Ospedale Alivesi : il teatrino della politichetta. Quasi quasi danno le colpe al popolo che non hanno avvisato !

Pubblicato il da Antonio Fadda

Giommaria-Deriu.jpegNon ho idea, non ci è dato sapere, di chi sia stato ad organizzare la riunione del Consiglio Comunale ittirese nel piazzale dell’ Ospedale Alivesi. Non si ha neanche la seppur vaga percezione, o il semplice sospetto, a chi sia stata affidata tutta la regìa, compresa anche la scenografia, tetra e quasi tombale nonostante il rosso dell’ auto-palco, la individuazione della location, e di chi sia stato a curare l’ aspetto pubblicitario, di promozione, di coinvolgimento, di convincimento dell’ unico attore, questa volta non protagonista, di tutta questa messa in scena, quasi un atto unico della cena delle beffe, che è il Popolo di Ittiri. Che poi, in definitiva, è quello che gode maggiormente di tutti i servizi che l’ Ospedale Alivesi riesce, con enormi sacrifici da parte di chi vi opera quotidianamente, a garantirgli. Visto freddamente, da una anonima (mica tanto) finestra dell’ ala storica della struttura ospedaliera, si può affermare che abbiamo assistito ad un comiziaccio, disordinato e disarticolato, forse uno dei peggiori in assoluto tenuto dal Sindaco e da alcuni esponenti della sua giunta e, grave davvero, da qualche spaventato e spaesato consigliere comunale di minoranza (e non era Zampa), su un argomento di vitale importanza, non solo per la assistenza sanitaria carente, che è già una cosa gravissima, ma soprattutto per il rischio che si corre nel perdere, pezzo dopo pezzo e giorno dopo giorno, i livelli occupazionali. Insomma qui si perdono anno dopo anno posti di lavoro ! In tempi migliori i dipendenti raggiungevano il numero di, circa, 150. Oggi sono 50, forse 55 !

g senes g-copia-1 Tutti i personaggi pubblici, ad esclusione di Gianni Senes, componente della commissione provinciale alla sanità; dell’ Assessore Provinciale Giommaria Deriu che ha toccato le corde più sensibili della poca popolazione presente; di Zampa Marras che come sempre ha dimostrato attaccamento ad Ittiri ed alla storica struttura (lui che non è ittirese né tantomeno membro di maggioranza quindi senza poteri decisionali); di Giovannangelo Paddeu, portavoce e responsabile effettivo dello storico Comitato di difesa e di rilancio dell’ Ospedale Alivesi che ha detto una cosa chiara e condivisibile da tutti : “siete - sì è proprio così - da circa 12 anni impegnati nel rimpallarvi i discorsi e le responsabilità.  La sinistra dà le colpe alla destra e viceversa, eppure siete sempre gli stessi sia in regione sia in comune, siete quelli che hanno amministrato la regione e poi l’ avete persa, ma siete sempre lì a dire le stesse parole uguali nel tempo e utili per ogni stagione, ma non decidete mai ! Non siete capaci di assumervi le vostre responsabilità !” Ecco, è questo quello che ci fa vergognare di essere elettori: deleghiamo a rappresentarci i nostri stessi aguzzini !

