12:25



Attento a quello che scrivi perchè te ne assumerai tutte le responsabilità civili e penali, oltre che politiche.



Severo 05/18/2010 10:26


Ma perchè continui a non capire ?
Sono dovuto ricorrere alla fantasia per sottolineare un fatto banalissimo su una candidatura di "servizio" - io credo - che non nasconde niente di inanerrabile.
Se vuoi sapere di più chiedilo a Giommaria. Io da semplice elettore-sostenitore dico quello che penso e quello che mi appare.
Altro non vedo.


luisa 05/18/2010 09:02


per "severo"... giommaria si e' sacrificato???

saro' limitata ma continuo a non capire....e come me

molti altri ittiresi...prego spiegatevi in parole povere

....come mangiate.....tanto per intenderci..............

il politichese lasciamolo ai salotti televisivi.....


Salvatore Ogno 05/18/2010 08:33


Vorrei potermi confrontare, anche in via epistolare, con Maria Antonietta Scanu che nel blog opposto parla di "Sistema Strutturato di Pensiero" a proposito della definizione di ideologia.
Siccome non è chiaro il suo pensiero, certamente profondo, se può e se vuole, potrebbe renderci edotti su questa sua definizione che, senza ombra di dubbio, il popolo del PD ha chiaramente capito
?
Lo so di essere nel posto sbagliato e fare domande a persone che su questo blog non scrivono. Ma dall' altra parte è troppo difficle registrarsi ed intervenire. Qui è semplificato al massimo.
Grazie.


Severo 05/18/2010 08:07


Le domande di "Luisa" sono davvero bizzarre. Quale complotto ci sarà dietro la doppia candidatura di Giommaria Pisanu ?
Sarà un' azione studiata a tavolino per destabilizzare il potere del PDL in provincia ?
Servirà a Fantola per richiedere un posto di rilievo in giunta regionale se non addirittura sostituire Cappellacci ormai sulla via delle dimissioni ?
"Luisa", è talmente semplice !
Giommaria si è semplicemente sacrificato perchè altro non passava il convento dei Riformatori. Semplice. Facile facile.
Dietro non ci sono i servizi segreti deviati, o potenze straniere che condizioneranno nel futuro le sorti e le decisioni di questo nostro povero paesello.


luisa 05/17/2010 23:44


giommari'...non ha importanza chi io sono...perche' rappresento tutti gli ittiresi che hanno dei dubbi e vogliono chiarirli....quindi ci spieghi questa doppia candidatura??? che non arriviamo a
capirla???


Giommaria Pisanu 05/17/2010 21:11


Non capisco cosa possa scandalizzare la mia candidatura anche in Provincia. Pronto comunque a chiarire i Tuoi dubbi se li esterni. Invito però sempre ai chiarimenti di persona anziche dietro
nickname di comodo. Io come vedi mi firmo, cosi come ho avuto modo di dire ho messo la mia faccia il mio nome ed il mio sopranome, non ho fantasmi e lo dimostro e Tu dimmi chi sei.


luisa 05/17/2010 19:22


mi dispiace lista n. 3
state giocando sporco....ma non avete ancora capito che ognuno riavra' indietro cio' che semina......ma ditemi.....miei cari....e' vera la notizia che e' giunta alle mie orecchie e cioe' che il
vostro candidato a sindaco e' in lizza anche per le provinciali???


albachiara 05/17/2010 19:10


stiamo prendendo proprio bene l'esempio dai "Fedegiornali e dai Vespatalkshow....ricordo una citazione del piu' grande personaggio vicino alla ideologia comunista che sia mai esistito (lasciamo
perdere se l'uomo poi e' riuscito a crocifiggere anche lui)....Gesu'......."non piangete su di me...ma piuttosto piangete sui vostri figli...." c'e' veramente da piangere sui vostri figli....che
hanno genitori che danno loro da mangiare quotidianamente odio e veleno...povero nostro paese che futuro l'aspetta...sotto l'inconsapevolezza di tanti....non resta che pregare.....


Tropea 05/17/2010 19:07


@timetraveller; e quindi hai letto, finalmente... Magari non hai capito bene tutto, ma almeno stavolta hai letto i programmi prima di criticare; bene, è un progresso; comunque è un progresso.
Adesso ci spieghi però perchè il Programma della Lista 3 sarebbe copiato (da chi, dalle altre Liste?), perchè sarebbe un brodino (??), cosa ha di demagogico? E poi, evidentemente tu abiti al
centro, non hai idea di cosa siano le zoonosi; ma pensa tu; il problema che ti suscita tanta ilarità è invece un problema segnalato come estremamente grave da chi in campagna ci vive e lavora.
Evidentemente non conosci molto la campagna. Ma veramente di tutto il nostro programma, questa è l'unica cosa che hai afferrato?


at88000 05/17/2010 13:14


NON VOTERO' PIU'PER TONINO ORANI ! Ecco cosa farò nella data stabilita.
Si, Io, proprio Io At88000 o Silus o Silis o Ataver63. Si, quel lecchino patentato che aspira a fischiare a tutti, se sono donne tanto meglio; che aspira anche a tornare ad amministrare; che aspira
ed inspira come tutti i cristiani di questo paesone. Si sono pronto a tradire il buon Sendache. Se giommaria mi promette che potrò fischiare per tutta la vita.


Madrina 05/17/2010 12:40


Quello che ha fatto alla cooperativa Humanitas ed ai suoi lavoratori, alle famiglie di questi lavoratori ed ai parenti tutti, la pagheranno certamente cara.
Eppure il sindaco non è forse il rappresentante di quel partito che difende la classe lavoratrice ?
Non è forse il PD quel partito che, almeno a voce, sostiene chi lavora e difende chi il lavoro lo perde ?
Il PD non è forse l' erede del PCI che si batteva per la difesa dei più deboli e di quanti avevano bisogno di essere rappresentati e tutelati ?
Dove sono finiti questi principi di base ?
La vera destra, quella che deve essere combattuta, è proprio dentro il PD e dentro la sinistra!
Voteremo tutti compatti per altri. Vediamo se riesce a vincere questo trombone di sindaco e della sua parentela (ben tutelata naturalmente!).


