Zampa Marras interpella il Sindaco Orani sul Servizio di Igiene Ambientale.

Pubblicato il da Antonio Fadda

zampa

 

Nella giornata del 7 febbraio 2011 il Consigliere di "Sardigna Natzione Indipendèntzia" e capogruppo consiliare diell' Opposizione Indipendetista, Ambientalista e Antagonista della "Sinistra Identitaria pro Ittiri", Gianpiero Zampa Marras ha presentato una interpellanza al Sindaco Orani. Questo il testo:

Interpellanza urgente, ai sensi e per gli effetti del 2° comma dell' art. 14 dello Statuto comunale, da sottoporre alla discussione del Consiglio, in ordine ai Licenziamenti prospettati nel settore del pulimento urbano, dal Consorzio Formula Ambiente e Medigas per riduzione del personale e dichiarazione di mobilità, in deroga alle leggi n. 223/91 e n. 2/2009.

"Il sottoscritto, vivamente preoccupato per la sorte di quattro lavoratori operanti nel servizio di igiene ambientale e per il futuro delle loro famiglie, nella sua veste di capogruppo consiliare della "Sinistra Identitaria pro Ittiri"- nell' ambito della quale è stato eletto a tale carica con circa 600 voti, pari a quasi l' 11% dei votanti - chiede di sapere, data la gravità del problema e stante la pesante crisi economica che la Sardegna sta attraversando, che cosa Ella, Signor Sindaco! intenda fare, per impedire che il consorzio in epugrafe avvii in modo unilaterale le minacciate procedure di licenziamento e mobilità di otto lavoratori del settore, di cui - oltre ai quattro di Ittiri - vi sono anche due villanovesi e due uresi.

Allo stesso tempo lo scrivente vorrebbe sapere da Ella quanto appresso specificato:

1) come mai sono state assunte 24 unità lavorative, se per svolgere tale servizio, il contratto d' appalto stipulato con la Medigas prevedeva - e prevede - che, nei tre comuni del consorzio, dovessero essere solo 19 ?

2) come mai si è arrivati ad incrementare la pianta organica di ulteriori cinque unità operative, tutte del comune di Ittiri ? E con quale Atto amministrativo - che si suppone sia stato supportato da un nuovo stanziamento economico, di cui non si conosce l' ammontare - si è deciso di procedere in tal senso ?

3) come mai il consorzio in epigrafe intende procedere alla riduzione del personale, in aperto e totale dispregio delle disposizioni contrattuali, che comunque vanno rispettate ? E quali sono le motivazioni e le ragioni di fondo che stanno alla base di tale assurda decisione ?

A questo punto apapre evidente che se effettivamente dovesse esserci la necessità di ridurre il personale, tale riduzione dovrà riguardare unicamente quei lavoratori che sono stati assunti, in seguito alla stipula del contratto con la Medigas

Sia ben chiaro, quindi, che - per nessuna ragione al mondo - dovranno essere lesi i diritti dei 19 dipendenti ( e dunque dei nove operai ittiresi ) che nel caso concreto sono ormai parte integrante e immodificabile del su citato contratto. E qualora lo stesso non venisse rispettato dal consorzio Formula Ambiente e Medigas - che per cinque anni ha usufruito di un cospiquo finanziamento regionale a fondo perduto - tale inadempienza contrattuale dovrà portare : o a una riduzione del canone annuo o a una rescissione del contratto."

Conclude l' interpellante invitando il Sindaco a reagire e farsi promotore, in tutte le sedi opportune, di una opposizione ferma contro questo ricatto dei licenziamenti.

Con tag Prima Pagina

Commenta il post