g marras

Come dicevo tutti gli altri interventi hanno purtroppo fatto pena. Interventi quasi forzati, senza alcuna verve e passione. Interventi di routine, quasi fastidiosamente imputati di essere origine di perdite di tempo prezioso per questi sindaci iperimpegnati e superindaffarati in cose importanti, più impellenti per le comunità che rappresentano ! Come che discutere della sorte della sanità territoriale che stà andando, anzi è quasi già andata, in malora fosse una cosa di second’ ordine !  Ma e il popolo ? Ebbene quel poco che c’èra è stato attento ed ha seguito i discorsi ed i ragionamenti. Come sempre ci si divide : i capi truppe-cammellate della maggioranza, questi sì mobilitati e precettati, dicevano che l’ alto discorso del sindaco era davvero emozionante (falso perché non si sentiva granchè con quel cazzo di amplificazione dispersiva…) e aderentissimo alla realtà. Ma che bravo, dicevano. Questo sì che è un sindaco ! Gli altri a dire il contrario ! In mezzo stava il povero Ospedale ed il Popolo. Quel popolo che non si è voluto coinvolgere nei tempi e nei modi giusti. Nel rispetto e nella gratitudine che gli si deve e che merita visto che è quello che ha espresso, a maggioranza, questa giunta comunale. Molti malignavano sul fatto che, purtroppo, questa assemblea non era una festa e quindi, si sa, se non è una festa questi amministratori non riescono a centrare l’ obiettivo ! Altri sostenevano che, visti i finanziamenti erogati e regalati alle associazioni, queste ultime potevano benissimo essere impiegate per portare, sino alle zone più distanti e remote di questa nostra metropoli, l’ informativa puntuale ed esauriente alla popolazione battendo quartiere per quartiere e bussando casa per casa. Come si è sempre fatto del resto. Niente di tutto questo. Il Signor “so tutto io” aveva già deciso tutto sin dall’ inizio : riequilibrare ed accorciare le distanze dal sindaco di Thiesi (molto più capace, seguito, e ben voluto dalla popolazione); chiamare a raccolta un po’ di politici regionali (Mario Bruno del PD area Soru – il padre legittimo dell’ ospedale di comunità-casa della salute) per sostenere le sue tesi; coinvolgere in questa presunta unitarietà l’ opposizione del consiglio comunale su una proposta, che è poi quella che la destra, per bocca dell’ ex assessore Liori, ha bocciato su tutta la linea, e che è fallimentare e riduttiva per Ittiri e per l’ intero territorio. La faina è riuscito nel suo intento. Su grodde ha colto nel segno, si è pappato tutte le galline del pollaio !
Risultanze ? Provate ad immaginare :

si è fatto tutto questo casino per niente. Infatti le tesi sostenute dal sindaco sono quelle sostenute dalla De Francisci – con qualche piccola differenziazione -  che erano poi quelle sostenute dalla giunta Soru e dall’ assessore Dirindin che le ha partorite, che poi erano quelle sostenute e volute anche da Silvio Lai, il defenestratore di Soru e della Dirindin ed il referente politico dell' attuale maggioranza in comune oggi alleati con una parte consistente della corrente che sostiene Soru a Cagliari e Mario Bruno ad Alghero. Silvio Lai che era sostenuto in questa tesi dall' intera giunta di centro sinistra della sardegna bella. Cioè ridimensionare l’ ospedale di Ittiri  riconvertendolo in Ospedale di Comunità, cosa decisa già quattro anni fa e mai avviati nè lavori, progetti e altro ! Per che cosa hanno manifestato i nostri ? Per appoggiare in pieno la politica dello struzzo : immergere la testa nel fango per non vedere lasciando però scoperto il sedere. Quello degli ittiresi naturalmente !

Forse è davvero giunto il tempo di dare vita al Fronte Unitario per la Difesa ed il Rilancio dell’ Alivesi che veda al suo interno tutti i politici del territorio, a tutti i livelli di diverso colore e tesi ideologica e con diverse responsabilità, per aiutare il direttore generale dell’ ASL Dott. Giannico e l’ Assessore De Francisci a decidere per il meglio a partire, lo ha anche richiamato Paddeu nel suo intervento, dalla politica di decentramento dal centro verso la periferia trasferendo una divisione di eccellenza, per alleggerire il carico e le lunghe liste di attesa, alla struttura ittirese. Dopodichè benvengano gli ospedali di comunità, le divisioni di lungodegenza (che è comunque un business), tutti i poliambulatori del mondo, un efficiente pronto soccorso ecc. ecc. Però decidiamo !

Con tag Prima Pagina

Commenta il post

PD 02/01/2012 12:08

chi ci può informare cosa è successo realmente,in Regione per l'ospedale?

PD 01/16/2012 21:17

Bella gente, povero Ittiri...è,ne mancano dalla lista di Siffu. mi domandavo:ma non strisciano i serpenti, le anguille,ma anche i vermi o sbaglio!