Gesuino 05/17/2010 08:54


Credo sia sempre poco il danno che questo sindaco fa agli ittiresi. Dovrebbe farne ancora di più chissà se riusciranno a capire che gli sta prendendo per il sedere.
Non si sono ancora accorti che ha fatto dei danni irreparabili alla cittadinanza. Che ha solo pensato a curare il suo giardino personale, il suo orto familiare. Non ha mai pensato al bene della
nostra comunità. Continuate a votarlo. Ignoranti !


Gerolamo 05/17/2010 08:25


Dopo la pausa di fine settimana, pizzate a nastro per i provetti amministratori, un camion a vela con il supermanifesto della lista personale di Orani, c'è una bruttissima novità: La cooperativa
Humanitas, forse non più nelle grazie del sindacone, ha perso il lavoro. Verrà sostituita, come era ampiamente previsto, da una cooperativa "di fuori". Anzichè dare lavoro alle tre cooperative
sociali di Ittiri ha preferito, convinto come è di vincere alla grande queste elezioni, dare lavoro ad altri soggetti (che hanno ugualmente diritto di lavorare per carità) non ittiresi. Cosa
costava fare fronte unito con le altre cooeprative ? Perchè il comune non ha dato preferenza alle proprie realtà associative preferendone altre ?
Lo voteremo in tanti a Tonino Orani ! Vedrà, vedrà.


saNdokan 05/15/2010 20:18


Cari cittadini Ittiresi,quando vi recate alle urne,prima di esprimere il voto,abbiate un po' di buon senso,onde evitare altri 5 anni di catalessi,sensi unici e interessi privati.


Antioco 05/15/2010 16:56


@Timetraveller; ti vogliamo bene, tu però continua sempre così... Critiche ideologiche, vittimismo, critiche sul logo fatto con Word Art, sui tempi della formazione della lista; mai il dubbio se
gli Ittiresi siano soddisfatti della amministrazione uscente, mai un commento sul merito della proposta della coalizione che a te non piace, mai un commento sul nostro programma... Ah, ce ne
fossero tanti, come te...


Efisio Sandrone 05/15/2010 13:35


Tralascio di rispondere a "Travenell'occhio" che critica la lista di Giommaria Pisanu non conoscendone ne le persone, ne le loro indubbie capacità e preparazione. Volevo invece raccontarvi un fatto
curiosamente simpatico accaduto al nostro sindaco nel Bar di Zia Molly.
L' Orani era li, naturalmetne invitato da qualcuno, e appropriquandosi verso l' uscita incontra un ex dirigente del PD e attivo sostenitore di Democrazia e Progresso nonchè uno degli zii di una
candidata "fatta fuori" dalla lista del PD, al quale ha chiesto, testuale :
- " scusa Pì, potresti dedicarmi cinque minuti del tuo tempo ?"
Alchè il Pì gli risponde a muso duro, come solo Pì riesce a fare :
-" i cinque minuti del mio tempo da dedicare a te sono ormai esauriti da tempo. E te ne accorgerai dopo le elezioni !"
L' Orani ci resta come un allocco di merda e, balbettando e chiedendo scusa, si svincola velocemente, rischiando di inciampare in altri cittadini-voti e sulle scale del bar. Inforca l' auricolare e
chiama chissà chi.
Bella eh!


antonio piras 05/15/2010 12:46


Ah ah ah! Caro Antonio, ti chiedo scusa; Antonio Piras, Carlo Sanna, Efisio Biancu, Costantino Ruiu e simili sono i migliori pseudonimi che si possano usare in Sardegna; vedrò di usare in futuro un
nome che non ti metta in imbarazzo. Ciao e scusa ancora...


Antonio Piras 05/15/2010 12:12


Scusa ma quale Antonio Piras sei, perchè io sono Antonio Piras ma non ho mai scritto su questi blog, e non conosco altri con questo nome ad Ittiri. Ti chiedo comunque scusa qualora ci sia omonimia,
ma veramente non ti conosco.


antonio piras 05/14/2010 14:28


"Lista 3 (Dilettanti allo sbaraglio). Poche idee e confuse. Incompetenze ed approssimazione." Questo il commento che un novello Sartori ha inciso sulla pietra in un blog ittirese a proposito della
lista di Ittiri può cambiare. Dinanzi a tanta lapidarietà di giudizi, che rendono evidente la profonda preparazione culturale e politica politica dell'interlocutore non si può che sommessamente
tentare di dibattere sul merito, sperando che il giudizio non sia definitivo (e magari non provenga da semplice ignoranza o da preconcetti. Allora, in quella lista ci sono 5 laureati, 2 laureandi e
5 diplomati (per curiosità, Timetravel, che titolo di studio hai tu?); in quella lista ci sono ex Assessori Comunali, un ex Presidente di Comunità Montana e dirigenti ed amministratori di
associazioni (per curiosità, Timetravel, ritieni che dovevamo puntare più in alto, quanto a competenze ed esperienza?). Quella lista ha un Programma orientato a proiettare Ittiri nella dimensione
che le compete, di guida del teritorio (ma il Programma di cui parlo lo hai letto, o ti sei fidato di qualcuno che ti ha fatto un racconto?). Dai, ammetti di essere un pò di parte, non è grave;
errare humanum est... Entra più nel merito, però, la prossima volta... Informati e leggi, ciao!


