Piattaforma Pastori Sardi: Il coraggio di dire la verità.

Pubblicato il da Antonio Fadda

Andrea-Prato.jpg

 

Un caro saluto a te Antonio, che amministri ottimamente questo spazio, e a tutti i naviganti che sono ovviamente interessati ai problemi che sta vivendo il nostro vitale comparto. Ho seguito con piacere molte delle vostre discussioni, soprattutto quelle che riguardano il mio Assessorato, e mi rendo disponibile a fornire le risposte ai quesiti e dubbi che vorrete pormi sugli argomenti di nostra competenza. A presto
Andrea Prato

 

====================================================================================

 

 

Totoi-Fadda-Telefono.JPG

 

Ringrazio l' Assessore Prato per l' apprezzamento che ha espresso su questo povero e modesto blog.

Un apprezzamento, che ci lusinga certamente, e che pone in risalto la sua grande umiltà   che sottolinea, se mai ce ne fosse bisogno avendolo dimostrato ampiamente in questi mesi di duro confronto con i nostri Pastori Sardi, la sua grande intelligenza  nonchè persona totalmente, fortunatamente, priva di superbia che non si ritiene migliore o più importante di tutti noi cittadini della Regione Sarda.

Alcune cose devo dirle, come è mio solito, per onore ed amore di verità.

Andrea Prato, rispetto ad altri suoi illustri colleghi e predecessori, è un Assessore che non ha avuto alcun  timore di confrontarsi, quasi quotidianamente, sui network quale facebook  e sulla stampa, a costo di subire attacchi duri  "alla sarda" da parte di tantissimi addetti ai lavori, per i quali ha avuto sempre una buona parola ed un invito al continuo confronto, un costante invito alla valutazione delle varie istanze messe in campo e conseguentemente un invito a decidere in modo unitario le loro stesse sorti mettendosi, egli stesso, completamente a disposizione della categoria.

Caso forse unico, nella nostra amata Isola saccheggiata da tutti e da troppo tempo, la sua presa di posizione nel suo discorso al Consiglio Regionale, che ha visto un Assessore schierarsi apertamente a favore dei propri amministrati ed a favore di una categoria produttiva che è l' ossatura della economia Sarda.

Mentre in altri periodi storici assistevamo alla "tecnica della divisione" degli strati sociali, oggi,  in questi ultimi mesi, abbiamo potuto constatare della applicazione di una nuova politica che fondava la sua radice sul richiamo costante alla Unitarietà delle maestranze in campo per raggiungere e centrare in pieno l' obiettivo.

Non solo, proprio nel mese in cui la nostra nazione va in "letargo", quello di agosto, Andrea Prato è stato sempre in prima linea elaborando tesi, proposte, atti amministrativi e deliberazioni che andavano nelle direzioni giuste per alleggerire il sacrificio dei nostri Allevatori ed alle quali abbiamo dato ampio spazio  informativo.

Ecco, è proprio questo quello che vorrremmo fare bene: dare una costante informazione, il più possibile esatta, aldisopra delle parti, non inficiata da tessere o da spirito di appartenenza a questa o a quella corrente di pensiero o partito o chissà cosa altro.

Non è facile ma, come sempre, ci proveremo, nel nostro piccolo ed insignificante spazio, che certamente va controccorrente e che per formazione culturale si è sempre schierato con la parte più debole ed esposta alle intemperie che la vita riserva alla nostra variegata società.

Invito i nostri naviganti a rileggersi bene, prestando attenzione alle parole scritte ed al loro significato, il testo del discorso di Prato al Consiglio Regionale del 13 settembre 2010.

Vi renderete conto che la sua posizione in tema di rivendicazione dei Pastori Sardi, a qualsiasi associazione essi appartengano, è totalmente dalla parte dei Sardi e della sua economia portante. Aggiungendovi qualcosa di suo, di originale: l' innovazione del settore. Ecco dunque che si può parlare di Agricoltura Sociale, di Fattorie Sociali, di Orto Sociale e di quanto altro sia portatore di ricchezza e sviluppo del nostro settore tradizionale: l' Agricoltura e la Pastorizia !