Giancomo Sniffu 01/15/2012 17:48

Se sono ricorsi a Piras per l' interrogazione in consiglio regionale vuol dire che hanno rotto i rapporti con quel grand' uomo di Silvietto-etto-etto Lai ! Questo significa anche che non hanno
rapporti buoni con il gruppone di Boiki altrimenti Mario Bruno, che si appresta a mietere voti ad alghero e quando sarà il momento anche ad Ittiri, sarebbe intervenuto con tutto il suo peso. L'
unico che mantiene buoni rapporti con il Sindèchè (come lo chiama tia Bainza Antonia) è quel commerciante, in tutti i sensi, di Antonio Sau che da buona anguilla politica sguscia bene dalle mani di
Basilio, salta in quelle di Calvia e Mario Frau, scivolando in quelle di Ambrogino er dritto, e poi slinguazza in quelle di Sindèchè che gli garantisce la pappaconilpopopopomodoro ! Non fiata
neanche quella-che-incassa-gettone-a-sbafo, mica fessa la pulzella, che con la scusa della prole va in sede quando viene convocata di urgenza per non far mancare il numero legale. Buon maestro ebbe
!
La signorina Piras tace, soffre e tace, resta sulle sue. Anche lei, come tutte quelle che frequentano altre sezioni, ha l' obbligo all' obbedienza. Il buon Pis..., colui che cammina strisciando, in
attesa di incarico, stà fermo al semaforo e lega il padrone dove dice l' asino ! Il rivoluzionario della ghenga invece, rivoluzionario per colorazione e adesione politica ad un partito
tradizionalmente extraparlamentare, stà zitto zitto e buono buono perchè altrimenti lu Sindèchè non gli dà quello che ha chiesto. Se lo sogna il posto al sole ! E l' ittirese ? Campa compagno che
l' erba cresce ! E chi sarebbe l' ittirese, questo sconosciuto ! Il poppollo ? Le pecore da mungere in campagna elettorale ? Gli asini che applaudono il carnefice ? L' ittirese non esiste, è una
invenzione del blog ! Esistono solo loro. Caro PD riflettiamo per un momento ! Come può fare il Piddèchè, controllato dal Sindèchè, a dire cose senza il vaglio preventivo del Cònàto ?
Uuuuuuurrrrrrrrhhhhhhhhuuuuuuuaaaaaaaaaaaaaaa !!!

PD 01/14/2012 10:20

Mi rattrista l'assenza di posizione del ns PD Ittirese,prima ci si accusava che gestiva una sola famiglia,e ora!.A Thiesi il ns sindaco con chì era seduto vicino (alla sua dx)c'è da piangere perchè
abbiamo avuto fiducia in loro ora ne paghiamo le conseguenze.Troppo tardi invocare G Senes e G Deriu non gli hanno mai voluti interessare di niente, anzi ostacolati e ora cosa si vuole
pretendere.Vi posso dire però che don Tonino si e rivolto al Segr di Sinistra unita a Cagliari(Piras)per fare una interrogazione Consigliare. Perche non la fanno fare a M Bruno o Diana? non si vede
l'ora che tutto finisca così e il C.Destra che a chiuso, cosi ci si presenta alle prossime Regionali puliti e incazzati,ha bombasa dice qualcuno....

Sandrino 01/13/2012 22:12

Voi continuate a scherzarci su. Vi dico che la cosa è seria. Ittiri rischia di essere sorpassato da Thiesi ! Vedrete che lì potenzieranno e quà da noi, grazie o a causa della ignoranza e dell'
impreparazione di quelli che tutti noi sappiamo, diventeremo la ruota di scorta di Thiesi. Bella cosa. Saranno contenti questi pappagalli ! Attenti perchè un domani potrebbero avere bisogno di cure
immediate che non riusciranno a trovare ! E tutto per colpa loro. Bisogna richiamare la gente, i politici di roma, cagliari, sassari. Tutti a raccolta, insieme, per decidere cosa vogliamo. A me
pare che il nostro sindaco sia convinto di aver fatto tutto quello che doveva. Aiutiamolo a capire che ha torto, perchè lui non se ne accorge ! Anzi è dell' idea di avere fatto l' impossibile. Ma
si sa, è limitato. Aiutiamolo a svegliarsi da questo torpore perchè è circondato da cattivi maestri e pessimi consiglieri.

Tanninnu 01/13/2012 22:04

Ma, volete forse darci ad intendere che dopo l' assemblea popolare sulle sorti del nostro povero ospedale su rettore e sos giaganos se ne sono andati bellamente a mangiare in ristorante ? Sappiamo
chi paga in queste occasioni (il solito fessone di turno) ma che cosa c'era da festeggiare di così importante ? Il funerale (magari in fiorino rosso) per l' Alivesi ? La bruttissima figuraccia del
rettore trinaricciuto e del cònato ? PD dicci e dacci le informazioni giuste che ridiamo anche noi tutti insieme appassionatamente !