Arsenico 05/14/2010 10:31


Ciao amici, da qualche settimana a Ittiri noto una certa inquietudine a sinistra, mentre sono sorpreso della capacità operativa del centro-destra che, pur partendo svantaggiato, dispone di una
squadra di giovani preparati e del tutto nuovi all’attività politica, sta così tentando la vittoria elettorale, che credo sia alla portata. Tenuto conto dei soliti antichi retaggi culturali di cui
è ostaggio questo paese, che sono alla base del rischio, calcolato peraltro, di una sconfitta di misura.
Sono, poi, soddisfatto che qualcuna delle persone che per mesi ha gettato fango su tutti, sia stato smascherato. E mi riferisco a quanto esposto da Gianni B. nel suo post. Devo dire di essere
sorpreso per questo ataver63, non tanto perché non mi aspettassi da lui simili esposizioni, quanto per la stupidità che lo ha contrassegnato. Se fossi in lui farei di tutto per sottrarmi alla vista
e dal Comune, mi vergognerei insomma.
Però, caro Gianni ed è questa la ragione del mio post, c’è un altro, personaggio nocivo, dedito temporaneamente al commercio che viscidamente sta riempiendo pagine del blog con proposte e
valutazioni oscene. Questo dopo che anch’egli ha fallito altrove. E se capita aggiungerò altri retroscena. Ad iniziare da “colui che sa di aver osato e non è stato punito per amore di partito” che,
si disse, fece sparire......, poi “trasferito” da altre parti per non essere licenziato, poi diventato socio di................., a sua volta fallita dopo il suo ingresso. Tutti però decisi a
sparare su di noi da dietro al muretto a secco.
Arsenico


Antonio Fadda 05/14/2010 10:51



Calma, calma. Teniamo i ragionamenti entro l' educazione ed il rispetto. Ognuno di noi ha una sua storia personale ed un suo percorso di vita, con alti e bassi. Limitiamoci ai giudizi ed al
confronto sui temi. Le volgarità lasciamole pure agli altri.



Gianni B. 05/14/2010 10:18


In passato su questo blog mi è capitato leggere affermazioni particolarmente severe nei confronti della minoranza ittirese che non si riconosce a destra. Quanti credete siano? forse due mila
persone. Si è scritto, dunque, di rischi gravi se la destra dovesse affermarsi al Comune. E a paventare pericoli e catastrofi, guarda un pò, sono proprio coloro che hanno fatto man bassa e razzia
della cosa pubblica in questi ultimi trent’anni . Almeno fin quando non è stato smascherato, il pessimo e assolutamente subdolo at 880, meglio noto come Ataver63, ha addirittura parlato
ipocritamente , come un vero fariseo. Ha giudicato ed emesso sentenze. Ha scagliato tutte le pietre che aveva. Insieme al suo emulo, tal Silas, altra serpe velenosa da pressare, che, si badi
risponde sempre a lui, perché sempre di Ataver63 trattasi. Il loro bersaglio preferito è stato l’ideatore di questo blog, Antonio Fadda, soltanto perché da loro fastidio che vi sia qualcuno che
manifesta liberamente altri pensieri che non coincidono con l’indottrinamento che questi demoni hanno avuto da tenera età. VAI AVANTI ANTONIO FADDA PORTA FIERO QUESTO VESSILLO DI LIBERTA’
TANTISSIMI TI SIAMO VICINI.
Una volta smascherato questo sinistro ceffo (ATAVER63), ci avete fatto caso, è sparito dalla blogger-mania, che sofferenza non dover più esprimere la propria opinione, dirà. Ha paura, dunque.
Sicuro, ora sa di essere guardato a vista. Questo essere spregevole, trafficone e bancarottiere, sta prendendo per il fondelli il popolo della sinistra avendo in serbo un unico obiettivo: farsi
assumere dal suo dante causa, Tonino Orani. Ha capito dove andare a parare, nel Comune dei sinistrati, insieme a quell’altro verme che lavora all’ufficio tr...., promosso e indennizzato dai soldi
dei contribuenti sulla scorta dei traffici compiuti a favore della lista Orani nel 2005. Un essere, questo dei tr........, che non osa neppure rivolgersi lo sguardo allo specchio di casa sua,
talmente la sua immagine riflessa lo indispone e inibisce. Ma se non dovesse vincere Tonino, se questo paese comincia a riflettere, a capire? Allora so ca...... per Ataver63 e tutti gli altri
adepti: d’altra parte nella vendita dei m….. ha fallito, nell’abb………. pure, come vi.... se la cava, sa soffiare piuttosto bene, ma non basta per succhiare tutti quei ca.... a destra … a mezzus
riere.
Gianni


antonio piras 05/13/2010 21:04


Caro cipensaanemone, bella domanda; il Programma. Allora, la lista di Ittiri può cambiare, contrariamente ad altre ancora orientate verso il culto della personalità retaggio di vecchie e stantie
idelogie, è nata intorno ad un Programma. Con diversi potenziali candidati Sindaci, ma intorno ad un Programma. Anzi, il primo nucleo di Programma è stato proposto dai Sardisti, che lo hanno
proposto come conditio sine qua non per concludere un accordo elettorale; e di questo c'è traccia già da un paio di mesi sul profilo FB dei Sardisti Ittiresi; successivamente, il Programa è stato
integrato con il contributo di tutti, ed in particolare dei gruppi sociali di Ittiri. Da oggi è in distribuzione a cura dei candidati insieme con l'altro materiale elettorale. A breve sarà
disponibile sul profilo FB e sul Gruppo FB.
Il gruppo non lo ha previsto comer un Programma rigido e infatti sarà integrato con le ulteriori osservazioni raccolte durante il porta a porta con i Cittadini.
Osservalo bene, vedrai che ti piacerà;ma sono gradite anche le tue osservazioni. Ma ci dici però per cortesia perchè dovrebbe essere secondo te un "programma fatto in due ore?"


cipensanemone 05/13/2010 09:55


Vado in una lista perchè l'altra non mi ha voluto...BRAVIIIIIIIII così si fa la politica!siiii si fa così senza personalismi, portando avanti i valori e le proprie idee!
IPOCRITI!avrei miliardi di volte preferito farmi da parte piuttosto che fare il salto della quaglia per fare un dispetto a qualcuno!Se fare un torto è la motivazione del cambio di schiaramento
allora "acconzos sezzisi"!
Un'altra cosa....dove si può trovare il programma ideato in 2 ore della lista ittiri può cambiare?


