Zampa Marras Risponde all' Assessore Antonio Sau sui Parcheggi di Piazza Umberto.

Pubblicato il da Totoi Fadda

 g marras

 

  ZAMPA MARRAS RISPONDE A SAU

SU:

“COSI’ LA PENSA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE.

L’ASSESSORE SAU CHIARISCE IL PENSIERO SUI PARCHEGGI DI PIAZZA UMBERTO …..

LA VERITA’……………..”:

 

Con questo encomiabile titolo l’Assessore Sau (Bilancio) esordisce per chiarIre e giustificare l’intervento sui tanto contestati parcheggi sotterranei di Piazza Umberto.

Innanzi tutto prendo atto, e comunque mi complimento con l’Assessore, per la sensibilità personale dimostrata e sicuramente la Sua buona fede, verso questo ed altri problemi e lo ringrazio per essersi comunque presentato in piazza ad affrontare la gente preoccupata, convenuta per manifestare il proprio disaccordo e difesa sull’idea di deturpare Piazza Umberto con ascensori e rampe automobilistiche e bagni pubblici, a differenza dei suoi colleghi di maggioranza, che non hanno avuto lo stesso coraggio e coerenza, in primis il Sindaco e l’Assessore all’Edilizia, Peppino Fiori, totalmente assenti.

Quest’ultimo che soltanto ultimamente ha dato pubblico segno di esistenza amministrativa, esprimendosi a mezzo stampa, anche se non per un intervento di crescita, ma per giustificare una demolizione, di cui attribuirne la colpa a <piccioni, zanzare e cittadini infastiditi>, e non a una pessima scelta di “riqualificazione urbana”, suggerita ed attuata da Amministratori dalle idee brillanti che l’hanno preceduto (giunta Fiori e Tilocca). Mi riferisco all’abbattimento della ‘fontana pubblica’ davanti al Comune costata soldi pubblici, un concorso di idee ed anni di cantiere per la realizzazione.

LA MANCANZA DI EDUCAZIONE

Contesto Inoltre l’atteggiamento, quanto meno ineducato, tenuto dai consiglieri di maggioranza, ed in particolare dal Sindaco ed Assessore alla “Cultura” Gianni Simula, durante il dibattito in Consiglio comunale, i quali piuttosto che dare spiegazioni e giustificazioni sulla qualità della scelta di realizzazione nella Piazza Umberto un “parcheggio sotterraneo” con gabinetti annessi, si sono ampiamente impegnati, come spesso accade nei confronti di chi in Consiglio esprime pareri di dissenso verso il loro operato, ad offendermi nella dignità e nella persona, offrendo un’immagine indecorosa e diseducativa al pubblico presente, alla faccia dell’immagine di legalità e democrazia che un amministratore deve trasmettere, esercitando in tale modo una forma metodica e sistematica di <terrorismo intimidatorio>, fatto non di armi, ma di colpi di maleducazione, verso chi come me esercita la propria funzione democratica di Consigliere comunale. Preannuncio fin o’ora che anche io, come già fatto dal consigliere Giacomo Zara, presenterò le mie rimostranze al Prefetto per un richiamo al vivere civile ed al rispetto .

Io in quel momento stavo educatamente e civilmente facendo il mio sacrosanto dovere e avevo diritto a chiedere chiarimenti che, se giusti, avrei anche potuto condividere, perché non parto mai con preconcetti, quando affronto un dialogo ascolto l’interlocutore con attenzione e valuto; mentre invece sono stato solo oggetto di offese alla persona, in particolare dall’Assessore alla Cultura che pur di impedirmi di parlare cercava - anche se inutilmente - di coprire la mia voce fra l’altro deridendomi e dandomi, dall’alto della sua cultura…… dell’ignorante e quant’altro, mentre nel frattempo, il Sindaco ed il Segretario comunale, altrettanto “educatamente”, si intrattenevano in chiacchiere ad alta voce dando le spalle a tutto il Consiglio. VERGOGNA!!!