Pd. 01/13/2012 15:30

Ci dobbiamo rasegnare,si discuteva di quello durante il pranzo. ormai ci ma nca solo il sigillo il resto e fatto da molto tempo,prendiamoci i poliambulatori e zitti, altrimenti nisba,cosa ne pensa
la grande mente ittirese U.D.C....svela i retro scena totoi.

Antonio Fadda 01/13/2012 21:58



Per i rettroscena bisognerebbe rivolgersi ai tre che erano seduti fronte-finestra e che confabulavano a voce bassissima per tutto il pranzo. La Grande Mente farà calare la Grande Mannaia Nera
sugli "sgabelli politici" che nulla stanno producendo per il partito e, il colmo,  neanche per loro stessi ! Le belle notizie potremo leggerle domani mattina in edicola ! 



Marco 01/13/2012 08:48

Ho letto proprio oggi la nota del Direttore Generale di Sassari Giannico che ha già deciso cosa farà a Thiesi. Ora, non per essere campanilistico, ma credete davvero che ad Ittiri faccia un
doppione di quello che stà realizzando a Thiesi ? Possiamo immaginare un' altra decisione uguale impiantando nel nostro ospedale una lungodegenza così come è a Thiesi ? Ma vogliamo prenderci in
giro ? Cosa mai avrà detto il nostro sindachè ? Attenzione, quì le cose sono davvero gravi. Attrecche e sinde riere este !

Sebastiano 01/12/2012 22:19

Gianuario credo abbia centrato l' argomento. Infatti è proprio questo quello che dovrebbero fare i nostri amministratori : creare un pool di tecnici del settore, studiosi, ricercatori, medici e
gente pratica e capace di scrivere ed analizzare bilanci in tema di sanità e metterli a lavorare e studiare, con i sindaci del territorio, le varie possibilità di impiego dell' Ospedale Alivesi !
Dire dal cassone di un' auto quali siano le possibili soluzioni, che poi sono le solite formulette sentite nelle segreterie politiche, e dirsi sinceramente convinto che l' ospedale non chiuderà è
davvero una ciofeca, una cosa che fa vomitare veleno ! Come si può pianificare un utilizzo pieno, mantenendo ed anzi aumentando i livelli occupazionali, di una struttura quale quella di Ittiri
sostenendo tesi raccolte dal sentito dire. Chi è che ha consigliato il Sindaco di mantenere questa posizione ? Ha forse letto uno studio dettagliato sulle esigenze della popolazione, sul tipo delle
malattie e delle patologie più gravi ed estese nel nostro territorio e su questo ha elaborato una proposta ? Niente, credo proprio che non abbia nessun documento in questo senso. Che cosa si
aspetta allora a creare un gruppo di lavoro che dica, una volta per tutte, come e quando e dove e perchè e con che cosa e in quanto tempo, si potrà rilanciare l' ospedale alivesi dando centralità
ad Ittiri e aiutando l' economia locale a risollevarsi con stipendi preziosi che aiuterebbero le attività locali. Non vi pare ?

Gianuario 01/12/2012 22:07

Voi ci scherzate su ma secondo me la situazione non è delle più allegre. Se dobbiamo discutere seriamente facciamolo, altrimenti se vogliamo ridere e scherzare lasciamo stare il discorso sull'
ospedale ! Secondo me è forse meglio se, chi può farlo, riunisca un gruppo di medici e specialisti del settore, economisti o ragionieri che possano affrontare anche l' aspetto economico della
gestione ospedaliera, ed elaborino una proposta di fattibilità sul come dovrà essere utilizzato l' ospedale ! E' necessario affrontare il problema sotto tutti i suoi aspetti. Limitarsi alla sola
proposta senza accompagnarla da una argomentazione credibile non potrà mai avere possibilità di accoglimento. Ad esempio fare una lungodegenza cosa vuol dire ? Cosa comporta in materia di impiego
del personale, come dovrà essere suddiviso, con quali compiti e quali costi e benefici. Non è forse meglio valutare l' opportunità di creare una struttura che sia utile al territorio ? Abbiamo
analizzato quali sono le esigenze del territorio ? Possiamo applicarle quà ad Ittiri ? Ma chi lo deve fare questo lavoro, noi cittadini oppure l' amministrazione comunale votata per decidere,
disporre, organizzare, pianificare, coinvolgere ? Sull' idea, balenata da più parti sulla eventualità che Giannico possa staccarsi dalla sua borsa una divisione o una specialità di sassari e
trasferirla, armi e bagagli, ad Ittiri mi pare non ci sia nulla da obiettare. Ma siamo alle solite: sono stati chiesti preventivamente i pareri a chi ne sà più di noi e del sindaco ? Mi pare di
capire di no. E allora, cosa ci sarà mai da ridere ? Forse è meglio iniziare a piangere ed augurarsi che la salute non ci abbandoni mai, a noi perlomeno.