Antonio Fadda 05/14/2010 10:03



Già dall' alias che usi per firmarti viene fuori, in modo chiaro, il tuo quadro psicologico. Parli di personalismi e di valori ma non ne adotti neanche uno che è uno. Non è il salto della quaglia
quello che è stato fatto. E' una ribellione vera e propria ad un torto subito, ad una promessa non mantenuta, ad un accordo già chiuso, ad un inganno grave ai danni di una parte importante del
vostro partito che ha reagito nell' unico modo possibile: rendere pan per foccaccia !


Non è necessario dividere, come fate sempre da secoli, il paese in due tronconi ben distinti. Ci sono solo dei cittadini che intendono proporsi alla popolazione per dare una amministrazione
adeguata ai tempi attuali (voi siete ancora nella preistoria...). Nell' interesse della città. Sul programma non ti so rispondere, so solo che viene costruito sentendo in diretta i cittadini, le
associazioni e tutte quelle realtà che non hanno avuto la possibilità di avere qualcuno a sentire le loro aspirazioni.


 



albachiara 05/13/2010 09:50


che brutta impressione vedere che anche a livello locale le persone facciano di tutto e riescano a gettare fango nella politica...alimentando la falsa credenza che "la politica e' una cosa
SPORCA"...parlo di entrambe le parti...perche' anche chi ,sentendosi sotto accusa,scende ad un basso livello sentendosi autorizzato per legittima difesa,e' da mettere allo stesso livello degli
accusatori. tanto gli accusatori hanno sempre fatto questo ,lo stanno facendo e lo faranno sempre...e se non hanno argomenti se li inventeranno..."o con noi o contro di noi"....che mentalita'
meschina...bisogna sperare che in futurotra i nostri giovani ci siano dei cervelli che si siano preoccupati della loro crescita interiore prima di mettersi a disposizione della popolazione per un
servizio che e' una missione..per tutti...quanto odio....quanto rancore...e' necessaria la guerra ..sempre e ad ogni costo?? quando si vuole essere obbiettivi e costruttivi ...si obbietta...si
critica (ci mancherebbe altro!!!!) ma NON SI OFFENDEEEEE!!! AVETE CAPITO???? DOBBIAMO DARE L'ESEMPIO AI NOSTRI FIGLI:RISPETTO PER LE PERSONE PRIMA DI TUTTO!!! CHI NON USA RISPETTO ,PER ME,NON
MERITA NESSUNA FIDUCIA DI POTER RAPPRESENTARE LA POPOLAZIONE!! MEDITATE!!


Antonio Fadda 05/14/2010 09:53



Tutti i problemi, le critiche, le insinuazioni, che ci vengono imputate partono da un fondamento di verità. Abbiamo analizzato tutti gli atti, le delibere, le decisioni adottate nel corso di
questi ultimi cinque anni, abbiamo consultato migliaia di documenti, leggi, normative, direttive sia di carattere regionale che nazionale. Insomma tutto quello che era possibile consultare per
capire se davvero la giunta di Orani avesse operato nell' esclusivo interesse della cittadinanza, come sostengono loro. Ebbene in alcuni frangenti qualche particolare errore è stato commesso. Noi
lo abbiamo solo detto e sottolineato. Abbiamo portato alla conoscienza di chi legge le manchevolezze e gli errori. Possiamo affermare che non sono stati fatti appieno tutti gli interessi della
popolazione. E' questo quello che è venuto fuori e che, secondo il nostro modestissimo modo di vedere, bisognava far sapere. Per non farci prendere per i fondelli da alcuni loschi elementi che si
erogono a "statisti".


Sulle offese.


Siamo stati noi per primi a subire un attacco duro, personale, intimo. Ce lo aspettavamo conoscendo le persone e la loro cultura. Non spaventano ne intimoriscono nessuno. A delinquente,
delinquente e mezzo !


 



AntiMeridionale 05/13/2010 08:24


Io, che sono completamente al di fuori dei partiti e dei movimenti politici, vorrei sapere, se possibile di chi si tratta!!!Comunque a quanto pare il forte dissenso contro l'attuale sindaco non si
manifesta solo all'interno di questo "becero" blog, mi dicono che spesso la stessa solfa si ripete nei lunghi giri per la campagna elettorale, nelle case, nelle associazioni ecc ecc. Personalmente
non ho mai avuto molta fiducia nelle capacità degli ittirese di discostarsi dai dettami imposti dalla sede dei circoli PCI, PDS, DS, PD (boh, forse per scarsa capacità di analisi o limitate
competenze o chissà) ma in questo caso si intravvede veramente la voglia di cambiare persone e invertire, dopo decenni di domino politico e culturale di una certa parte politica, la rotta e le
solite persone!!!Forse è la volta buona, sosteniamo il cambiamento!!!


Antonio Fadda 05/14/2010 09:27



Basta scorrere ed analizzare bene la lista e, da solo, riuscirai a capire chi è. I volgari, beceri, maleducati e insolenti non siamo noi. Ma altri.