Come possiamo pretendere dai giovani e dagli altri cittadini, a cui dovremo dare buon esempio, comportamenti civili per strada, in famiglia o a scuola, quando si danno simili esempi di “legalità” ed educazione, se poi, come già ricordato in altra circostanza meditiamo sul fatto che Ittiri è stato nominato nel 2000, comune capofila in Italia per la LEGALITA’,…….mbhe!, povera Ittiri.

LA PIAZZA UMBERTO

Ritornando all’argomento piazza Umberto, l’assessore Sau condivide l’intervento giustificandolo semplicemente dalla volontà di “..farla bella tutta in trachite “, come se bastasse un rivestimento in pietra per renderla bella, un cesso anche se d’oro …. , caro Assessore, sempre cesso rimane.

Nell’intervento pubblicato sul sito “Rivoluzione Ittirese” inoltre noto varie contraddizioni:

- 1°) Attribuisce l’idea e la proposta, non all’Amministrazione, ma ed un fantomatico Ingegnere “X” di cui però non fa il nome.

- 2°) Ci dice che la Piazza la si vorrebbe trasformare in “pedonale” (anche se lo è già!), ma allo stesso tempo la si vorrebbe trasformare in un <punto di convergenza automobilistico>, dal momento che i parcheggi servono appunto a questo !!!!!!!

- 3°) Dichiara, inoltre, quanto segue: “Succede che le Amministrazioni, pur di portare fondi rilevanti alla propria comunità sono costrette a creare delle idee che si allineano, più a ciò che chiedono i bandi in questione, che alle reali esigenze della propria comunità”……!!!!!??????

Quindi devo dedurre che anche l’amico Sau non giudica l’intervento suggerito all’Amministrazione dall’Ingegner “X”, una reale esigenza della comunità, ma pur di portare fondi, anche se superfluo, lo approva e lo propone a finanziamento.

UNA DOMANDA ALL’ASSESSORE SAU

Mi domando: “…..e se domani venisse fuori un bando che finanzia porti o aeroporti e qualche progettista ce ne proponesse uno già pronto a gratis da realizzare a “Su Padru”, nella speranza che in caso di vittoria gli venga affidata la Direzione dei Lavori (peraltro non dovuta!), Sau la voterebbe ugualmente???? E l’Ufficio Tecnico del Comune anche?????, considerato che l’Amministrazione e l’Assessore Sau nell’articolo chiarificatore asseriscono che: ”Il Comune (CITTA’) di Ittiri non ha nel proprio organico, nell’Ufficio Tecnico, una figura professionale all’altezza di redigere un tale progetto“, quindi, si continuerà a dichiarare (falsamente) nelle delibere che i progetti sarebbero farina del suo sacco attribuendosi i “meriti e gli oneri” previsti dalla progettazione e dal Fondo incentivante? Inoltre medito: ma questo fondo lo chiamano <incentivante> per far produrre di più i dipendenti pubblici o per far sì che questi procurino lavori “gratis”, fatti da professionisti generosi????

Infatti la Delibera di Giunta Atto n°109 del 07/08/2012 da voi approvata cita testualmente :

<Approvare il progetto preliminare di riqualificazione urbana redatto dal Tecnico Comunale che prevede una spesa complessiva di € 600.000, di cui € 510.000 a base d’asta, e alla voce “B1”: ‘Spese tecniche progetto, DD.LL, € 60.000 ed alla voce “D1” Imprevisti e fondo incentivante € 4.496’>.

UN’ULTERIORE RICHIESTA DI CHIARIMENTI

A questo punto mi domando: “A chi andranno i 60.000 euri del progetto, inseriti nella richiesta, se l’Ingegnere lavora gratis? E perché l’ufficio Tecnico attinge al “fondo incentivante”, visto che in realtà si è limitato a firmare ciò che l’Ingegner “X” - come voi sostenete - ha regalato il progetto, “con la speranza, in caso di vittoria, gli venga affidata la Direzione dei Lavori “?