Torino Onani 01/12/2012 21:54

No ! Non ci stò ! E' troppo facile sparare sempre sul pianista. Che colpa può avere quel povero cristo del capo in testa se è circondato da incapaci ?
Che colpa gli possiamo imputare se tutte quelle organizzazioni alle quali regala i soldi pubblici per fare le festicciole di conbriccola non ci hanno messo tutto l' impegno che invece ci mettono
quando si tratta di sganasciare a sbafo ?
Nò, non va bene addossargli sempre e comunque tutte le colpe ! Lui in fondo è un buono. E' uno che ti guarda ma non ti vede. Ti trapassa con lo aguardo inquisitore e vede oltre. Non è capace di uno
sgarbo o di una furberia. Il suo difetto maggiore è quello di dare retta ad uno. Quello che lo comanda a bacchetta. Che lo sostiene con lo sguardo e con le male parole. Quello che lo consiglia
sempre per il peggio. Quello che lo mette sempre sulla brutta strada. Anche questa volta gli ha dato retta. Ed ha fatto una misera figura ! Poverino ! Lasciatelo in pace, è un buono, bravo,
amicone, comprensivo. E' un....

Giovanna 01/12/2012 21:43

Un fallimento. E' stato davvero un fallimento totale quell' idea del consiglio comunale da fare nel piazzale dell' Alivesi. A che cosa poi ? Per fare passerella ? Per dimostrare che cosa ed a chi ?
Al sindaco di Thiesi che ci ha inculato tutti anticipandoci in tutto e per tutto dimostrando una grande intelligenza e capacità di forte richiamo della sua cittadinanza ? Come mai invece non è
stata organizzata una bella riunione aperta a tutti i politici del nostro territorio che ogni volta vengono e rpendono i voti a piene mani ? Dove era Silvio Lai, che tanto piace ai nostri due
conati, che con la Dirindin faceva il saputello e gradasso ? Dove è quel Licheri di Banari, mi pare un extraparlamentare di sinistra,che sosteneva le tesi di Soru ? Spariti ! Tutti nascosti
(tralasciamo quelli che hanno grane con la giustizia...), spariti dalla vista degli ittiresi. Si è capito che quella pagliacciata era utile solo a dimostrare quanto siano furbi . In questa maglia
larga ci sono cascati come due fessacchiotti Angela Desole e Giacomo Zara (sempre attaccato al telefono). Alle prossime elezioni questi rivincono alla grande perchè sanno come trattare la gente d'
Ittiri : a pesci in faccia !

Nanda 01/12/2012 21:33

Io sono salita sì all' ospedale ma per fare degli esami. E sono di Ittiri ma non ne sapevo proprio nulla perchè nella mia strada non è passato proprio nessuno ad avvisarci ! Comunque a issoso
etottu sevada s' ippidale ! Tanto lo sappiamo cosa fanno questi, niente proprio un bel niente perchè da lì non possono magiarci ! Non possono assumere nessuno, ancora. Ci possono riuscire con l'
ospedale di comunità o con la lungodegenza che piace tantissimo al sindechè ? E' stato un fallimento totale perchè la gente non è stata avvisata in tempo. Bello così ad amministrare !

PD. 01/12/2012 16:39

Abbiamo festeggiato da Malduca, tutti assieme chiedilo a Pisanello che cosa è successo dopo.

Antonio Fadda 01/12/2012 21:26



Ho saputo. Mi è stata fatta una telefonata in diretta, da uno del gruppo dei magnoni, infatti sentivo tutto quello che si diceva; i risolini, le battute e tutti gli sfottò. Tralascio gli
argomenti ed i commenti piccanti che mi riserverò di rendere pubblici al momento opportuno, tanto per ridere un pò anche noi. Sul dopo purtroppo non so quasi nulla. Quasi.