DI 05/12/2010 22:15


Mi ero detto intristito nel leggere questo blog.
Ammetto che lo stato d'animo è mutato: sono nauseato, e per questo smetterò di leggerlo.
Scusate la franchezza e la scurrilità, ma come cazzo fate a scrivere parlando sempre di 'famiglie' che hanno il proprio candidato di riferimento, sindaci che fanno interessi di certe famigle,
famiglie amiche di famiglie che
voteranno l'esponente di un'altra famiglia... ma chi cazzo sono queste 'famiglie'? Ma vi rendete conto che state palesemente professando di credere e votare in virtù del solo clientelismo? Il
termine di 'famiglia' come voi lo intendete è di tipica ispirazione mafiosa. Non vedo una condanna del clientelismo, vedo l'invidia di chi si sente escluso e minaccia liste di proscrizione in caso
di vittoria. Ma che mentalità avete?
Ribadisco quanto già detto: Trogloditi!
Anticipo le risposte ai commenti ex-post che non avrò modo di leggere:
- si lo so, per nessuno sarà una grande perdita avermi perso come lettore...
- certo.. il confronto.. il rispetto delle opinioni degli altri.. poi? Ah sì, la libertà di espressione!!
- mafia, si ho detto mafia, spero tu sappia cogliere l'accostamento
- la realtà di Ittiri è questa? ma fatemi il piacere!


Antonio Fadda 05/14/2010 09:15



Ma dove diavolo vivi ?


Levati il paraocchi e guarda le cose che ti accadono intorno con gli occhi giusti.


Vuoi forse darci da bere la teoria che le vecchie "famiglie" (non nel senso mafioso del termine come tu vuoi far intendere o accostare, a cosa?) che hanno contribuito a fare del PCI un grande
partito, non abbiano ancora il loro giusto peso ? Hai letto bene la lista dei candidati del Dr. Tonino Orani ? Non trovi una qualche seppur minima "continuità parentale" con i precedenti
candidati ? Ripeto, prima che scateniate altre falsità per mettermi contro anche i candidati..., degnissimi di rispetto e adeguatissimi agli eventuali incarichi di governo locale. Perchè vuoi
continuare a voler prendere per il naso i tuoi stessi compagni di partito ?


 



mandarino 05/12/2010 13:39


... ma smettetela!!!!! MANDARINI sarete voi


Antonio Fadda 05/14/2010 09:03



Haia ! Toccato !



Contro i TRE del PD 05/12/2010 13:08


Vorrei lanciare un messaggio, da questo blog, ai tre uomini del PD di Ittiri (Orani-Zara-Simula) che sono gli unici ed esclusivi responsabili della esclusione dalle liste elettorali del Centro
Sinistra di una giovane ragazza, laureata, con una preparazione culturale di elevato livello, ed una predisposizione alla soluzione dei problemi di carattere sociale, nonchè nipote prediletta di
uno dei maggiori personaggi del PCI degli anni '60/70. Questa esclusione, è bene che lo sappiano tutti, compresi i TRE UOMINI del PD autori di tale defenestrazione, ha fatto sì che si siano dovute
prendere delle decisioni politicamente gravi, sofferte e sentite, che hanno determinato la scelta della candidatura con la lista civica di “Ittiri può Cambiare” guidata dall' amico Giommaria
Pisanu. Lista alla quale qui oggi, senza alcun tentennamento, ripensamento o pentimento, rinnoviamo la lealtà di elettori e che sosterremo fortemente. Dico fortemente perchè nell' ambito delle
famiglie coinvolte monta sempre di più la protesta ed il malumore. Questo malumore anche e soprattutto politico, di cui presto si vedranno i risultati, coinvolge circa 15/20 famiglie di stretta
osservanza ex comunista e comunque di centro sinistra che hanno deciso di contribuire alla affermazione della propria candidata e a sancire, con il proprio dissenso, la sconfitta del PD in mano a
degli incapaci. Perchè questo è stato dimostrato. Questo volevo esternare a nome di un buon numero delle famiglie coinvolte e da queste autorizzato. Come è tradizione del nostro popolo politico
abbiamo già iniziato a parlare di questa offesa ricevuta con tutti i nostri amici e compagni che da sempre ci hanno sostenuto. Faremo quello che deve essere fatto per mandare a casa questi
mandarini.


Antonio Fadda 05/12/2010 13:13



Il testo pubblicato, che porta la firma di "Contro i TRE del PD", ci è stato espressamente chiesto di persona ed è stato concordato con un nutrito gruppo di sostenitori della candidata citata.
Tutto è  corrispondente alla pura verità.


 



Giacomo 05/12/2010 12:12


"Abbiamo operato...migliorando il rapporto con i cittadini".
Tralascio tutte le sciocchezze che sono presenti in questo documento, credo che basti commentare, e che riassume il gradimento di questa giunta e di questo sindaco,proprio questo virgolettato. Di
rapporto con i cittadini non c'è stato proprio niente da migliorare perchè pessimi erano all' inizio e pessimi sono rimasti sino alla fine del mandato !
E non sono eresie quelle che dico. basterebbe andare in giro per i quartieri di periferia, nelle zone ai margini dei nostri confini comunali, nei luoghi affollati per sentire i giudizi e e le
"migliorie" dei rapporti. Quante bugie dicono !


Giovanni S. 05/12/2010 10:49


Ero presente in consiglio comunale durante la lettura di tutte quelle belle cose elencate. Posso assicurarvi che erano tantissime le lamentele ed i mugugni contro questa giunta. L' elenco è bello
da leggere e da vedere ma la nostra città quali benefici ha avuto ?
I disabili ad esempio. Che cosa è stato fatto per loro e per le famiglie che devono supportarli continuamente e con amore. Quale tipo di sollievo è stato loro garantito ? Su questo fronte le
lamentele sono tante e gravissime. Ad Ittiri se non sbaglio ci sono tre cooperative sociali. Perchè non è stato possibile responsabilizzarle tutte e tre, ognuna per la propria specialità e
vocazione, per dare un maggiore e qualificato servizio alle famiglie ed ai disabili ?
Sul fronte delle povertà, e ad Ittiri sono tantissime le famiglie e sopratutto gli anziani che tirano a campare davvero, cosa è stato fatto e predisposto per il prossimo futuro ?
Sul problema della disoccupazione, sia maschile che femminile, cosa è stato fatto ? I cantieri o come si vogliono chiamare, bastano per alleviare il bisogno ? Credo di no. E' possibile o era
possibile fare qualche sforzo in più ?
E tanti, tantissimi altri problemi ai quali il sindaco e la sua giunta non ha dato alcuna risposta.
Perchè si continua a voler prendere per i fondelli la gente ittirese ?
Per vincere le elezioni e poi adottare lo stesso sistema ?