Ed è proprio per questo motivo, sommato ad altri di carattere presenzialista, che probabilmente ( ci stanno provando in tutti i modi) lo "faranno fuori"  dalla poltrona dell' Assessorato alla Agricoltura.

Con la sua sostituzione, nel pieno rispetto dellla dirittura morale e intellettuale del suo eventuale successore, alcuni obiettivi già sin d' ora delineati cadranno nel dimenticatoio. Ma sono cose che i Sardi hanno già visto.

 

 

Con tag Prima Pagina

Commenta il post

andrea 10/05/2010 21:04


credo che le ragioni degli allevatori e delle associazioni siano sacrosante, ma bisogna communque iniziare a dare un nuovo indirizzo alla questoine prezzo-latte che potrebbe essere quello di una
diversificazione sfruttando la nicchia del prodotto dop, per cui meno produzione ma anche prezzo più alto per quel che riguarda i derivati. penso che affidarsi solo al prezzo deciso dagli
industriali e dai politici sia sempre di più ridutivo per via anche della crisi del settore e di quella generale.
lasciatemi dire una cosa che è anche un
consiglio cercate di essere tra allevatori il più d'accordo possibile, perciò forza paris.


Alberto 09/27/2010 08:50


Che ci sia il tentativo e la grande voglia di far fuori Prato lo si sente nell' aria e negli ambienti delle segreterie politiche ed in qualche ovile organizzato. Si legge anche sulla nuova
sardegna. Proprio ieri un certo Sig. Casu (fratzigu, casizolu, cas..inista a telecomando)chiedeva per l' ennesima volta, accodandosi agli sfascisti dell' agricoltura, le dimissioni da assessore e
sottolineando il fatto che l' asinello presentato dal movimento pastori alla manifestzazione di Cagliari, ne sapesse più di lui. Non entro nel merito su quale fine abbiano fatto fare alla povera e
tenera bestiolina. Mi preme invece sottolineare che è alquanto sospetta l' adesione di tantissimi cittadini, notoriamente schierati a sinistra della sinistra, alla politica adottata dal centro
destra in questo periodo e cioè la richiesta di "fare spazio" in giunta mandando a quel paese gli assessori tecnici. Ed è ancora più sospetta la in differenza del PDL sardo a questo attacco contro
un assessore che, rispetto ai tanti che lo hanno preceduto, ha fatto tanto per la Sardegna e per la nostra categoria. Io, è chiaro, sto dalla parte di Prato.
Gli altri sfascino pure così alle prossime elezioni potremo contarci davvero.


Alessandro - Samassi 09/24/2010 08:34


Potremo mai vedere la progettazione e la costruzione nella nostra regione dei centri di stoccaggio per bonificare e refrigerare il nostro latte, dimodochè possiamo essere liberati dall' attuale
monopolio (i rumenothiesini insegnano...) che decidono ed impongono le loro condizioni e i prezzi che piacciono a loro ?
Verrà applicata la continuità territoriale per abbattere i costi di trasporto oggi troppo alti ?
Io ho fiducia in Prato. E credo che il presidente Cappellacci abbia capito da che parte stare.


Alessio - NU 09/23/2010 07:58


Quali sono i punti della piattaforma del Mov Pastori Sardi che sono stati accolti e quali invece no ?
E le motivazioni del non accoglimento ?
Grazie


Serefino 09/22/2010 10:21


Visto che ci è data questa possibilità dal blog per poter dialogare con l' Assessore Prato vorrei sapere:
- quali sono state le decisioni e le determinazioni prese in sede di discussione con il Ministro a favore della nostra categoria ?
- Sul prezzo del latte: si potrà sperare in futuro una sua valorizzazione con prezzi adeguati al sacrificio ?
- quali sono le proposte che sono state accolte della piattaforma del Movimento Pastori Sardi ?
- Come sarà il nostro futuro nella nostra qualità di piccoli allevatori. Siamo destinati a scomparire e ad andare ad elemosinare un posto di lavoro in fabbrica come ci è già accaduto negli anni '50
e '60 ?
Grazie