Le segnalazioni di Zampa Marras in Consiglio Comunale.

Pubblicato il da Totoi Fadda

g marras

CONSIGLIO COMUNALE DI ITTIRI DEL 1° AGOSTO 2012.

Signor Sindaco! Signori Consiglieri! Signori Assessori!

  1. In primo luogo voglio segnalare – a nome e per conto di “Sardigna Natzione Indipendéntzia” e di “Sinistra Identitaria Sarda pro Ittiri, nonché a nome mio personale - che nel <Piazzale del Campo Sportivo>, manca la segnaletica verticale e soprattutto quella orizzontale per delimitare gli stalli dei parcheggi delle auto e delle moto, e che nel marciapiede antistante la via Antonio Manca non vi è neanche un segnale che imponga agli automobilisti (e tanto meno ai motociclisti) di rallentare la loro corsa, né uno scivolo per i diversamente abili e non vi sono nemmeno delle <strisce pedonali> per consentire agli stessi e agli altri l’attraversamento della strada. Faccio presente che ogni anno, da maggio a luglio e da settembre in poi, nell’imponente locale che si affaccia su detto piazzale, tutti i venerdì si riuniscono - con i loro genitori ed assistenti - un centinaio di portatori di handicap provenienti da tutto il Nord Sardegna per seguire le lezioni di tre medici specialisti. Ebbene, più di una volta, si è rischiato in quel tratto di strada un incidente mortale, che solo un miracolo ha potuto evitare. Infatti il penultimo venerdì del mese di luglio una macchina in corsa stava per schiantarsi su una carrozzella di un diversamente abile, arrestandosi a meno di mezzo metro dal veicolo in questione ed evitando così di travolgerlo. Ma non si tratta di un evento straordinario, perché episodi del genere se ne sono verificati ben altri tre: uno nel mese di maggio e due nel mese di giugno. Oltretutto va detto che in tale via sarebbe opportuno posizionare una “rotatoria” per disciplinare e decongestionare il traffico caotico, monodirezionale e bidirezionale, che si verifica in determinate ore della giornata e, in particolar modo, durante le manifestazioni sportive e musicali.

  2. Secondariamente voglio segnalare che in numerose vie cittadine, e soprattutto nelle vie Enrico Costa, Felice Cavallotti e Madre Teresa di Calcutta, ove sono intervenute le squadre di operai incaricati di ripulire le strade dalle erbacce, si nota ancora la presenza di dette erbe infestanti.

  3. In terzo luogo vorrei capire che ruolo hanno e che funzione svolgono quelle “strane strisce d’asfalto rialzato”, trasversali alla strada, che ho notato in via Boccaccio e in via Quattro Novembre, che a me è venuto il dubbio fossero dei “dissuasori di velocità”, perché le auto continuano a correre senza rallentare per niente la loro velocità, a meno che non si tratti di “argini per le acque piovane”.

  4. Vorrei inoltre sapere se è allo studio, in corrispondenza del semaforo di via Sassari e della curva del Convento di San Francesco, un piano per disciplinare e regolamentare l’afflusso delle macchine e snellire il traffico dei veicoli in movimento e di quelli che si fermano ai distributori di gasolio e benzina per rifornirsi di carburante, e se non sia il caso di porre delle strisce pedonali davanti al Convento e ai due rifornitori per l’attraversamento dei pedoni.

  5. La quinta segnalazione riguarda quella orribile e indecorosa <fontana> realizzata con le stesse identiche mattonelle multicolori in uso nelle docce delle vecchie navi della Compagnia di Navigazione Marittima “Tirrenia” negli anni Sessanta del secolo scorso, di cui si auspica la demolizione. Fontana, che si trova nella piazza antistante la nostra Casa comunale, perché è un monumento al cattivo gusto, che neanche i tavoloni - che da alcuni giorni pietosamente la ricoprono - riescono a cancellare.

  6. Infine voglio segnalare l’esistenza da più di un mese di una voragine nel manto stradale di via IV Novembre, che si è aperta all’altezza delle abitazioni contrassegnate con i numeri civici 18 e 20, profonda 55 centimetri e larga circa un metro, perché è particolarmente pericolosa sia per i pedoni che per gli automobilisti e i motociclisti, e che andrebbe immediatamente eliminata per evitare eventuali, possibili incidenti.


Si procede poi all’approvazione per alzata di mano dei <Verbali di deliberazione del Consiglio comunale> (Atti 13, 14, 15, 16) della seduta del 27 giugno 2012.

****Per quanto concerne tali Atti, non ho niente da eccepire, essendo la verbalizzazione della riunione del Consiglio comunale del 27 giugno 2012, sostanzialmente fedele - sia nello spirito che nella lettera - alla discussione avvenuta in Aula quel giorno. Per cui, stavolta, esprimerò - senza ulteriori indugi - il mio voto favorevole per la loro approvazione.


Si passa, quindi, alla ratifica dei <Verbali di deliberazione della Giunta comunale> (Atti n. 89 del 19 giugno 2012, e n. 97 del 10 luglio 2012), relativi a “Variazioni del Bilancio dell’esercizio finanziario in corso”.

****<In ordine a tali Atti intendo denunciare l’ossificato “malvezzo” di questa Amministrazione di espropriare deliberatamente - attraverso il ricorso continuo, reiterato e sistematico a tali Variazioni - il Consiglio Comunale di una delle sue competenze primarie, previste dalla lettera “o” dell’art. 9 dello “Statuto del Comune di Ittiri”, mediante l’adozione “in via d’urgenza” di Variazioni al Bilancio, che hanno semplicemente ed unicamente un carattere di normale “ordinarietà”, per poi sottoporle alla sola ratifica del Consiglio comunale nei sessanta giorni successivi, pena la decadenza>. Per cui annuncio sin d’ora il mio voto contrario a tali Atti >.


Legge Regionale 11 Ottobre 1985, n. 23, art. 11, comma 3. Cambiamento destinazione d’uso di parte dell’immobile sito in località Iventi.

****Visto che la legge lo consente, plaudo alla sensibilità e all’iniziativa dell’Assessore all’Edilizia Privata, Peppino Fiori, tesa all’accoglimento - per motivi di equità - della richiesta avanzata dal Sig. Nicola Cannoni, (fittavolo del Signor Baingio Dore, proprietario del terreno), per l’installazione di un deposito di bombole GPL in località “Iventi” - in zona agricola extra urbana, destinata all’allevamento e alla coltivazione dei fondi - che gli consenta di lavorare al meglio, in un periodo difficile quale quello che stiamo vivendo. Per cui mi dichiaro favorevole al cambiamento della destinazione d’uso di detto immobile, anche perché un’analoga decisione in tale direzione è stata adottata a suo tempo in località Montesile nei riguardi della Signora Bastianina Zara. Ragion per cui voterò a favore di questa proposta.


Giampiero “Zampa” Marras

Consigliere comunale di “Sardigna Natzione Indipendentzia” e

Capogruppo Consiliare di “Sinistra Identitaria Sarda pro Ittiri

 

Ittiri, 1° Agosto 2012.

Con tag Prima Pagina

Commenta il post