Salvatore 05/12/2010 10:14


Ripeto che è una brutta copia, mal copiata e mal argomentata, di quello strombazzato ad inizio legislatura e che è stato pubblicato da quel...lungimirante di amministratore di questo blog in data
17 agosto 2009. Certo ho notato alcune novità e belle cose, in quest' elenco. A partire dalla sottolineatura che se manchevolezze ci sono state è colpa del governo, del federalismo mancato, di quel
tromabatore di Berlusconi e di tutti quelli che sono riconducibili al centro destro sia locale, provinciale, regionale, nazionale, europeo, mondiale. Mai colpa della incapacità del sindaco.
Siate più seri e modesti.


forzaTONINO 05/12/2010 09:44


... oh Salvatore???? ma cosa ca.. volo dici questo documento è fresco fresco, è stato presentato proprio ieri in consiglio comunale dallo stesso sindaco. Sicuramente avrai visto le solite
cazzate
che scrive il tuo amico infido, sputa m..da e ideatore astuto di questo ca..lo di blog.


Salvatore 05/12/2010 09:22


Tutto questo testamento politico è stato già pubblicato proprio su questo blog. Sapevamo Santità.
Cosa si vuole dimostrare ? Io credo nulla di nulla.
La giunta in alcuni frangenti ha fatto bene in altri ha clamorosamente sbagliato. E' così difficile ammettere gli errori ?


forzaTONINO 05/12/2010 09:08


..... continua leggi leggi!!!

Numerose criticità si affacciano all’orizzonte in tema di finanziamento delle spese per gli enti locali. Innanzitutto l’abolizione dell’ICI sulla prima casa, che seppur compensata ( con non
poche
difficoltà) da equivalenti trasferimenti statali, di fatto congela l’attività di accertamento degli enti locali riferita alle abitazioni e spinge molti contribuenti ad eludere l’ICI sulle altre
abitazioni, tendendo a farle diventare abitazioni principali. Altra criticità è quella dovuta al passaggio che sembra ineludibile dal regime di tassa per i rifiuti a quello di tariffa per
l’igiene
ambientale, che costringerà i Comuni a coprire tutti i costi del servizio con i soli introiti della tariffa e causerà notevoli incrementi del carico tributario locale per le famiglie. Si
prospetta,
in abbinamento a questo fatto, anche un incremento dei costi del servizio a causa dell’aumento dei costi di conferimento in discarica, il tutto a dispetto degli sforzi fatti da Comuni e
cittadini
per incrementare la raccolta differenziata e ridurre al massimo i volumi di rifiuti conferiti in discarica.
Ulteriori nubi si affacciano all’orizzonte e minacciano seriamente gli equilibri finanziari degli Enti Locali. Esse sono: nel breve periodo, una politica del governo centrale sempre più
orientata
ad una diminuzione dei trasferimenti non bilanciata da una maggiore autonomia impositiva a livello locale; e dall’altro la riforma federale del sistema di finanziamento della spesa pubblica (
il
cosiddetto federalismo fiscale) i cui effetti sono tuttora sconosciuti.

INTERVENTI DI CARATTERE GENERALE SULL’ORGANIZZAZIONE INTERNA

Dotazioni tecnologiche a supporto dell’attività amministrativa
La situazione iniziale evidenziava profonde carenze nelle dotazioni e nelle conoscenze del personale, si è lavorato al rinnovo delle dotazioni, all’ampliamento dei servizi informatici e alla
formazione del personale, con l’intento di migliorare la quantità e la qualità dei servizi erogati.

Situazione iniziale:
• Dotazioni personali e generali di apparecchiature informatiche obsolete ed insufficienti
• Eccessive spese in assistenza Hardware e Software
• Apparecchiature telefoniche obsolete e non coperte da assistenza
• Mancanza di fotocopiatori
• Sistema informatico compartimentato e non accedibile da tutti i settori

Modifiche e migliorie intervenute:
• Rivisitazione globale del sito internet nel quale vengono pubblicati, a cura dei vari settori, tutti gli atti e adempimenti dell’Amministrazione ( delibere, ordinanze, gare di appalto, bandi,
attività dei settori, news, etc.)
• Acquisto nuovo centralino telefonico e telefoni
• Acquisto fotocopiatori da collegare in rete
• Rinnovo di tutte le dotazioni informatiche singole
• Rinnovo del sistema informatico centrale ( hardware e software), rinnovo dei dispositivi di rete con attivazione delle rete interna
• Attivazione del contratto di manutenzione software applicativo con la casa madre
• Interventi di manutenzione hardware solo su richiesta
• Attivazione servizio si messaggistica SMS per comunicazioni alla popolazione
• Potenziamento del collegamento internet
• Rinnovo della dotazione della biblioteca e attivazione di postazioni per la navigazione gratuita su internet
• Messa a punto e attivazione del sistema di video sorveglianza
• Informatizzazione delle procedure rilascio concessioni edilizie e sanzioni di Polizia Municipale
• Riorganizzazione, archiviazione informatica e pubblicazione degli atti degli organi istituzionali.
• Attivazione del sistema di rilevazione automatica delle presenze multipunto
• Migrazione del sistema informativo generale su piattaforma web
• Attivazione di corsi di informatica di base e di strumenti di automazione di ufficio per tutti i dipendenti
• Attivazione Posta Elettronica Certificata e Protocollo Informatico

