Aveva ragione il Prof. Di Bella e torto marcio l' On. Rosy Bindi, meglio nota come "più bella che intelligente" ! Quali interessi voleva tutelare allora ?

Pubblicato il da Carmela Verys

Milano, febbraio 2013.

A cura di Carmela Verys

accuse1.jpg

Ricordo come fosse ieri la conferenza stampa tenuta dall' On. Rosy Bindi, allora Ministro della Sanità, in occasione

della comunicazione sulla affidabilità o meno del “Metodo Di Bella”. Ricordate ? Si era presentata con quel suo piglio deciso, quasi mascolino, sempre più bella che intelligente, circondata dai Grandi Luminari della scienza, dai Grandi Esperti in materia tumorale, dai cosiddetti “Saggi” che tutto sanno e tutto vedono ! La ricordo bene quella giornata. Forse una delle più tristi che l' Italia intera abbia mai conosciuto. Il viso della Bindi, a tutto schermo sulle televisioni di Stato all' uopo convocate in pompa magna, era tutto un fiorire di compiacimento verso se stessa ed i risultati a cui la “sua” commissione era giunta, tradiva la sua grande soddisfazione per aver bloccato, tutelando interessi certamente alti e cercando di rovinarne la carriera e lo spirito dell' Uomo, questo metodo di cura scoperto, testato, studiato e provato centinaia e centinaia di volte e che curava davvero, anzi, stando alle ultime notizie, cura davvero il Cancro. La sua soddisfazione nel fare questo ha indignato molti italiani, in primis i familiari disperati dei malati che si affidavano a questo “piccolo grande Uomo”. Tutto questo accadeva sotto gli occhi di tutti i partiti politici ancora oggi in campo; sotto gli occhi ciechi e le orecchie sorde degli stessi politici che sono ancora nel grande palcoscenico parlamentare a dirci che sono lì proprio per “fare gli interessi del Popolo”! La Rosy, come accade sempre ai mediocri, è rimasta sempre piccola. Può solo primeggiare in politica e dentro quel partito. Oggi il Prof. Di Bella si prende la sua bella rivincita, anche se, ovviamente, da morto. Allora, quando il medico-scienziato propose la sua ricetta contro il cancro, fu attaccato da subito e in maniera barbara, non solo da parte del mondo medico-scientifico, ma anche da una certa fazione politica che, mediante Rosy Bindi, mise in essere una sperimentazione falsa e chiaramente complottista.


Non è forse lo stesso tipo di azione politica – parlando di casa nostra - che ha fatto addirittura delle false interrogazioni parlamentari contro la Psiconeuroanalisi e l' Aion, confermando, ancora una volta, una certa corruttela naturalmente indifferente alla Verità e alla salute della gente ? Come mai i dubbi, le contestazioni e i tentativi di ridimensionare e di bollare come truffatori quelli che invece sono degli innovativi, degli scienziati, provengono principalmente solo da una certa parte politica ? Questo accade in tutt’Italia, da quasi sempre.

Perchè ?

LEGGETE E RIFLETTETE...


 

Umberto Veronesi Riconosce il “Metodo Di Bella”.

La Fine del Boicottaggio

veronesi-riconosce-metodo-di-bella.jpg

Il Metodo Di Bella viene finalmente promosso dalla comunità scientifica e con Umberto Veronesi e l’Università di Firenze, confermano l’efficacia della somatostatina contro il cancro.

METODO DI BELLA Dopo anni di attacchi insensati e di boicottaggi governativi e di lobby farmaceutiche, la comunità scientifica sembra si stia decidendo a promuovere il metodo Di Bella.

 

Questa volta, il riconoscimento giunge da uno scienziato di provata fama e ben accetto alla classe politica italiana. L’Istituto Europeo di Oncologia– IEO – con Umberto Veronesi e l’Università di Firenze,confermano l’efficacia della somatostatina contro il cancro.

E proprio l’Università di Firenze ha pubblicato una ricerca scientifica “Effetti combinati di melatonina, acido trans retinoico e somatostatina sulla proliferazione e la morte delle cellule di cancro al seno”, che rappresenta una conferma degli studi fatti da Di Bella, un importante punto di riferimento per la comunità scientifica. Non tutti sanno che la somatostatina è un polipeptide, sostanza composta di amminoacidi, che ha la proprietà di inibire il principale fattore di crescita, il GH, che ha un ruolo fondamentale nell’insorgenza e proliferazione neoplastica.
Nel
centenario della nascita dello scienziato più discusso, è riabilitata una terapia che per soli fini politici, fu bocciata e ritenuta tossica dal Ministero della Sanità nel 1998, dopo un’assurda e contestata sperimentazione.
Ma
Luigi Di Bella, con il figlio Giuseppe ed i suoi collaboratori, nel silenzio generale ha continuato le sue ricerche, ricevendo migliaia di pazienti e ottenendo una vasta e proficua collaborazione con medici e farmacisti che confermano la bontà della terapia, segnalando ottimi risultati in tutt’Italia.

L’ultimo caso, che fa ben sperare, riguarda un giovane calabrese affetto da carcinoma squamo cellulare rinofaringe, che ha rifiutato le terapie classiche, rivolgendosi allo staff di Di Bella. Sottoposto al contestato metodo, il paziente dopo due mesi lo IEO ha confermato che la lesione appare ridotta da T2 a T1".
Grazie a questo referto, e con l’intervento del Tribunale, l’ASL è stata obbligata alla somministrazione gratuita della terapia. Un’ importante rivincita per lo scienziato di origini siciliane morto nel 2003, troppo frettolosamente bollato come un ciarlatano.

Lo studio dell’Università di Firenze è stato in seguito pubblicato sulla rivista “European Journal of Pharmacology”, ricevendone l’approvazione dall’istituto IEO, dopo il verificarsi della guarigione di cellule tumorali al seno di una trentenne.
Ora, nessuno può negare che la terapia ideata da
Luigi Di Bella è efficace per combattere il cancro.

Fonte: 

http://www.laleva.org/it/2012/12/umberto_veronesi_riconosce_il_metodo_di_bella_la_fine_del_boicottaggio_.html

 


 

 

  Altra notizia non meno importante riguarda l' atteggiamento assunto dal giornalista Piero Angela, ideatore di Quark e di altre trasmissioni di un certo interesse medico-scientifico, che credevamo divulgasse quelle verità che da troppo tempo le lobby ci tenevano nascoste. Vi proponiamo un video rivelatore.

 

Le bugie di Piero Angela il cosiddetto “divulgatore scientifico”

 

Il CICAP di Piero Angela nel 2012 ha attaccato, insensatamente, la proposta da parte di un medico che ha studiato la Psiconeuroanalisi, il Dr. Dettori G., rendendo il tutto alquanto ambiguo per un uomo come lui che, in apparenza, difendeva la scienza .

Oggi sappiamo cosa si nascondeva dietro il buon Piero Angela e i suoi amici di lavoro di CICAP.

 

VEDETE UN PO' QUESTO VIDEO E FATE LE VOSTRE CONSIDERAZIONI.

 

(PIERO ANGELA NON DICE LA VERITA')

 

http://www.youtube.com/watch?v=mOH8ad42l5A

 

 

Con tag Prima Pagina

Commenta il post