Non solo ma mi chiedo :

  • A) A quanti altri professionisti il Comune di Ittiri consente di proporre idee a gratis con l’illusione di un incarico di Direzione dei Lavori e questi, sulla base di cosa vengono scelti? Per abilità o simpatia? visto che da questi si accettano ed accolgono positivamente progetti definiti da voi stessi “un’opera che non è assolutamente prioritaria ”. <Tanto il comune non avrebbe speso niente, era un tentativo semmai per accedere a fondi fuori bilancio ordinario e dare la possibilità a qualche impresa di lavorare>.

  • Faccio notare che dati gli importi probabilmente il lavoro non sarebbe stato realizzato certamente da un’impresa locale.

  • B) Non sarà che questo stato di cose condiziona un po’ il sistema degli incarichi professionali delle Direzioni dei Lavori, per esempio? Viene un po’ difficile negare un incarico ad un cortese professionista, dopo che questo ha fatto fare un figurone e procurato un incentivo dal fondo incentivante all’Ufficio Tecnico, fornendogli un progetto “bello pronto da firmare” come suo, pur non essendo chi firma, come da voi sostenuto, una “ figura professionale all’altezza di redigere un tale progetto”?

  • C) Ma sarà legale questo modo di amministrare la cosa pubblica ?

  • D) E’ giusto che anziché programmare e cercare di attuare cose utili si vada avanti accogliendo proposte, ad investimento di future offerte da parte di professionisti “gentili e generosi” ?????

  • E) Ma questo sistema da quanti anni va avanti? Quante sono state le opere relizzate, non perché necessarie, ma solo perché l’Ingegner “X” o, altri come lui, hanno azzeccato il bando????

NON SI TRATTA DI SPECULAZIONE POLITICA

Chiedere spiegazioni sulle sue azioni amministrative ed affermazioni non è speculazione politica, ma un mio sacrosanto dovere civico verso i cittadini che anche io, come Voi, rappresento in Consiglio comunale. Inoltre le ricordo, caro Assessore, che io non ho vantaggi personali né utili di gettone di presenza. Infatti sono l’unico Amministratore presente in Consiglio che rinuncia volontariamente ai gettoni di presenza per devolverli in beneficienza.

Mentre mi meraviglia il Vostro distorto concetto di Civil-città, perché “è grave affermare di questi tempi che si vogliono dilapidare soldi pubblici, in <…opere non prioritarie>, perché tanto il Comune non avrebbe speso niente, ma erano soldi dello Stato o della Regione”. Equivale a dire che la cosa pubblica può essere sprecata, tanto non è nostra.

Complimenti per il vostro forte senso civico ed esempio di indecorosa amministrazione. La forte crisi che tutti in questo momento stiamo attraversando è dovuta proprio a tante opere e sprechi non prioritari come quello che avete “provato a pro… porci”.

Ringrazio il sito di “Rivoluzione Ittirese” per l’opportunità d’espressione offertami, dal momento che Sindaco ed Assessori, con il loro comportamento mi ostacolano.

Giampiero “Zampa” Marras

Consigliere comunale di “Sardigna Natzione Indipendéntzia” e

Capogruppo consiliare di <Sinistra Identitaria Sarda pro Ittiri>.

Ittiri. li 18 Ottobre 2012.



Con tag Prima Pagina

Commenta il post

Marco Cannas 10/19/2012 09:11


Saludi Zuanne Perdu e saludi a totus is amigus itiresus, no mi spantara po nudha sa manera'e fai chi tenniri calincun'aministradori, casi ca pentzanta ca de su dinai e de su beni de sa comunidadi
podinti fai e sfai! Is progetus bandant istudiaus, nantis de totu tenendi a contu s'Impatu Sociali e apustis Ambientali. De is atobius e de is arrexonus depinti nasci is scioberus po fai is
bidhas sardas a misura nostra, is pratzas antigas abbarrinti antigas, mancai si podinti ponni luxis chi arregordinti su tempus passau. Su essi palas a pari no serbiri a nisciunus, no s'agiudara a
cresci, a isvilupai bideas e progetus chi boghinti trabballu. Intzandus, candu is personas arribbant a su scatzu, est mellus a fai calincunu passu a coa e amenti frida a torrai a pesai is sortis
de is bidhas!