Criticità e sviluppi futuri
• Proseguire nel disegno di consentire maggiore partecipazione e trasparenza dei cittadini con l’attivazione dello sportello telematico
• Realizzazione della Intranet
• Realizzazione del Sistema Informativo Territoriale
• Eventuale trasferimento della gestione dei servizi informatici all’unione dei comuni del Coros per una gestione sovracomunale


Politiche del personale e organizzazione interna
Si è puntato principalmente a valorizzare e far progredire le risorse umane presenti, creando le migliori condizioni possibili sia dal punto di vista delle garanzie contrattuali che
dell’organizzazione che dell’ambiente di lavoro. Non è stato ancora possibile bandire i concorsi per la copertura di alcuni posti vacanti, principalmente a causa degli ostacoli frapposti da una
normativa eccessivamente vincolistica, farraginosa e soggetta a continue modifiche. La dotazione organica appare eccessivamente sbilanciata sulle professionalità di tipo esecutivo. Le norme
contrattuali in vigore non forniscono idonei ed efficaci strumenti di incentivazione.

Situazione iniziale
Elevato livello di litigiosità e conflittualità fra dipendenti in generale e fra settori, causato principalmente dalla mancata definizione degli ambiti di competenza
Scarso senso di appartenenza e scarsa motivazione
Elevato grado di diffidenza nei confronti delle politiche dell’amministrazione in tema di personale

Modifiche e migliorie intervenute
• Espletamento delle progressioni verticali e completamento della struttura apicale
• Riorganizzazione della struttura con definizione puntuale delle competenze
• Attivazione del sistema di valutazione delle prestazioni ai fine della corresponsione dell’incentivo per la produttività
• Incremento monetario e pesatura delle Posizioni Organizzative
• Applicazione integrale delle procedure di progressione orizzontale
• Sottoscrizione puntuale dei contratti decentrati
• Corresponsione dei buoni pasto
• Stabilizzazione di 4 unità ex LSU con copertura parziale a carico RAS
• Assunzioni con mobilità per copertura posti vacanti ( tre)
• Progetti di miglioramento dell’efficienza dei servizi con assunzioni di personale a tempo determinato
• Chiusura di tutte le vertenze derivanti dalle richieste di liquidazione compensi di progetti di produttività precedenti al 2005 e non pagati
• Attivazione del servizio di medico del lavoro
• Attivazione del servizio si sicurezza e prevenzione
• Passaggio del servizio stipendi al settore segreteria
• Attivazione del PEG e assegnazione degli obiettivi ai responsabili di settore


