"Sei di Ittiri se..." da una idea di Sandro Piras e Donna Franca il mondo giovanile ittirese dà fondo alle citazioni ed ai modi di dire che caratterizzavano l' ittirese. Tra Cultura e Costume.

Pubblicato il da Ittiri Notte

chiesa san pietro La vitalità di una comunità si misura dalla grande capacità di sorridere dei propri difetti, tic compresi quel "certo non so chè" che differenzia noi ittiresi dal resto del mondo.

Questa caratteristica particolare aiuta gli altri, i forestieri, ad inquadrarti ed a capire quale sia il carattere giocherellone, autocritico e a tratti sarcastico, a volte severo, degli ittiriesi.

Questa vitalità giovanile, fantasiosa, della voglia di prendersi in giro e di fare un salto all' indietro ricordando del " come eravamo", quali fossero le nostre battute, il nostro mondo innocente di socializzare e i nostri "canali di informazione" per la comunicazione tra coetanei.

E' dunque scoppiato anche da noi il fenomeno del " Sei di Ittiri se..." che altro non è che un nuovo modo di raccontare, e soprattutto raccontarsi, ricorrendo così come ha ben specificato l' ideatore del gruppo a "Frasi, modi di dire, costumi, personaggi, ricordi della vita ittirese". 

Impazza dunque su facebook la corsa dei nostri giovani a raccontare la propria esperienza, il proprio vissuto, a scrivere e raccontare quello che la memoria della propria infanzia e della propria esperienza di vita ricorda. Si citano personaggi caratteristici che, con la scusa della loro sregolatezza, fungevano da coscenza dell' ittirese medio-borghese al quale ricordavano, quasi come a specchiarsi, le proprie debolezze, vizi, virtù, difetti, tic e quanto altro.

E' un fenomeno da valutare in modo positivo e che la dice lunga sulla intelligenza e sulla capacità dei nostri giovani di "entrare in maglia" come si diceva negli anni settanta. Mettersi cioè in discussione e ridere delle proprie manchevolezze o limitazioni.

Ridere di se stessi sdrammattizzando ma correggendo il tiro su eventuali errori.


Elenchiamo alcune citazioni che man mano vengono pubblicate nel Gruppo che conta, al momento della scrittura di questo articolo, di ben 468 membri e che pare destinato ad aumentare nei prossimi giorni.

 

Margherita Fadda

Se......

..fra trese e battoro santu mauriziu sè pronta !

 

Giusy Fiori

...Se sei andato al palapippero almeno una volta, e ti sese fattu a unu ganzu. .

 

Donna Franca

...Bae da Tia Giuannina a leare su pane.

 

Paola Cau

...intrea che fae de malu cottu!

 

Sandro Piras

...se ajo' a piscialoru!

 

Paola Cau

...se hai fatto le agrarie!

 


Totoi Fadda

Se... una volta dismessa Sa Munnedda, verso la fine degli anni '60 :
" mìllamì, bestida a sennora !"


Sandro Piras

...Bae Laldajolu!


Totoi Fadda

Se...non hai mangiato almeno una volta nella vita :
" s' ardu piscia, piscia !"

 

Totoi Fadda

Se...la nipote burlona esclamava dopo il funerale del Nonno :
" itte risu, pianghende cando è mortu Nonnu Idda !"


Giusy Fiori

...Se Ettore ti ha detto almeno una volta: - La banana tua! -

 

Makanzoo Daniele

 ...Porka banana

 

Makanzoo Daniele

Se..
A caddu toccadu sedda li pitighada

 

Totoi Fadda

Se...un amico cercava di riconciliarsi con la ragazza mentre andava a trovarla esclamava :
" si tòrro nò tòrro, si nò tòrro, tòrro !"


Sandro Piras

...Ettore ..e la valle della Luna

 

Isabella Torturu

...Ti incontravi in una contonada ..



Isabella Torturu

...Se facevi mille volte piga e fala al corso

 

 

Patrizia Pisanu

...se

il martedì mattina vai al mercatino in via Roma e piazza Umberto e continui a chiamarlo Piazza Tola...


Totoi Fadda

Se...quando a qualcuno scappava la classica "puzzetta" :
" eittè ? Romadiadu sese !"


Sandro Piras

...Se ancora chiami il campo nuovo il campo sportivo..

 

Sandro Piras

Se vedevi Gigamme' al corso cottu che santu lazzaru


Sandro Piras

...Se almeno una volta hai sentito Nenaldu Braghetta dire "tromba Giuannamari!"

 

Paola Caue Diango dire "uccia bellabella!

 

 

Giuseppe Masia

...Se dici "mezzano" per intendere di scarsa qualità

 

Paola Cau

...e coccoleddu!

 

Paola Cau

...a sa teula nei matrimoni era sempre invitato....................

 

Sandro Piras

...Se " intrande chi bè su babbu e sù sole!"


Giusy Fiori

Se da piccola mangiavo il pabanzolu...


Totoi Fadda

Se....ai tuoi nipotini racconti la solita storiella sfasciapalle che ti raccontava tuo nonno :
" Custu è su porcu, custu l' ha mortu, custu l'hat usciadu, custu si l'ha mandigadu e...
a Pricchiccheddu non nde l'ha restadu !""

 

Sandro Piras

Se ... "cooooro me'!"

 

Paola Cau

..-mia nonna quando giurava diceva:

"chi t'indan zega"

 


Sandro Piras

...Se ascoltavi radio duemila

 

Paola Cau

...e poi radio ALI e radio ITTIRI.

 

Totoi Fadda

Se un amico si fidanza con la persona sbagliata :
" Arrè, già si l'ho sà carradoso sò contonese !"

 

Antonella Canu

...Si andasa a ti ivagare, unu giru a su corso.

 

Totoi Fadda

Se i cosiddetti "Paracuas Irdes" vanno a Tattari per :
" Bà, a cambiare s' abba a s' olia !"


Queste sono solo alcune citazioni apaprse su facebook ma se ne possono leggere di tutti i colori. Sui temi del divertimento, sui drammi, sui personaggi, sui modi di dire, sulla moda, in famiglia, sugli improperi, sulle maledizioni, sulle maldicenze.

Insomma si trova uno spaccato reale di quello che era ed è Ittiri.

Ottima idea, complimenti ai creatori del gruppo che, volendo, possono dare un senso più profondo a questa iniziativa e un domani, perchè nò, pubblicare tutti i detti ed i modi di dire degli ittiresi.


Con tag Prima Pagina

Commenta il post

gangio 03/13/2014 20:50


C'è il sito Ammentos de Ittiri di un bravo ragazzo che ho visto l'articolo sulla nuova Sardegna. Perché non ne parla ? 

Ittiri Notte 03/15/2014 16:18



Ammentos de Ittiri è una delle più illuminanti idee che si siano potute realizzare in un network globale quale quello di internet. Ha avuto il merito di ricostruire, attraverso la raccola delle
foto storiche ed inedite fornite dai cittadini ittiresi, la sua storia; illustrare quali erano gli usi ed i costuni di Ittiri; la sua cultura, le sue feste e la sua religiosità.


L' idea di dedicargli un articolo non è cattiva. Ci metteremo sibito al lavoro cercando di soddisfare la richiesta dell' amico Gancio.