Paolo Manca: Ipotesi di Lavoro e rilancio della Sanità

Pubblicato il da Antonio Fadda

«Un piano strategico annuale

per rilanciare l'ospedale di Sassari»


Il commissario dell'Asl ha incontrato capi dipartimento e primari del "SS. Annunziata" e ha ipotizzato un nuovo scenario per la sanità sassarese.


SASSARI 19 novembre 2009 – «L'ospedale "SS. Annunziata" di Sassari potrebbe ritornare a far parte di un unico grande presidio ospedaliero assieme alle strutture che adesso sono dell'Azienda ospedaliero universitaria. A questo presidio si aggiungerebbe anche l'ospedale civile di Alghero per formare così un'unica azienda ospedaliera».
«L'ospedale di Ozieri invece potrebbe collocarsi all'interno dell'Azienda del territorio, anche perché questa sarebbe la volontà politica di quel territorio».
È questo lo scenario che potrebbe interessare la sanità della provincia di Sassari nei prossimi mesi e che il commissario dell'Asl di Sassari, Paolo Manca, nella tarda mattinata di oggi ha prospettato ai capi dipartimento e ai primari dell'ospedale di Viale Italia. Tutti riuniti al settimo piano per un primo incontro ufficiale e i saluti dei nuovi vertici aziendali.

Un appuntamento voluto da Paolo Manca, con l'obiettivo dichiarato di avvicinare la direzione strategica dell'Asl di Sassari ai dirigenti medici dell'ospedale cittadino.

Lo scorporo degli ospedali, la creazione di due nuove Aziende e il progetto di una Macroarea saranno gli obiettivi che il commissario Asl dovrà raggiungere nei suoi sei mesi di incarico. La certezza dei suoi compiti tuttavia si avrà con la delibera di nomina del commissario dell'Aou di Sassari, all'interno della quale saranno indicati più nel dettaglio i compiti dei commissari sassaresi. «Le aziende che verranno fuori da questa azione – ha spiegato Manca – non dovranno più occuparsi della parte gestionale amministrativa, delle gare d'appalto, della gestione personale e farmaci: tutto questo infatti lo fornirà la Macroarea di Sassari. Questa si aggiunge alle altre due che la Regione avrebbe intenzione di creare, cioè a Nuoro e a Cagliari».
«Le Aziende quindi – ha proseguito – saranno alleggerite da queste funzioni e gli ospedali potranno concentrarsi sui reparti, la loro organizzazione e loro necessità».

Il commissario quindi ha illustrato in breve quali saranno le priorità che affronterà in questi mesi, assieme al direttore amministrativo e al direttore sanitario, rispettivamente Angela Cavazzuti e Francesco Lubinu,
Un'azione che sarà quantomeno diretta al contenimento dello sbilancio di esercizio. «L'Azienda nel 2008 ha avuto una perdita di 20,5 milioni di euro – ha riferito Manca – e il preconsuntivo di quest'anno ci mostra una perdita presumibile di 34,2 milioni di euro. Il mio compito sarà anche quello di cercare di contenere le perdite di bilancio oltre che di ridurle con il contenimento e la razionalizzazione della spesa».
Un'operazione non facile, come ha sottolineato lo stesso commissario, che potrebbe partire da una razionalizzazione dell'attività, da una migliore organizzazione delle strutture dipartimentali e dalla riorganizzazione del personale.

«Stiamo realizzando un piano strategico annuale in cui valuteremo le esigenze dell'Azienda – ha ripreso – cercheremo di sanare le parti "dolenti", di realizzare specifiche azioni per vari reparti, tra i quali le Medicine, il Pronto soccorso e l'Ortopedia. L'handicap del personale medico potremo colmarlo da gennaio prossimo, mentre per il personale infermieristico a breve potremo avere 15 unità in più».

Il commissario si è quindi soffermato sulle apparecchiature in dotazione all'ospedale. «Alcune sono ormai obsolete – ha detto – tra questa una Tac e alcuni ecografi. Per questo ho avviato ad esempio l'acquisto di una moderna strumentazione Tac. Ci verranno incontro anche dalla Regione – ha ricordato – per l'acquisto di altre attrezzature, per le sale operatorie e per le dotazioni dei reparti».

(Fonte: sito ASL 1 - Sassari)

 

Commenta il post

Tonino 12/23/2011 10:54

Carissimi lettori del Blog di Antonio, ieri sera la prima notizia del tg di Antenna 1 era la seguente: Sorso avra' la sua casa della salute con un reparto di degenza con 60 posti letto; ne andavano
fieri il Sindaco dott. Morghen e l'onorevole Antonello Peru, il loro rappresentante in regione.
La struttura che sorgera' all'interno del centro abitato nelle vicinanze di un area verde, sara il fiore all'occhiello della sanita' in Romangia, interamente finanziata dalla regione Sardegna.
Il sindaco nell'intervista dichiara che l'opera verra' consegnata entro il 2015, non ha detto da chi verra' gestita, asl o privati, comunque ha detto che dara' parecchi posti di lavoro a tutta la
zona.
Ora dico, ben vengano queste strutture, ma la regione non deve chiuderne altre tipo l'ospedale Alivesi, che ha una sua storia, non riesco a capire in un periodo di crisi come questo con la gente
appesa ai campanili si riescano a trovare finanziamenti del genere.
Penso che la Mancanza in regione di un rappresentante Ittirese sia la cosa piu' grave, uno che faccia sentire la propria voce che difenda il territorio come fa' l'onorevole Peru.
A Ittiri quando ci sono le elezioni Regionali ci si scanna tra candidati dei vari colori con il risultato che non viene eletto nessuno, e in regione si dimenticano di noi....
Ma Ittiri esiste?
Dove si trova.... uno che sale da cagliari non trova neanche il bivio, Legge Thiesi, Alghero, Bessude, Bono, Cheremule... Proprio all'anas non andiamo giu' bisogna proseguire verso Sassari per
trovare il primo cartello.
Comunque ci consoliamo con carciofolio, narami e Prendas ... Almeno li siamo forti ....
Buon Natale A tutti