forzaTONINO 05/12/2010 09:02


Il bilancio di mandato 2005/2010 agli atti ... fattevi un flash!!!
La scadenza del mandato amministrativo impone di rendere conto, con coscienza e senso di responsabilità, sul rispetto degli impegni assunti nel patto stipulato con tutti i cittadini, non solo
quelli dai quali abbiamo ricevuto il consenso.
Il programma amministrativo partiva dall'analisi della situazione, ne evidenziava i tratti di declino nei vari aspetti (sociale, economico, culturale, identitario ) e proponeva di invertire
questa
tendenza. Il tutto veniva riassunto nello slogan: riscoprire e rinnovare le ragioni del vivere a Ittiri.
Lo stesso programma elencava, raggruppandoli sotto delle linee guida generali, gli interventi attraverso i quali si pensava di ottenere il risultato.
Nel fare un bilancio, un approccio di tipo semplicistico porterebbe a spuntare le varie voci e a verificare se una certa iniziativa è stata portata a compimento o meno, per dare una valutazione
di
tipo quantitativo sul lavoro svolto.
Un criterio più ragionato non può prescindere da diverse considerazioni:
• -nel redigere il programma non si aveva, per mancanza di continuità politica a causa del commissariamento, l'esatta percezione di quale fosse l’effettiva situazione, soprattutto riguardo
questioni lasciate insolute e lo stato della struttura amministrativa;
• -in un programma si elencano interventi che si vorrebbe poter attuare, senza poter valutare, nella loro reale misura, i condizionamenti di una situazione politica estremamente dinamica che
limita
sempre di più i margini di autonomia degli enti locali;
• su Comuni e Province, nonostante il tanto sbandierato federalismo, ricadono i maggiori costi delle turbolenze economiche e quella da cui ancora non si è usciti è considerata, se una la
peggiore,
una delle più pesanti crisi degli ultimi decenni.
Fatte queste considerazioni si capisce perfettamente che la semplice conta aritmetica del “fatto/non fatto” lascia il tempo che trova.
Ad ogni buon conto mi sono dilettato in questo esercizio, ed il risultato è stato che per i due terzi del programma gli impegni dichiarati sono stati portati quasi completamente a termine.
Un corretto bilancio deve comunque, al di la di questo, verificare il rispetto dei principi di fondo, il metodo utilizzato e il risultato complessivamente raggiunto.
Uno degli impegni dichiarati fu di dare stabilità politica e amministrativa in un contesto caratterizzato da forti elementi di tensione e contrasto, sia all’interno della maggioranza che nei
rapporti con l'opposizione, con riflessi negativi sulla vita a e l'attività amministrativa. Impegno che penso sia stato rispettato.
In questi anni si è parlato poco di schermaglie politiche e di personalismi e molto di idee, scelte di fondo e proposte. Anche i rapporti con la minoranza sono stati da subito improntati alla
lealtà e al rispetto reciproco, pur nella netta distinzione dei ruoli. Raramente si è assistito in Consiglio a scontri verbali o a reciproci attacchi di tipo personale, cui tristemente capitava
di
assistere in passato.
La stabilità politica ha avuto come conseguenza la stabilità e la continuità amministrativa che sono presupposti fondamentali affinché i risultati possano essere effettivamente conseguiti.
Ricordo che si arrivava da una stagione nella quale il vertice amministrativo del Comune cambiava in media una volta all’anno, con i riflessi sull’efficienza dell’azione complessiva che è
facile
intuire e le cui conseguenze erano sotto gli occhi di tutti.
Altro aspetto sul quale ci siamo concentrati è stato quello dell’ascolto e dell’apertura a tutte le istanze, indipendentemente dalla parte politica e sociale dalle quali esse pervenivano.
Abbiamo
perciò agito nel solco della ricerca delle relazioni e della collaborazione con le molteplici espressioni (sociali, economiche, culturali) della nostra cittadina, traendo da questo rapporto
indicazioni e proposte sulle basi delle quali orientare la nostra azione.
Non è stato per niente facile, e qui parlo del metodo, seguire i principi di fondo dichiarati ed essere operativi e concreti.
Abbiamo dovuto, innanzitutto, ricostruire un rapporto di fiducia e collaborazione con la struttura burocratica; rapporto che negli anni si era sfilacciato e dal quale non si può prescindere se
si
vogliono ottenere i risultati voluti.
Abbiamo ripreso e portato a compimento pratiche e questioni che da anni giacevano nei cassetti e negli armadi, aspettando che qualcuno prendesse il coraggio di affrontarle e concluderle. Lo
abbiamo
fatto per senso del dovere e per spirito di servizio, anche se abbiamo dovuto mettere da parte altre questioni che forse ci avrebbero dato più visibilità e ritorno immediato. Lo abbiamo fatto
soprattutto affinché i cittadini riacquistassero fiducia in un’Istituzione capace, finalmente, di dare risposte concrete.
Lo abbiamo fatto nella convinzione che l’edificio della buona amministrazione può essere realizzato solo se esistono basi solide, di fiducia e stima reciproca tra amministratori e dipendenti
comunali e tra Amministrazione e cittadini.
Abbiamo riparato, rimesso in moto e anche realizzato.
Lo abbiamo fatto mantenendo alcuni capisaldi:
• non aumentare i tributi comunali, se non quando (come nel caso della tassa sui rifiuti) l’incremento della qualità del servizio e dei costi ne avessero giustificato l’aumento:
• utilizzare tutte le risorse disponibili, anche quelle apparentemente inesistenti ma che erano di fatto dimenticate tra i risvolti dei bilanci degli anni precedenti. Soldi dei cittadini che
attendevano invano di essere spesi a favore degli stessi.
• Ancora: abbiamo attuato in tutti i settori politiche di risparmio e di ottimizzazione per liberare risorse da impiegare in modo più proficuo.
Abbiamo operato, riteniamo, con il buon senso del padre di famiglia: riducendo gli sprechi e qualificando la spesa.
Pensiamo di avere attivato un cambiamento positivo nell'operare dell'Amministrazione e nel rapporto con i cittadini. Se ci siamo riusciti o meno non sta a noi dirlo.
Siamo convinti che la somma di singoli miglioramenti nelle condizioni personali e dei rapporti con l’Amministrazione generi un senso comune di percezione positiva del nostro operato. La
percezione
del cambiamento, però, non si ha solo come somma di modifiche avvenute per casi o categorie particolari, bensì, (anche se non sempre questo accade) per miglioramenti che interessano in generale
tutta la comunità.
Una sensazione che è la sommatoria di molti fattori, a volte anche immateriali.
Pensiamo, di avere fatto molto; di aver percorso un buon tratto di strada nella ricostruzione della dignità, della identità e dell’orgoglio di appartenenza della nostra gente.
Chiunque arriverà dopo avrà sicuramente un bel da fare, ma siamo convinti di lasciare un cospicuo patrimonio oltre che di opere di valori.

POLITICA DELLE ENTRATE

Dovendo operare in una situazione socio-economica caratterizzata da una crisi strutturale del sistema economico sulla quale si sono abbattute con veemenza le conseguenze della crisi finanziaria
internazionale, la linea portante della politica tributaria è stata quella di : Non aumentare le aliquote dei tributi locali se non strettamente indispensabile.
In coerenza con questo assunto :
• E’ stata portata l’aliquota base ICI dal 6,1 al 6 per mille
• Non è stata applicata l’addizionale IRPEF
• E’ stato adottato un aumento delle tariffe TARSU solo in corrispondenza di un incremento di costi del servizio dovuto ad un miglioramento qualitativo dello stesso. Ciò è accaduto negli anni
2006
( quando è stata introdotta la raccolta differenziata della frazione organica attraverso i cassonetti stradali) e 2008 ( in corrispondenza dell’avvio della raccolta porta a porta), mentre è
stata
operata una riduzione del 5% nel 2007. Dal 2008 è anche aumentata la percentuale di costo del servizio coperta con fondi comunali e non con l’introito della tassa, e ciò ha comportato delle
rinunce
in altri settori dell’attività amministrativa.
• Sono stati adottati solo modesti incrementi delle aliquote dei tributi minori (TOSAP, PUBBLICITA’)
• Sono state istituite agevolazioni sull’ICI per le case del centro storico e le famiglie numerose

La realizzazione di questa politica è stata possibile anche grazie a:
• Un’intensa attività di recupero di entrate tributarie evase o eluse, incoraggiata e sostenuta a livello politico, che ha consentito maggiori entrate una tantum per oltre 600.000 euro e un
incremento a regime del gettito tributario.
• L’internalizzazione del servizio di riscossione che ha generato risparmi di spesa dell’ordine di 40.000 euro all’anno.
Questa oculata politica delle entrate locali ha in parte bilanciato e attenuato gli scompensi dovuti ai minori trasferimenti da parte dello Stato, mentre per quanto riguarda i trasferimenti
regionali si registra con soddisfazione l’incremento dei trasferimenti correnti avvenuto con l’istituzione del cosiddetto Fondo Unico che però non compensa che in parte l’abolizione dei
trasferimenti in conto capitale della L.R. 37 dei quali si sente la mancanza in sede di spese per investimenti.