Povero Alivesi, farà una fine che non merita a causa di politici poco accorti che giocano con la salute dei propri cittadini. Adesso fanno finta anche di indignarsi !

Pubblicato il da Ittiri Notte

Il Colonnello AlivesiAbbiamo sempre sostenuto, in tempi non sospetti e richiamando continuamente l' attenzione degli amministratori e della popolazione (completamente sorda e soggiogata), che la struttura ospedaliera di Ittiri dovesse essere non ridimensionata, come purtroppo è accaduto in questi ultimi venti anni, ma che invece avesse necessità di un ruolo di primo piano nell' ambito dei servizi della nostra ASL. Un ruolo che potesse garantire, a tutti gli utenti che si rivolgono         all' Ospedale, l' erogazione di servizi eccellenti, puntuali e di qualità. E' questo che sosteniamo da tempo, naturalmente inascoltati dai cosiddetti soloni di turno che tutto sanno, tromboneggiando continuamente a vanvera e nulla capiscono o, che è ancora peggio, non vogliono capire per le solite e vergognose “logiche di partito”. Logiche che sono state le uniche mani assassine della sanità ittirese. Lo abbiamo sempre detto, in tutte le lingue, lo ha ribadito anche il consigliere di minoranza Giacomo Zara con i suoi numerosi interventi sulla stampa e attraverso questo blog informativo, che l' Ospedale ha necessità di urgenti cure, prima che accadano fatti ancora più gravi, partendo proprio dalle strutture murarie senza trascurare la necessità impellente della sua totale messa in sicurezza. E' chiaro che l'ultima decisione assunta dalla dirigenza ASL riguardante la chiusura del Servizio di Continuità Assistenziale Diurna ( che viene chiamata erroneamente, chissà perché, Guardia Diurna ) contribuisce ancora di più a determinare un pericoloso ridimensionamento ulteriore del nostro storico ospedale, e questo non è possibile che possa essere permesso. Troppe volte e per troppi anni questa struttura è stata svuotata delle alte specialità presenti, privandolo nel corso degli anni di personale professionalmente adeguato e ben formato, privandolo di attrezzature e di servizi che man mano sono stati letteralmente smantellati e trasferiti altrove con la scusa che alcuni reparti e servizi non “rendevano abbastanza”. Tutto questo accadeva sotto gli occhi dei politici che, alcuni dei quali saranno martedì in piazza a ragliare, si sono resi complici con il loro silenzio assenso. Anzichè combattere contro le decisioni dei vari Direttori Generali della asl si sono concentrati sul ridimensionamento del Comitato Pro Ospedale e sulla sua censura continua.

 


Proposta Operativa e di Prospettiva.

 

Credo sia necessario ed utile a tutto il territorio che ruota attorno a questa struttura rilanciare e potenziare invece questo servizio integrandolo con tutte quelle attività di tipo infermieristico che nella sanità moderna rappresentano i nodi strategici di tutto quel variegato sistema che fa funzionare al meglio l' erogazione delle cure primarie alla Popolazione. Un Servizio di Continuità Assistenziale Diurna che possa diventare non solo luogo di prestazioni e cura di primo intervento, ma che assolva anche ad una funzione di monitoraggio di tutti quei fattori di rischio a cui è esposta la nostra popolazione. Un Servizio che sia in grado di gestire soggetti con patologie particolarmente degenerative. Un Servizio integrato da attività di tipo infermieristico che può sviluppare quelle percezioni anticipate dei problemi che possono garantire e pianificare le azioni opportune per tempo. Il Servizio di Continuità Assistenziale dovrà e potrà diventare un efficiente ambulatorio di tipo infermieristico che dovrà prendere in carico la persona attraverso una valutazione del bisogno.Ma che cosa sono e come funzionano gli Ambulatori Infermieristici ? Essi, intanto, assolvono ad una funzione sanitaria di primo piano in ambito comunitario in un' ottica di multidisciplinarietà; si integrano nei e con i processi distrettuali e, qualora i bisogni dell' assistito richiedono una forte integrazione sociosanitaria, prevedono l' utilizzo di metodi utili a delle valutazioni approfondite contribuendo alla stesura dei Piani Assistenziali Individuali (e ad Ittiri e nell' intero territorio purtroppo vi è grande necessità). Per Ambulatorio Infermieristico si deve intendere la struttura, collocata anche in ambito ospedaliero, preposta alla erogazione di cure infermieristiche organizzate e gestite direttamente da personale infermieristico, per quei pazienti che non richiedano ricovero . Il modello            dell' Ambulatorio Infermieristico risponde benissimo alle seguenti esigenze :

- migliorare l' accessibilità e la fruibilità da parte dei cittadini dei servizi sanitari e delle prestazioni di assistenza sanitaria primaria, anche in stretta collaborazione funzionale con il Punto Unico di Accesso Sociosanitario (PUA);

- costituire una cerniera tra i servizi ospedalieri, territoriali, (di assistenza domiciliare, specialistica ambulatoriale e Medici di Medicina Generale ecc.) al fine di assicurare la Continuità Assistenziale;

- garantire risposte appropriate ai bisogni di assistenza infermieristica della popolazione attraverso l' uso di metodologie e strumenti di pianificazione per obiettivi e la definizione di percorsi assistenziali integrati;

- promuovere nelle persone i processi di autocura, anche al fine di realizzare una partecipazione attiva e consapevole alle scelte di natura assistenziale;

- promuovere l' attività di prevenzione ed educazione alla salute.

 


Su queste basi si dovrebbero avviare tutti i ragionamenti e le discussioni con la dirigenza ASL. Il Servizio di Continuità Assistenziale Diurno così come è oggi è, duole dirlo, fallimentare perché troppo costoso, inutile ed indifendibile. Ricordiamoci che la sua istituzione fu utile e funzionale ai politici del tempo che, dopo aver contribuito al ridimensionamento della struttura permettendo la chiusura definitiva, ( senza che nessuno degli attori principali muovesse un dito in loro difesa…) della Chirugia, della Medicina, della Sala Operatoria, del Laboratorio Analisi, della Anestesia e Rianimazione accettarono, per tappare gli occhi al Popolo Bue ed incolto, questa soluzione fallimentare. Che altro dire ?

Svegliamoci il sonno !

Con tag Prima Pagina

Commenta il post